contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Rapvite, al via il corso di formazione sul tema della tratta e del crimine d'onore

2' di lettura
1027

di Sudani Scarpini
redazione@viveremarche.it


Rapvite, ricerca-azione partecipata sulle vittime della tratta degli esseri umani, dei crimini d'onore e dei matrimoni forzati nelle comunità immigrate. Il progetto europeo sul tema dell'immigrazione di cui il Comune di Senigallia è capofila e che che vede la collaborazione con le organizzazioni associative e non organizzative di Belgio, Francia e Bulgaria per aiutare i giovani e le donne ad integrarsi. Particolare attenzione infatti viene posta a queste due categorie in quanto spesso vittime o più esposte al rischio di violenza.

Una violenza legata per lo più a prassi culturali legati al paese d'origine. Pertanto il Progetto europeo 'Rapvite', che affronta la tematica dell'immigrazione a 360° anche on-line per essere vicino a tutti, è organizzato dal Centro Interateneo Ricerca della Didattica e Formazione Avanzata ed è stato suddiviso in più fasi. Dal mese di maggio a quello di dicembre 2010, alcune mediatrici interculturali hanno svolto un'indagine sul territorio del Comune e delle zone limitrofi tra i cittadini immigrati. Nel corso degli incontri hanno raccolto dati autobiografici e informativi circa gli usi e costumi delle loro comunità rispetto alla tratta degli esseri umani, crimini d'onore e matrimoni forzati.Inoltre le mediatrici interculturali, che sono andate di casa in casa, hanno anche raccolto testimonianze dirette su queste tematiche. "Un risultato importante -sottolinea Esoh Elamè, docente dell'Università Cà Foscari- perchè sono stati intervistati 2500 immigrati in più di 10 Paesi europei, che di solito non amano affrontare queste tematiche preferendo tacere per vergogna".

Dal prossimo 14 marzo a giugno 2011, poi, il Comune di Senigallia avvierà un corso formativo sul tema 'Azione e Prevenzione dei fenomeni di violenza legata a pratiche tradizionali e culturali delle comunità immigrate' rivolto agli operatori sociali, sanitari, scolastici e alle forze dell'ordine finalizzato all'acquisizione delle competenze necessarie e specifiche per intervenire, identificare e prevenire tali situazioni. "Il Comune di Senigallia, da sempre attento e sensibile al tema dell'immigrazione -dichiara l'assessore alle Politiche sociali Fabrizio Volpini- è fiero di essere al fianco degli immigrati e di essere attivamente partecipi". Il corso, che prevede un iter differenziato in base ai target, consta di due modalità di formazione:
-in presenza, che si svolgerà a Senigallia;
-on-line, attraverso una piattaforma virtuale di studio accessibile a tutti e che garantisce il maggior numero di presenze e partecipazione.

Nel frattempo però, i vari partner del Progetto europeo, si sono riuniti a Senigallia per un confronto sui risultati dell'indagine svolta nei diversi Paesi attraverso la somministrazione di un questionario alle donne immigrate finalizzato a far emergere le diverse problematiche in tema di matrimoni forzati, tratta e cimini d'onore.





Questo è un articolo pubblicato il 25-02-2011 alle 17:20 sul giornale del 26 febbraio 2011 - 1027 letture