Paradisi: perchè il busto di Perticari è al Museo dell'Informazione?

roberto paradisi 1' di lettura Senigallia 18/02/2011 -

Il consigliere comunale del Coordinamento Civico Roberto Paradisi ha presentato un'interrogazione a risposta scritti in merito al busto di Giulio Perticari.



Io sottoscritto Roberto Paradisi, consigliere comunale, premesso che durante la fase del trasferimento dei beni del liceo Classico “Perticari” da Palazzo Gherardi all’attuale sede, fu consegnato in deposito al Museo dell’Informazione, il busto storico di Giulio Perticari realizzato da Enrico Mazzolani;

A distanza di dieci anni, solo oggi vengo a sapere che quel busto, che da sempre identifica il liceo Classico, è ancora inspiegabilmente e indebitamente trattenuto presso il Museo dell’Informazione di Senigallia;

CONSIDERATO CHE in queste settimane inizieranno i festeggiamenti per il 150° del liceo “Perticari”, ricorrenza perfettamente coincidente con quella dell’Unità d’Italia; Il primo ciclo di conferenze inizierà infatti il giorno giovedì 24 febbraio;

E’ ormai ora che il simbolo del liceo “Perticari” torni nella sede della storica scuola non avendo senso alcuno che continui ad essere conservato presso una sede del tutto inopportuna.

Premesso tutto ciò INTERROGO per sapere Se è intenzione dell’Amministrazione comunale, proprietaria del Museo dell’Informazione, restituire immediatamente il busto del “Perticari” al suo legittimo proprietario e così permettere alla scuola di festeggiare il suo 150° anno di vita riposizionando il proprio storico simbolo nei locali del liceo Classico.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2011 alle 17:35 sul giornale del 19 febbraio 2011 - 2754 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica, coordinamente civico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hz7


Rebecca

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Se questo é il fare politica dell´opposizione senigalliese in generale dopo un anno preferisco rimanere qui dove sto adesso...a 20000 km. di distanza...

Ma, scusate, cosa c'entra "il modo di fare politica" o "la questione capitale" etc. etc.
E' una semplice interrogazione. Mica il programma politico di Paradisi...ma guarda questi oh...

Pensate che quella cagata pazzesca del "M'illumino di meno" sia più importante?

A proposito...dove sono finiti i quadri che sono scomparsi da palazzo Gherardi per l'incuria dell'amministrazione?

Scusate se non è una questione capitale...sapete com'è...è una semplice domanda.

Definire una inizitiva come "M'illumino di meno", una cagata pazzesca, identifica alla perfezione quale sia il livello intellettivo di certe persone.
Perchè non serve una esagerata dose di intelligenza, per capire che quella iniziativa serve a sensibilizzare la popolazione al "risparmio energetico", forse l'unico mezzo a nostra dispozione per salvare il pianeta dalla distruzione.
Ma da chi è favorevole alle centrali nucleari, cosa puoi aspettarti, se non queste poverissime esternazioni.

Off-topic

confermo, quella iniziativa è una cagata pazzesca

se si vuole sensibilizzare la popolazione al risparmio energetico, basta rendere economicamente vantaggioso il comportamento vistuoso, perché la "popolazione" non campa di sensibilizzazione ma di Euri

Eccone un'altro...
Perchè risparmiare energia non è forse vantaggioso?
Se consumi meno elettricità, meno carburante, meno acqua, non risparmi soldini?
Il risparmio energetico è l'unica energia alternativa a disposizione di tutti, subito, e l'unica che ti ripaga, economicamente e in salute, dal momento stesso che la metti in pratica.
Poi se ancora vogliamo avere l'aria condizionata sempre accesa, il riscaldamento a 22°, l'auto (diesel o benzina) da 200cv che pesa come un TIR...
C'è la possibilità per tutti di avere auto a metano o gpl, c'è la possibilità per tutti di usare lampade a basso consumo, c'è la possibilità poer tutti di sopportare il caldo in estate, c'è la possibilità di mettere un maglione in più piuttosto che alzare il riscaldamento all'inverosimile.
Ma se tutte queste cose non volete saperle e non volete farle, allora è inutile continuare a parlare.

Off-topic

evidentemente non afferri il concetto

non si mette in discussione il risparmio energetico, anche se come viene inteso ultimamente più che di risparmio energetico su dovrebbe parlare di religione energetica

il discorso era riferito all'iniziativa "m'illumino dio meno", che col risparmio energetico non c'entra nulla ma è solo demagogia mediatica

le cose che hai scritto le sappiamo tutti, non c'è bisogno di un sacerdote che ogni volta che si osa criticare la sua religione s'indigna e dà patenti ecologiche a tutti

Ma come puoi affermare che "M'illumino di meno", è una iniziativa che non serve a sensibilizzare al risparmio energetico?
Spiegami il tuo concetto di sensibilizzazione.
Criticare è cosa da tutti, proporre alternative no.
Visto che le cose che scrivo le sanno tutti (compreso te quindi), come mai ancora c'è gente che preferirebbe aprire una centrale nucleare piuttosto che cercare di consumare meno?
Come mai ancora c'è gente che dà più importanza ad un busto piuttosto che ad un iniziativa che va avanti da anni e che per fortuna è apolitica?
Perchè lo sai, spero, che questa iniziativa raggruppa tutta l'Italia, senza distinzioni politiche o geografiche, lo sai che anche nel resto del mondo ci sono iniziative simili?