Conti, progetto per pianificare il servizio di trasporto urbano

autobus trasporto pubblico 5' di lettura Senigallia 19/02/2011 -

Piccolo esempio di come si può pianificare il servizio di trasporto urbano in una città come Senigallia. Territorio, Utenze Potenziali, Uffici di Pubblico interesse e Scelte di Fondo se si desidera che il centro storico sia libero ai mezzi privati oppure venga servito esclusivamente dal mezzo pubblico.



Territorio. Anche nelle aziende sanitarie si comincia a parlare di Area Vasta ovvero l'Intercomunabilità. Nel nostro caso il mezzo pubblico dovrebbe essere usato dai potenziali utenti che si trovano all'estrema periferia del comprensorio.
Utenze Potenziali. Le maggiori utenze potrebbero venire dagli addetti delle fabbriche presenti sul territorio del comprensorio con aziende senigalliesi presenti nei comuni viciniori. Si dovrebbe proporre u n sondaggio nelle aziende per sapere quante persone sono disposte ad usare il mezzo pubblico nell'orario di apertura e chiusura delle stesse. Per contro si propone che nei parcheggi scambiatori vi siano delle tettoie per i mezzi privati e custoditi, come all'interno delle aziende stesse.
Uffici di Pubblico Interesse

Su dette linee Arceviese e Corinaldese si affacciano tante località che potrebbero contare sulle utenze dirette ad esempio al Catasto, Ospedale, Agenzia delle Entrate etc. e tante utenze che possono usufruire del bus per fare la spesa nei centri commerciali sparsi nel territorio.
Bus Raccoglitori.
Le classiche linee Interurbane Arceviese e Corinaldese ove fosse possibile, coniugare con il servizio per gli studenti in partenza da Senigallia per i pendolari delle aziende verso l'interno ed al ritorno la raccolta degli studenti verso i plessi scolastici. Lo stesso dicasi verso le ore 12 dove le fabbriche chiudono, riportano gli a ddetti per il pranzo e successivamente con corse potenziate riprendono sia gli studenti che escono da scuola che gli operai che ritornano in fabbrica per il turno pomeridiano.
Poichè da recenti notizie di stampa è previsto un collegamento interprovinciale Marotta-Senigallia, la linea 1 Cesano andrà soppressa.

