contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Odontoiatria sociale: il dentista privato 'scontato' per i meno abbienti

2' di lettura
4094

di Laura Rotoloni
vivere.biz/laurarotoloni


Da giovedì 17 febbraio sarà possibile per le fasce più deboli andare dal dentista ad un costo ridotto. Questo grazie all'accordo stipulato tra le associazioni di dentisti: ANDI (Associazione nazionale Dentisti italiani) e OCI (Odontoiatri Cattolici Italiani) ed il Ministero della Salute.

Nasce a Senigallia per la prima volta nelle Marche un'iniziativa che porta l'Odontoiatria nel sociale. Lo scopo è garantire l'accesso ai servizi odontoiatrici presso studi privati aderenti da parte di quella fascia meno abbiente di persone che non possono permettersi le cure di un dentista privato. Solo negli studi privati che hanno sottoscritto volontariamente questo accordo sarà possibile accedere a questo servizio sociale. Andare dal dentista abitualmente non sarà più un privilegio di pochi.

Chi beneficerà di questo accordo saranno le donne in gravidanza indipendentemente dal reddito per prestazioni di prevenzione, i titolari della Social Card e coloro che hanno una dichiarazione ISEE (facilmente reperibile presso i CAAF) fino agli 8mila euro, ma anche coloro con una dichiarazione ISEE non superiore ai 10 mila euro, ma aventi diritto ad esenzione dal ticket in base all'età, patologie croniche o invalidanti, inabilità al 100% o per handicap gravi, ed i bambini sotto i 12 anni.

"L'accordo - ha affermato Franco Pesaresi direttore della zona 4 dell'Asur Marche - è nato dall'esigenza di sensibilizzare le associazioni dei dentisti italiani nei confronti della società in un momento di crisi che porta gli italiani ed in particolare le fasce più deboli a vedersi negata la possibilità di permettersi il servizio odontoiatrico."

Il servizio pubblico odontoiatrico non ha i fondi necessari per farsi carico di questa situazione e garantisce solo i servizi essenziali minimi. Ma grazie a questo accordo gli studi dentistici privati potranno curare anche le persone meno abbienti e a costi ridotti.

Alla presentazione dell'accordo sono intervenuti due rappresentanti delle associazioni dei dentisti il Dott. Mimmo Andreani (ANDI) e il Dott Roberto Mazzanti (OCI) ed anche due dentisti locali che hanno volontariamente aderito all'Odontoiatria sociale: la Dott.ssa Francesca Secchiaroli e il Dott. Claudio Carbini.





Questo è un articolo pubblicato il 16-02-2011 alle 14:26 sul giornale del 17 febbraio 2011 - 4094 letture