Ztl: Mangialardi, 'I disagi iniziali presto saranno solo un ricordo'

maurizio mangialardi 2' di lettura Senigallia 14/02/2011 -

“La nuova ztl in centro storico era un atto dovuto e si va avanti con un provvedimento che porta solo benefici”. Il sindaco Maurizio Mangialardi “tranquillizza” quanti, commercianti in primis, si dicono preoccupati per il possibile calo del volume degli affari legato alla chiusura di piazza Saffi, via Solferino, via Oberdan e via Chiostergi.



“Ci vuole un po' di pazienza da parte di tutti perchè stiamo cambiando abitudini consolidate da tempo la nuova ztl era un atto dovuto perchè non possono avere auto in capo a corso II Giugno -commenta il sindaco Maurizio Mangialardi- ne vade la dignità stessa del lavoro degli operatori economici che col tempo capiranno la bontà di questa scelta. Del resto all'inizio ci vuole un po' di rodaggio, è stato così per la pedonalizzazione di piazza del Duca e anche per via Carducci. Posso comunque garantire che stiamo ragionando per apportare anche piccoli correttivi migliorativi per il carico e scarico nella ztl o per un'area di fermata veloce in prossimità dell'area”.

Anche se la ztl è entrata in vigore solo da una settimana e non è ancora possibile stabilire un bilancio preciso, il provvedimento è risultato piuttosto impattante perchè per la prima volta ha tolto le auto da quello che è a tutti gli effetti l'imbocco di corso II Giugno. A spaventare i commercianti è soprattutto il venir meno di circa 50 parcheggi proprio nel cuore del centro storico. Posti auto che avrebbero dovuto essere “trasferiti” in piazza Simoncelli, resa libera dallo spostamento del mercato del mattino. Nei fatti però gli ambulanti si sono opposti con forza a questa previsione e di andarsene non ci pensano proprio.

“Al momento anziché 1.800 ci sono 1750 parcheggi in centro e penso che si possa sopravvivere -aggiunge il sindaco- stiamo studiando i dettagli per trasferire il mercato da piazza Simoncelli a via Carducci e ci tengo a dire che ipotesi ventilate alternative quali i Portici Ercolani o il Foro Annonario non esistono”.






Questo è un articolo pubblicato il 14-02-2011 alle 23:55 sul giornale del 15 febbraio 2011 - 2022 letture

In questo articolo si parla di cronaca, maurizio mangialardi, giulia mancinelli, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hoK


stefanin

Sono d'accordo nel togliere quel casino di auto che si fermano in P.zza Saffi e all'ingresso del Corso, ma ripeto basta far rispettare quello che in parte esiste, il divieto di sosta c'è !! Si allarga si controlla meglio, magari si chiude quel pezzo in più. Ma porca miseria togliere 50 posti auto " veloci " come quelli di via Oberdan e Chiostergi senza preventivamente risolvere il problema dei commercianti di Piazza Simoncelli e creare altri 50 posti auto mi sembra sbagliato, prima si trova la soluzione e poi si tolgono 50 posti auto, importanti per tutti, non solo per i soliti commercianti e uffici, importanti per quelli che vivono in centro, che vengono a far spesa in centro. Quelli che dicono, basta far due passi, evidentemente non frequenta il centro o lo frequentano solo alla domenica.

stefanin ha colpito nel segno
50 parcheggi "veloci" come quelli, soprattutto per chi viene da fuori senigallia, erano importanti per i negozi e per i tanti uffici presenti in quella zona

ma perché in quella specie di piazzale davanti al comune non si demolisce quel fabbricato fatiscente e non si realizza un parcheggio multipiano a pagamento come ce n'è in tante città? si pagherebbe con il ricavato come succede in ancona a piazza stamira....

Scusa l'ignoranza, ma vuoi demolire il palazzo comunale per farci un parcheggio multipiano? O ti riferisci alla ex Gioventù Italiana, sede di uffici comunali, dove c'è la ex villa Baviera? Il commento non mi pare molto chiaro.

hai presente quel parcheggio semiabusivo imbrecciato davanti all'ex gioventù italiana?




logoEV
logoEV