x

Corinaldo: condannata l'anziana accusata di stalking

viaggio da incubo a Zanzibar 1' di lettura 21/10/2010 -

Nonostante il giudice le avesse ordinato di non avvicinarsi più all'abitazione del suo vicino, lei ha fatto di testa propria ed ora è stata nuovamente arrestata e condannata ad un anno di reclusione da scontare ai domiciliari, oltre al pagamento delle spese processuali ed al versamento di 4 mila euro alle parti civili.



A tornare ieri davanti al giudice del tribinale di Senigallia è stata Lidia Piersanti, la 70enne di Corinaldo accusata di stalking nei confronti del suo vicino di casa.

Domenica scorsa la pensionata si è avvicinata alla recinzione dei vicini di casa che hanno subito chiamato i Carabinieri. I militari hanno così arrestato la donna, rimettendola ai domiciliari. L'anziana è comparsa davanti al giudice unico Francresca Giaquinto che l'ha condannata ad un anno di reclusione, da scontare sempre ai domiciliari, al pagamento delle spese processuali e al versamento di 4 mila euro alle parti civili.

La donna si è convinta che l'abitazione confinante fosse di sua proprietà e questo a seguito di un lascito che alcuni suoi familiari avevano fatto ad altri parenti. La donna non ha mai accettato la cosa ed ha sempre rivendicato la proprietà su quel terreno che nel corso degli anni, anche a causa delle continue vessazioni delle donna, ha subito diversi cambi di proprietà.






Questo è un articolo pubblicato il 21-10-2010 alle 22:02 sul giornale del 22 ottobre 2010 - 809 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, tribunale, corinaldo, stalking

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dye