Al via i lavori per le case popolari alla Cesanella, 44 abitazioni in arrivo

Al via i lavori per le case popolare alla Cesanella, 44 abitazioni in arrivo 2' di lettura Senigallia 06/10/2010 -

Il sindaco Maurizio Mangialardi, l'assessore all'edilizia residenziale pubblica Fabrizio Volpini e il presidente dell'Erap Ezio Capitani hanno presentato il nuovo progetto di Edilizia Residenziale Pubblica che sorgerà alla Cesanella. 44 nuovi alloggi pronti fra due anni.



L'impegno finanziario del progetto è di circa quattro milioni di euro. In via Guercino sorgeranno due palazzine da 22 appartamenti l'uno. Metà di edilizia sovvenzionata e metà di edilizia agevolata. "Un passaggio importante , una risposta concreta al problema sociale della prima casa -ha spiegato Mangialardi-. Il Comune ha in progetto ben 400 nuovi alloggi pubblici, di cui 156 con l'Erap. Questi primi 44 appartamenti sono un passo in avanti. Speriamo che i lavori possano procedere velocemente e senza intoppi."

La copertura finanziaria dell'intero intervento è a carico dell'Erap e del Piano triennale provinciale. "Sono molto soddisfatto di quanto si sta facendo -ha sottolineato Fabrizio Volpini, assessore all'edilizia residenziale pubblica-. Dopo la firma della convenzione per la riqualificazione dell'ex Sacelit oggi si dà il via ad un altro progetto con finalità ben diverse ma di uguale importanza. Senigallia è una città che cresce in una cornice di solidarietà."

I progetti sono stati realizzati dall'Erap mentre la ditta vincitrice dell'appalto è veneta, la Soimper Spa di Padova. Le abitazioni avranno una metratura diversa, da 65 a 85 metri quadri e verranno realizzate con interventi di bioedilizia ed edilizia sostenibile."L'Erap ha un piano di investimento importate su Senigallia -ha spiegato il presidente Capitani-. Un progetto che vogliamo costruire passo dopo passo."

In occasione della presentazione del progetto, il sindaco ha inoltre colto l'occasione per parlare della situazione di Via Marche e delle famiglie sfrattate. "Via Marche è un capitolo chiuso - ha spiegato-. Grazie alla disponibilità della nuova proprietà abbiamo raggiunto una soluzione per tutti. La situazione è stata gestita egregiamente. Senigallia è una città che non sfratta nessuno."








Questo è un articolo pubblicato il 06-10-2010 alle 15:45 sul giornale del 07 ottobre 2010 - 6022 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, riccardo silvi, erap, ancona, ezio capitani, enzio capitani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cXW


Si si è proprio vero, Senigallia è una città che non sfratta nessuno, ti confina solo ai margini! Quartieri di lusso alle Saline e nel Centro tutto il resto ammassato in periferia, case popolari, manicomio, Centro Sociale, tutto quello che non è gradito viene allontanato, ovviamente è superfluo dire che a differenza di quello che c'è scritto in questo articolo nessuno dei residenti è concorda con la costruzione degli alloggi.
Quale sarà il prossimo passo? Io dico lo sgombero del quartiere Porto, visto gli attuali progetti dubito fortemente che la zona non verrà "ripulita".
Purtroppo questa frase è incredibilmente vera "Senigallia è una città che cresce in una cornice di solidarietà." si la cornice dei morti di fame confinati ai margini della città.

1) anche le saline sono periferia se la cesanella lo è
2) il "manicomio" di cui parli qual'è? forse la casa protetta dell'asl? se è quella, manicomio mi sembra un po eccessivo. Io ci abito davanti e non mi da nessun fastidio
3) le case popolari ti danno fastidio? forse temi un'invasione di delinquenti e stranieri? non ti sembra di esagerare?
4) "nessuno dei residenti è concorde con la costruzione degli alloggi": io sono un residente e sono d'accordo. Qualche anno fa è stato fatto un'incontro tra il quartiere e l'amm.ne com.le proprio su questo e a parte pochi sproloqui quasi razzisti di pochissimi individui, nessuno ha obiettato nulla.
5) "la cornice dei morti di fame confinati ai margini della città": ricordati che abiti a Senigallia, mica a New York!
6) at salut

Mi chiedo come mai hai perso tempo a scrivere questo post che ha solo l'aria di una sterile polemica, il classico saccente antirazzista e paladino delle cause perse, a quanto pare hai le bende sugli occhi dato che non hai notato nessuno di questi problemi, forse ti è sfuggita la protesta delle mamme di ieri pomeriggio contro la Polizia Municipale? Forse ti è sfuggito il pestaggio di un papà che ha difeso il suo diritto di far giocare il proprio figlio senza che qualche auto impazzista lo investa? Eppure è successo (con tato di denunce) tutto vicino a casa tua come mai non l'hai notato? Uno come te perchè perde tempo a ribattere i miei post? Con le tue capacità potresti salvare il mondo.

Ci si lamenta sempre che in Italia non si fanno case popolari, verissimo e giusto lamentarsi, l'edilizia popolare è importante.
Voi a Senigallia non riuscite ad essere contenti nemmeno di questo, ma questo forse è lo sport preferito dell'Italiano medio, il lamento del menefreghista.

Si è vero ma anche in questo c'è solidarietà, altrimenti tu cosa mai potresti dire?

A parte tutte le polemiche l'importante e che poi
vengano date a chi ne ha veramente bisogno......

e quant sei trist! sta tranquill ch' t' vien l'ulcera! si c'hai calcò da dì el poi fa direttament mal sinnic. Tra 'n pò vien anca alla c'sanella. E pò, io mica t'ho ufes.
pax et bonum
at salut




logoEV