Corinaldo: cede un altro pilone del ponte sul Cesano

1' di lettura 03/02/2011 -

Cede un altro pilone. Nella notte tra mercoledì e giovedì un altro pilone del ponte sul Cesano non ha retto ed ha ceduto. Disagi in tutta la zona.



Già danneggiato dal precedente smottamento, il pilone ha ceduto e si è staccato dalla struttura portante del ponte. Sul posto sono accorsi i tecnici della Provincia e della Sadori Gas che hanno verificato lo stato della tubatura del gas che costeggia il ponte e messo in sicurezza l'area.

Il nuovo crollo ha provocato disagi in tutta l'area e nel paese. Le linee telefoniche corinaldesi per 12 ore sono risultate fuori uso e di conseguenza anche i lavori telematici di poste e banche si sono bloccati fino alle 13. L'allacciamento del gas per i residenti della zona Sant'Isidoro al momento è stato ripristinato grazie ad una soluzione temporanea, una bombola. Insomma un momento difficile.

Le cause del nuovo cedimento sono da ricercare sia nell'attività erosiva del fiume Cesano, comè già segnalato dai rilievi dei Vigili del Fuoco nel precedente crollo, sia nel danneggiamento dovuto al cedimento dell'altro pilone. La situazione dunque si aggrava ulteriormente e l'ipotesi di una nuova infrastruttura ex novo si fa più viva.








Questo è un articolo pubblicato il 03-02-2011 alle 10:35 sul giornale del 04 febbraio 2011 - 6260 letture

In questo articolo si parla di attualità, michele pinto, livio scattolini, riccardo silvi, mondavio, ponte, corinaldo, cesano, federico talè, ponte crollato, pilone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gY6


alessandro

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Vuoi vedere che questi della provincia aspettano che il fiume si porti via il ponte... così risparmiano sella demolizione.

Vero!

Secondo me vale il caro vecchio adagio che "...fatto 30...".

La cosa è abbastanza squallida: delle condizioni pessime del ponte, ne erano a conoscenza autorità e popolazione. La scelta di ridurre il transito ad una sola corsia, in modo da evitare disagi, è stata una scelta assurda e pericolosa, che poteva provocare danni a persone. Ci sono grosse responsabilità da parte di chi doveva costantemente monitorare la situazione, ma credo che come al solito, gli amministratori pubblici, profumatamente pagati, siano immuni nei confronti dei PM...




logoEV