Belvedere Ostrense: Daniela Ceccacci in carcere, arresto per omicidio

silvano ambrosini 3' di lettura 10/02/2011 -

E' stata arrestata dai Carabinieri alle prime ore di questa mattina Daniela Ceccacci, 57 anni, la donna di Belvedere Ostrense che mercoledì ha tagliato la gola al marito, Silvano Ambrosini, 59 anni, nel tentativo di salvarlo dal soffocamento per un boccone andato di traverso mentre stavano pranzando.



L'uomo è morto praticamente all'istante mentre la donna, sotto shock, avrebbe raccontato di aver deciso di tentare una sorta di tracheotomia, in base ad alcune riminiscenze di un corso di primo intervento frequentato in passato. Il nodo cruciale da sciogliere, su cui potrà farsi chiarezza solo dopo l'autopsia, è stabilire se Silvano sia morto per soffocamento dal boccone o a causa del taglio alla gola.

Fino a mercoledì sera il sostituto procuratore che coordina le indagini Giovanna Lebboroni aveva disposto che la Ceccacci restasse a disposizione dell'autorità giudiziaria. Ma nella notte è arrivata la decisione della procura di procedere con l'arresto. Un provvedimento ritenuto dagli inquirenti “a scopo cautelativo” dal momento che la donna presenterebbe un forte stato confusionale e di shock. L'ipotesi alternativa di consegnarla ad un reparto medico dell'ospedale di Torrette è stata scartata perchè non avrebbe messo adeguatamente al sicuro la donna.

Gli inquirenti infatti vogliono scongiurare il rischio che la Ceccacci commetta un gesto estremo. Anche per questo nella notte tra mercoledì e giovedì è stata prelevata dall'abitazione della sorella, dove aveva cercato un po' assistenza dopo la tragedia, dai Carabinieri ed è stata condotta nel carcere femminile di Villa Fastiggi dove viene controllata a vista dagli agenti penitenziari proprio per scongiurare eventuali gesti inconsulti. Constata anche lo stato confusionale della Ceccacci, il magistrato ha disposto anche una perizia psichiatrica per stabile se la donna era capace di intendere e di volere al momento del gesto.

Una tragedia che si è consumata all'ora di pranzo, intorno alle 12,30 di mercoledì. Mentre i due coniugi stavano mangiando, nella loro villetta in via San Martino 7 dove abitavano da soli, Ambrosini avrebbe ingoiato un boccone (forse un pezzo di crosta di formaggio) andatogli di traverso. Secondo il racconto fornito dalla moglie, l'uomo era diventato cianotico e non respirava più. A quel punto la decisione della Ceccacci, in preda al panico, di praticare una sorta di tracheotomia al marito, pur non avendo le competenze per farlo. Afferrato un coltello da cucina, la donna ha aperto la gola dell'uomo.

Secondo il referto della prima ispezione cadaverica, il collo di Ambrosini appare reciso, in senso orizzontale, con due tagli. Un primo tentativo di infilare la lama in gola infatti non avrebbe liberato il respiro all'uomo e così sarebbe seguito un secondo taglio, molto più profondo e forse fatale. Il condizionale è d'obbligo dal momento che occorrerà stabilire se Ambrosini è morto per soffocamento, a causa del boccone andato di traverso, o per il taglio alla gola. A stabilirlo sarà l'autopsia che sarà eseguita nelle prossime ore. Ieri intanto c'è stato anche un passaggio di consegne in capo alla difesa assunta, dopo l'avvocato d'ufficio, dal legale del foro di Ancona Alessandro Scaloni.






Questo è un articolo pubblicato il 10-02-2011 alle 11:18 sul giornale del 11 febbraio 2011 - 1261 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, belvedere ostrense, silvano ambrosini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hfa


che significa arresto cautelativo? una accusa di omicidio come dice il titolo è arresto cautelativo?
se veramente si vuol prevenire qualche gesto autolesionistico della donna, non credo che rinchiuderla in una cella possa aiutarla psicologicamente, andandola a prelevare all'alba come si fa con i criminali incalliti. In Italia il rimedio è sempre peggiore del male.

Infatti o ci sono validi motivi per pensare che si tratti di omicidio volontario, oppure l'arresto per omicidio colposo è qualcosa che non sta né in cielo né in terra.

Dov'è il pericolo di reiterazione del reato? Dov'è il pericolo di fuga? Dov'è il pericolo di occultamento delle prove?

volete togliere a un magistrato qualsiasi il suo momento di notorietà?