Ripe: contenziosi edilizi, la storia di un imprenditore edile

edilizia Senigallia 05/04/2011 -

Impantanato in una burocrazia senza fine. Prima l’ufficio tecnico gli approva il progetto poi lo denuncia per abuso edilizio. È quanto accaduto a Sante Rosci, imprenditore edile che opera nei comuni del senigalliese, che ha un contenzioso in atto con il comune di Ripe.



"Tutto è cominciato nell’agosto 2008 quando ho presentato il progetto per la costruzione del fabbricato residenziale, da dieci appartamenti, in via Manzoni a Ripe, il cui permesso è stato rilasciato dall’ufficio tecnico del Comune il 7 marzo 2009 – spiega Sante Rosci – la cosa incredibile è che il 4 dicembre 2010, quando ormai il fabbricato era concluso, mi è giunta un’ordinanza da parte del Comune in cui si dichiarava che avevo commesso un abuso edilizio e che sarei andato incontro ad una sanzione amministrativa. Praticamente, secondo l’ufficio tecnico, ciò che era perfettamente regolare prima, non lo era più dopo.

A mio parere ad aver cambiato le carte in tavola dal 2008 ad oggi, è stato il contenzioso avuto con la confinante di via Pascoli. Sono infatti stato raggiunto da una denuncia in cui il vicinato richiedeva un risarcimento di 200 mila euro di danni per danneggiamento al condominio confinante, a fronte di danni zero. Dopo la querela sono seguiti sopralluoghi, ricorsi e controquerele. Come ditta Sima Immiliare s.r.l. ho continuato i lavori fino all’ottobre 2010, quando il Comune di Ripe emise un’ordinanza in cui si diceva che il muro di contenimento non era conforme alle norme urbanistiche.

Oggi mi sento un uomo perseguitato perché il muro di contenimento in questione è stato regolarmente approvato dagli organi competenti del Comune di Ripe, ulteriormente riapprovato con Variante il 20.11.2010 e ho già avuto modo di confrontarmi col sindaco Conigli ma la questione non sembra chiarirsi. Da più di 20 anni progetto ed eseguo regolarmente i lavori edilizi, e chi mi conosce sa bene che opero sempre secondo le regole, per questo procederò legalmente per il risarcimento danni sia a livello materiale che morale.






Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2011 alle 19:02 sul giornale del 06 aprile 2011 - 1120 letture

In questo articolo si parla di attualità, ripe, sante rosci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jiA