I residenti sull'area pedonale: 'Danneggia il centro e il commercio'

5' di lettura Senigallia 23/02/2011 -

Sono una residente del centro storico,e scrivo questa lettera per esprimere il mio disaccordo verso il nuovo riordino del traffico e i disagi che comporta non solo per noi residenti ma anche e soprattutto per i commercianti e la loro clientela e per tutti coloro che devono raggiungere il centro per lavoro, o semplicemente per piacere.



In via Oberdan e via Chiostergi sono stati cancellati 50 parcheggi. In questo momento di crisi, in cui si dovrebbe incentivare il commercio, il nuovo riordino del traffico rappresenta una vera mazzata per quelle attività del centro, che sopravvivevano a stento, in seguito a questa ordinanza , alcuni possono solo chiudere. Il centro storico senza auto è sicuramente più bello, ma adesso è completamente deserto e senza vita e di questo dobbiamo ringraziare le autorità comunali che si ostinano a praticare non si sa bene quale politica invece di scendere a compromessi. Fino dalla notte dei tempi il commercio per il centro storico è di fondamentale importanza in quanto rappresenta il motore per l'economia di qualsiasi città. Ricordiamoci una città cresce quando il denaro rimane nella propria città, non de localizzato magari fuori provincia o addirittura fuori nazione come fanno i centri commerciali , portando via il nostro denaro e il denaro dei nostri Turisti, che vengono per ammirare la nostra città , compresi i centri storici.

Se in questi giorni giriamo nelle vie intorno al corso 2 Giugno notiamo un sacco di cartelli con scritto "affittasi", chiusure di attività' importanti storiche come abbigliamento TarducciI , il nostro centro storico sta morendo , sta diventando uno ZOMBI , provate a venire in centro durante la settimana, magari dopo le h 20.00 , in certe vie quasi da averci paura. Sono d'accordo che bisognava trovare una soluzione per via Oberdan, per l' uscita di scuola dei bimbi dalla Scuola Pascoli, la soluzione la si poteva trovare il qualche tavolo di concertazione . Se questi 50 parcheggi sono stati tolti, bisogna crearne altrettanti , nelle vicinanze,. Il comune dovrebbe rinunciare ai parcheggi a pagamento, ci deve essere il giusto rapporto tra parcheggi liberi e quelli a pagamento , qui sono diventati tutti a pagamento o con disco orario da mezza' ora, poi magari l'organo di controllo , vigili e ausiliari , magari aspettano il minuto che scade per sanzionarti. Essendo una residente non pretendo di essere il padrone della strada o che la città sia mia.

Se ho casa in centro storico in qualche posto devo pure parcheggiare? il permesso per residente a cosa mi serve ? il permesso per la seconda macchina che costa 100 euro all'anno a cosa mi serve? E' inutile che posso entrare ogni volta che posso in ztl vicino alla mia abitazione con sosta di mezz'ora con disco orario , cosa ci faccio ? Immaginiamo che torno con la spesa , scarico la spesa , poi devo ripartire per spostare la macchina , trovare un parcheggio , che non si trova, creare ancora traffico per cercare parcheggio ,magari parcheggiare da via Oberdan dove risiedo a piazza Garibaldi ,devo ricordarmi di spostarla il giovedì' mattina altrimenti il carro attrezzi me la porta via per il mercato. Immaginiamo che ci sono degli acquazzoni o che torno per la pausa pranzo , metto il disco orario e mangio con la fionda ? Immaginiamo che torno a casa con mia figlia , magari di 4 o 5 anni , che si addormenta in macchina , deve scaricare bagagli, lasciare mia figlia da sola in casa , per poi andare a parcheggiare la macchina ? magari lontano ? Magari tra trovare il parcheggio e ritornare a casa ,forse trascorre anche un ora un ora e mezza , con mia figlia a casa da sola o magari in braccio da piazza Garibaldi a via Oberdan? Immaginiamo mia figlia a 20/25 anni o mia moglie che esce con delle amiche , torna a tarda sera ,mettiamo intorno alle 1.00 /2.00 di notte , trova il parcheggio in piazza Garibaldi o lungo i portici Ercolani , deve fare il tragitto di notte a quell'ora ,in mezzo alla settimana ,tragitto di strada con vicoli bui e con angoli nascosti . Visti i tempi, con tutti questi balordi che ci sono in giro , quello che si sente tutti i giorni per televisione , stupri , rapine, aggressioni, ecc.. Stiamo scherzando,se succedesse qualcosa a me e la mia famiglia , qualcuno ne dovrà rispondere , se ne deve prendere la propria responsabilità'!!! Devo, io e mia figlia ,poter parcheggiare per lo meno vicino alla mia abitazione .

