Paradisi: 'Mangialardi si scusi con i bagnini e dica chi li risarcirà'

2' di lettura Senigallia 08/11/2010 -

Vi è da rimanere sconcertati dalle parole del sindaco Mangialardi in relazione alla vicenda dell’assoluzione dei primi bagnini trascinati in Tribunale a seguito della comunicazione di notizia di reato inviata alla Procura della repubblica da parte degli stessi uffici comunali.



Il sindaco, in poche parole, senza senso del limite, ha dichiarato pubblicamente che è giusto che non ci siano sanzioni penali contro i bagnini. Di più: ha detto di essere contento per quanto ottenuto in tribunale (assoluzione dei primi operatori balneari per le strutture non smontate a fine estate) assicurando di non volere la criminalizzazione della categoria. Sappiamo che in politica, per qualcuno, esiste una faccia diversa per ogni giorno dell’anno. Ma a tutto c’è un limite.

E’ quello della spudoratezza. Se l’Amministrazione comunale non voleva la “criminalizzazione” dei bagnini, perché ha solertemente inviato decine di notizie di reato (dimostratesi infondate!) contro tutti i bagnini? Perché il dirigente Roccato, collaboratore fedele del sindaco Mangialardi, ha sottoscritto comunicazioni inviate alla Procura della Repubblica segnalando le infondate ipotesi di reato di cui alla legge 380 del 2001? Se oggi Mangialardi afferma che è giusta l’assoluzione, perché l’Amministrazione comunale ha chiesto l’avvio del procedimento penale e non si è limitata a sanzionare amministrativamente i bagnini? Ma vi è di più. Cosa significa l’espressione utilizzata dal sindaco secondo cui “ci siamo mossi per fare in modo che le sentenze penali fossero annullate”.

Espressione gravissima perché i giudici agiscono in assoluta autonomia e non possono essere influenzati da nessuno decidendo in modo assolutamente indipendente. Spieghi allora Mangialardi il senso delle sue imbarazzanti e grottesche dichiarazioni. La realtà è che la linea dell’Amministrazione che voleva la criminalizzazione dei bagnini è stata sonoramente sconfitta dall’applicazione della legge da parta della magistratura (che si era già espressa su casi identici anni fa). Non faccia il furbo Mangialardi, si scusi con la categoria e risponda alla domanda: chi risarcirà ora gli operatori balneari per essere stati ingiustamente trascinati in Tribunale sulla scorta di ipotesi di reato già bocciate dai giudici?


da Roberto Paradisi
Coordinamento Civico




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-11-2010 alle 14:25 sul giornale del 09 novembre 2010 - 3106 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, maurizio mangialardi, politica, tribunale, senigallia, coordinamento civico, bagnino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/d9D


Anche Paradisi passa a Futuro e Libertà con Marcantoni? No, perché se no è ora di smetterla di rispettare la magistratura quando conviene.

Paradisi a Futuro e libertà? Se lo ridici un'altra volta ti querela per diffamazione

Si riaffaccia l'antica solidarietà di Paradisi per Monachesi e c. ?
Cioè per chi intende l'arenile cosa propria ?
L'ennesima variante del Piano degli Arenili sembra andare di nuovo incontro agli occupatori-edificatori sulla spiaggia, per l'estate e per l'inverno.
Ma non c'è ombra di opposizioni e PD ed alleati saranno premiati nuovamente alle future elezioni comunali.
Grazie anche a queste minoranze.

Quoto Bucaniere dalla prima all'ultima parola.




logoEV
logoEV