Recanati: Terremoto in Giappone: una recanatese a Tokyo, 'Sto bene'

Terremoto Giappone 1' di lettura Senigallia 12/03/2011 -

Simone Boria e Francesco Olivi di Senigallia ed Alessandra Magini di Recanati si trovavano a Tokyo il giorno del sisma che ha provocato migliaia di morti in Giappone.



Francesco Olivi, ingegnere 37enne senigalliese che ora vive a Recanti con la moglie Alessandra Magini, si trova in Giappone per conto dell'azienda per cui lavora.

Simone Boria, amico di lunga data di Francesco ed Alessandra Magini si erano recati a Tokyo proprio in questi giorni per una visita ed una breve vacanza.

Le comunicazioni con i tre sembrano ancora essere piuttosto complicate, Franscesco è riuscito a mettersi in contatto con i parenti più stretti e con alcuni amici solo tramite sms. Da un numero di telefono cellulare nipponico, i tre sono riusciti a far sapere che “stanno tutti bene”.






Questo è un articolo pubblicato il 12-03-2011 alle 10:30 sul giornale del 14 marzo 2011 - 2016 letture

In questo articolo si parla di attualità, michele pinto, terremoto, giappone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ipO


Sirach Harlock

Coraggio ragazzi! Siete sopravvissuti a cose ben peggiori.

lucia olivi

sono lucia, la sorella di francesco.
mio fratello, la moglie e la cognata, e simone stanno tutti bene;
francesco nel pomeriggio verrà trasferito a singapore insieme ai suoi colleghi di lavoro, tutti gli altri sono già in volo e arriveranno a senigallia in serata.
le comunicazioni con mio fratello non sono state semplici ma per fortuna con il cellulare aziendale siamo riusciti a rimanere in contatto da subito tramite sms;al momento della prima scossa mio fratello si trovava in ufficio a 20 km da tokyo e, per raggiungere la moglie e gli amici nell'albergo di tokyo dove anche lui alloggiava, ha dovuto percorrere tutta la strada a piedi( circa 4 ore e 30 minuti.

Grazie Lucia per le notizie e le rassicurazioni.




logoEV
logoEV