La sicurezza dove la mettiamo? Nel periodo invernale la situazione per le forze del' ordine è più' controllabile , ma d'estate ,quando la città' si triplica e magari non sappiamo chi abbiamo di fianco o incrociamo? La soluzione ci sarebbe ,basta che in via Oberdan si creasse magari in un solo lato una ventina di parcheggi , che sarebbero sufficienti ,in via San Martino sempre in solo lato anche qui una ventina di parcheggi, per risolvere tutto questo. Vogliamo ancora de localizzare il commercio nei centri commerciali? Non basta il male che ci anno fatto ? Una critica la volevo fare anche alle Associazioni di Categoria Tutte senza distinzioni , che nei tavoli di trattativa o di concertazione con l' amministrazione non abbiamo difeso abbastanza i commercianti in tutta questa storia , che poi sono proprio le attivita' i residenti , gli artigiani che con difficoltà' vanno sempre avanti a testa bassa e contribuiscono alle Associazioni di Categoria , ai Comuni , ecc. Se il commercio viene a mancare i residenti non ci sono più' , il centro muore , ci rimettono tutti senza più' risorse . Spero che Lei mi possa dare una risposta positiva , sia ai Commercianti che anno bisogno di certezze per andare avanti, sia per noi residenti che abbiamo bisogno che non si creano disagi.


da Serenella Petrolati
residente del centro storico




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2011 alle 19:23 sul giornale del 24 febbraio 2011 - 3500 letture

In questo articolo si parla di attualità, Serenella Petrolati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hKS


Prima di fare certe scelte azzardate, bisognerebbe creare infrastrutture capaci di sopperire agli attuali spazi per parcheggiare. Vedasi parcheggi multipiano fuori terra, rispetto a quelli sotterranei che costano un occhio della testa non solo come costruzione ma anche come manutenzione. Vi sono finanziamenti europei proprio per i parcheggi scambiatori. Basterebbe posizionarne uno alla ex GIL ed uno alla Pesa Pubblica. A parte l'utilizzo di chi in Centro storico ci lavora o ci va per fare shopping, si potrebbero affittare ai residenti con buona pace dello smog e del rumore dei sampietrini sconnessi.

Sono perfettamente d'accordo con la signora Petrolati e sulle sue considerazioni di "vita vissuta".
I nostri Politici, transeat per quelli nazionali ma anche quelli locali, non hanno ancora imparato a coniugare il termine "PROGRAMMAZIONE" ed il termine "CONCERTAZIONE" che sono propri delle economie avanzate.
L'unica cosa che cercano di gestire è l'EMERGENZA!
Ma è il gatto che si morde la coda, perchè se non c'è programmazione ci sarà sempre emergenza.
E l'emergenza è la madre dei gattini ciechi.

l.m.deserto

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Rimango sconcertato dalla lettera della signora.
Ma veramente lei crede che le attività chiudono perchè è stata leggermente ampliata la ZTL? E tutte le menate su dove parcheggiare perchè, poverina, abita in Via Oberdan? e le frasi al metro cubo tipo "deve fare il tragitto di notte a quell'ora ,in mezzo alla settimana ,tragitto di strada con vicoli bui e con angoli nascosti" oppure "Visti i tempi, con tutti questi balordi che ci sono in giro , quello che si sente tutti i giorni per televisione"? Se è questo il problema, mia cara signora, le cedo la mia abitazione in frazione, così poi c'ha il garage, i balordi in giro non ci sono, al giovedì non c'è mercato e potrà riacquistare la sua serenità. Poi magari si renderà conto che dover prendere la macchina per qualsiasi commissione, dover parcheggiare allo stadio o al mare (cosa che peraltro reputo giusta), dover rimanere impantanati nel traffico per qualsiasi manifestazione si svolga a Senigallia, è peggio che vivere in via Oberdan! E comunque tutti questi problemi di parcheggi a Senigallia io non li vedo e si che come ho detto sopra la macchina la devo prendere sempre. I negozi cara signora chiudono perchè non c'è più un euro, perchè di gente come me, disoccupata a 31 anni e ce n'è sempre di più e i jeans del Chatwin se li possono permettere sempre meno persone. Così come le case in via oberdan.

Tutte cose sensate.
Ma temo che, avendo espresso tutte cose sensate, resteranno nel dimenticatoio.
Non va più di moda, signora, andare al lavoro in auto. Deve andarci in bici, anche se lavora a Montignano.
E inoltre, cosa ancor più grave, ha osato dire che in giro ci sono balordi e che la città forse di notte non è sicura. Ma è impazzita????

Al più la liquideranno tacciandola di essere leghista, o, peccato ancor più grave, di essere berlusconiana.

Complimenti per l'analisi precisa e puntuale.

Pienamente d'accordo con leotex.

Ricordo che fino al 2001 (capite bene...2001)
Parcheggiavo liberamente con disco orario 30 min. in Via Oberdan e Via Chiostergi.
Il posto lo trovavo sempre, facevo le mie commissioni veloci negli esercizi e me ne andavo.
Funzionava benissimo.
Da quando é entrata questa moda nazionale di far pagare tutto solo ai conducenti di autovetture e di sconvolgere la mobilitá delle cittá, la realtá s´é trasformata in un incubo ed il passato in un bel ricordo.

Nel 2001 non c'erano in giro tante auto come oggi.

sere

Commento sconsigliato, leggilo comunque