contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
articolo

Consiglio Comunale: votato il CdA dell'ex Irab, ora tocca al piano degli arenili

3' di lettura
1140

consiglio

La variante al piano degli arenili approda in Consiglio Comunale. Si è aperta mercoledì la sessione consiliare che porterà all'approvazione del nuovo strumento urbanistico che punta a rendere più snella e flessibile la normativa che disciplina le attività economiche e balneari in spiaggia.

Tra i punti cardine della variante la possibilità di introdurre servizi ristorativi in spiaggia, la libertà di introdurre nuove e diverse attrezzature da spiaggia, la creazione di gazebo nella spiaggia libera per il rimessaggio di ombrelloni e sdraio dopo il tramonto e la salvaguardia delle dune.

La seduta comunque si è aperta alle 16 con lo spazio riservato alle interpellanze e interrogazioni. Fra queste quella del consigliere del Pdl Gabriele Cameruccio che ha segnalato la presenza di discariche a cielo aperto nelle zone periferiche della città dove esistono ancora le isole ecologiche. “Nonostante i tagli a bilancio per il 2011 puntiamo ad estendere la raccolta dei rifiuti porta a porta anche nelle frazioni e nelle zone periferiche -ha annunciato l'assessore Gennaro Campanile- e per questo stanzieremo 40 mila euro”. Tramite il consigliere Enrico Rimini si viene invece a sapere che il comune ha rifiutato un progetto presentato dalle ferrovie per installare barriere anti-rumore in alcuni tratti della linea ferroviaria. “Quel progetto presentava barriere esteticamente brutte che rischiavano di creare un muro tra la ferrovia e le abitazioni -spiega l'assessore Simone Ceresoni- e per questo abbiamo chiesto alle Ferrovie di utilizzare quei fondi previsti per l'abbattimento dell'inquinamento acustico per un progetto che fosse di qualità”.

Ad animare la seduta c'ha pensato l'ordine del giorno presentato dai consiglieri di maggioranza Carlo Girolametti, Massimiliano Giacchella e Enrico Pergolesi per la costituzione di un “distretto dell'economia solidale”. Una proposta contro cui si è scagliato il centro destra che ha accusato la maggioranza di “perdere tempo discutendo di aria fritta”, essendo la stessa tematica già portata in consiglio nel 2006 e da allora nulla sarebbe stato fatto. Per questo Pdl e Coordinamento non hanno votato la pratica che è stata comunque approvata. Dopo la pausa chiesta dalla maggioranza il Consiglio è proseguito con il rinnovo del CdA dell'ex Irab. Sette i membri proposti per il Cda dai capigruppo consiliari, quattro espressione della maggioranza e tre della minoranza. Per la maggioranza sono stati nominati alla guida dell'ex Irab Michelangelo Guzzonato (che si vocifera sarà eletto presidente), Mauro Bedini, Stefano Canti e Ferdinando Salvioni. L'opposizione ha invece presentato i nomi di Maria Antonietta Muzi, Andrea Bacchiocchi e Daniele Corinaldesi. La lista è stata messa ai voti con scrutinio segreto e approvata con un solo voto contrario. In una fase successiva all'insediamento del Cda si procederà anche con la nomina del nuovo presidente che succederà a Francesca Michela Paci, chiamata in giunta nel marzo scorso dal sindaco Maurizio Mangialardi.

Il consiglio è poi proseguito in serata con la discussione sullo statuto per la costituzione del Gruppo di Azione Costiera per arrivare (al massimo entro oggi) al dibattito sul piano degli arenili.



consiglio

Questo è un articolo pubblicato il 01-12-2010 alle 23:57 sul giornale del 02 dicembre 2010 - 1140 letture