x

Ostra Vetere: Bello, Pesaresi tenta un blitz per chiudere la Rsa

3' di lettura 28/08/2010 -

“Un episodio sconcertante e fuori da ogni logica istituzionale. Un gesto e una proposta indecenti, che allontanano ancora di più la mia fiducia nei confronti del Direttore di Zona Pesaresi per quel che ha fatto e detto. Ha utilizzato la RSA di Ostra Vetere quale merce di scambio per vendicarsi o per rivalersi su quanto detto in questi giorni dal sottoscritto.”



A parlare così è Massimo Bello, Sindaco di Ostra Vetere, a proposito di quanto denunciato durante la seduta della Conferenza dei Sindaci di giovedì sera. Il primo cittadino di Ostra Vetere si riferisce al blitz tentato dal Franco Pesaresi, poi sventato da Massimo Bello, di chiudere la RSA di Ostra Vetere. “Poco prima dell’inizio della riunione, mi chiama al telefono – dice il Sindaco di Ostra Vetere - il Presidente della Casa di Riposo di Ostra Vetere, il quale mi comunica di essere stato convocato dal Direttore Pesaresi senza dirmi però quale potesse essere l’argomento. Subito dopo, mi telefona di nuovo e mi annuncia la proposta indecente rivolta da Pesaresi allo Presidente degli Istituti Riuniti di Beneficenza. Chiudere la RSA di Ostra Vetere, facendola confluire in quella di Corinaldo e destinare 20 posti letto alla Casa di Riposo.”

“Alla fine del mio intervento in Conferenza dei Sindaci, ho denunciato pubblicamente – aggiunge Bello - quanto accaduto ai colleghi Sindaci presenti e al Dirigente del Dipartimento Sanità della Regione Marche, Carmine Ruta, al quale presenterò un formale esposto per tutti i provvedimenti del caso. Tutti sono rimasti in un imbarazzante silenzio. Lo stesso Direttore Pesaresi, ma anche lo stesso Ruta, che della questione era all’oscuro, non hanno avuto neanche il coraggio di smentire o rispondere a quanto da me affermato.”

“Ora, è evidente che questo gesto – ha aggiunto ancora Bello - dimostri tutta l’arroganza di un Direttore di Zona, che pensa di avere a che fare con degli sciocchi o degli sprovveduti. La RSA di Ostra Vetere non si tocca e, a questo punto, nessuno mai potrà cancellarla da questo territorio. L’atto di Pesaresi sembrerebbe più un atto di rivalsa o di vendetta nei confronti della mia presa di posizione nel dibattito sulla sanità piuttosto che un atto dettato dalla ragione e dalla logica. Se così fosse, però, è ancor più grave.”

“Mai avrei pensato – conclude Bello - che si potesse arrivare a proposte come questa. Mai avrei pensato che un Direttore di Zona potesse far finta dell’esistenza di un’autorità come quella di un Sindaco. Mai avrei pensato che un Direttore di Zona potesse scavalcare un Sindaco eletto, permettendosi di tramare alle sue spalle. Il suo gesto ha poco di democratico e di rispetto delle Istituzioni. Il gesto di Pesaresi, che ha utilizzato la RSA di Ostra Vetere quale merce di scambio, sembra essere uno di quelli raccontati nei romanzi di Leonardo Sciascia. Ecco perché ho chiesto ufficialmente al Dr. Carmine Ruta e ai vertici regionali di rimuovere Pesaresi dal suo incarico.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-08-2010 alle 16:02 sul giornale del 30 agosto 2010 - 2729 letture

In questo articolo si parla di attualità, ostra vetere, massimo bello, ostra, massimo olivetti, comune di ostra vetere, rsa, franco pesaresi e piace a arcexviae

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/bz6





logoEV
logoEV
logoEV