Pertanto, la nuova linea 1dovrà comprendere il seguente percorso:
Linea 1
Stazione FS, A. Caro, Rossini, Cellini, Mattei, Giotto, Tintoretto, Canaletto, Modigliani, Cimabue, Strada della Marina, Adriatica Nord, Quartiere Edra (Capolinea), ritorno sullo stesso percorso con parte finale Ponte Garibaldi, Portici, Stazione F.S.
Linea 2/A
Questa linea dovrebbe ricalcare il percorso della linea 5.
Dovrebbe avere il seguente percorso: Stazione F.S., A.Caro, Rossini, Monteverdi, Molinello, Cilea, Zanella, Mameli nord, Piazzetta Cesano (Capolinea). Nel ritorno dopo via Cilea, percorrerebbe via Verdi, Boito, Rossini, Portic i Ercolani, Stazione F.S. Ex linea 6
Linea 2/B
Percorso della 2/A solo che dopo il sottopasso Zanella prende per Mameli sud, Navalmeccanico e piazzale Bixio. Al ritorno stesso percorso della 2/A
Poichè il lungomare Mameli in estate è di difficile transito ai bus di di portata superiore, è auspicabile l'uso di Minibus.
Circolare Ovest:
Stazione FS, A.Caro, Rossini, Po,tratto inziale Camposanto Vecchio con fermata nei pressi del parcheggio dell'Ospedale, via Cupetta, XVIII Settembre, riprende per via Po, Borgo Ribeca, Nuovo Piazzale Cimitero Maggiore delle Grazie, Borgo Catena, Cannella, (CAPOLINEA) via della Chiusa, Vallone, Borgo Passera, zona Caip Borgo Bicchia, IV Novembre, Stazione FS.
Circolare Est
Stazione FS, Leopardi, Ponte Zavatti a destra verso il Cityper, per riprendere la via Arceviese, Borgo Bicchia, Passera, Vallone, Via della Chiusa, Cannella, Borgo Catena, Parcheggio Cimitero Maggiore, B orgo Ribeca, Po, Rossini, Portici Ercolani, Stazione FS.
Linea 3
Stazione FS Lato Rocca, Bonopera, Penna, Podesti, Ponte Rosso, Rieti, Da Vinci, Italia con Capolinea nei pressi del nuovo sottopasso che porta in via Villanova di Montignano. (Interscambio con la linea Interfrazionale) Al ritorno riprende Lungomare Italia, Da Vinci, sottopasso Ciarnin, Podesti, Tolomeo, Copernico e ritorno Saline, coop Saline, Garofani, Gerani, Matteotti, IV Novembre e Stazione FS.
Linea 4 (Freccia Rossa)
Stazione FS lato Rocca, Bonopera, Podesti, Ponte Rosso, Rieti, Da Vinci con Capolinea Hotel Ambasciatori, ritorno Da Vinci, Alighieri, senso unico ribaltato rispetto all'attuale, (vedi mio piano del traffico) Ponte Rosso, Podesti, Stazione FS.
Linea 5
Stazione Fs, Leopardi, Ponte Portone e Zavatti, Cityper, Rotatoria Autostrada, D'Aquino, Capanna, Dei Pini, Saline, Copernico, (Capolinea) Al ritorno da via D'Aquino, G. Bruno, IV Novembre e Stazione FS
La linea 3 e 5 in un prossimo futuro potrà avere dei potenziali clienti per i nuovi insediamenti lungo la via Saline.
Per quanto riguarda la zona Marzocca, Montignano e Castellaro, a mio parere far partire un mezzo da Senigallia che poi ripercorre fino a Marzocca la stessa linea Interurbana Senigallia Ancona è solo uno spreco di risorse. Vedo molto meglio un servizio per così dire Interfrazionale che dovrebbe avere il seguente percorso:
Partenza da Piazza Cameranesi, Garibaldi, cimitero di Montignano (potenzialità di utenze) Montignano Centro, e Castellaro con ritorno a Montignano, via Oberdan, Villanova, Sottopasso F.S. lungomare Marzocchetta, (interscambio Linea 3) con ritorno sulle stesse vie, cimitero Montignano, XXIV Maggio, De Amicis, Piazza Cameranesi.
Calcolando le coincidenze sia da Senigallia Ancona da una parte e dalla linea Cotran Montemarciano Ostra al Castellaro dall'altra si avrebbe una grossa mobilità usando dei Minibus ma con più corse nella stessa giornata.

Scelte di Fondo
Nel Centro Storico di Senigallia sono presenti i più importanti Uffici Pubblici oltre a tante attività commerciali. Si trova in pianura ed è raggiungibile anche in bicicletta per la maggior parte dell'anno. Ha fatto bene l'Amministrazione Comunale a creare tanti percorsi ciclabili.
Queste persone non saranno quasi mai utenti del Servizio Bus Urbano salvo nei mesi freddi. Vista la cronicità attuale dei parcheggi attorno alle mura settecentesche per gli utenti che frequentano il Centro Storico si impongono delle scelte precise.
Estendere la ZTL alla quasi totalità del centro comporta un aumento di Bus perchè si eliminano i tanti parcheggi anche a pagamento.
Per contro detti parcheggi fanno comodo anche alle casse comunali ma l'inquinamento regna sovrano.
L'unica soluzione ponderata sarebbe che all'apertura di un nuovo parcheggio, vengano aumentate le c orse dei Bus e di conseguenza aumenti la zona a traffico limitato nel centro storico.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2011 alle 16:24 sul giornale del 22 febbraio 2011 - 2607 letture

In questo articolo si parla di attualità, autobus, trasporto pubblico, Leonardo Maria Conti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hBs





logoEV
logoEV