statistiche accessi

x

Castelleone: opposizione, i testi deliberati sono ritoccati d'autorità

mario cuicchi 2' di lettura 06/08/2010 -

Il Capogruppo Consiliare di “Insieme per Castelleone”, Mario Cuicchi, nell'ultimo Consiglio Comunale, ha richiesto al Sindaco di poter intervenire su un fatto avvenuto in una seduta precedente e precisamente in data 09/04/2010, ma gli è stato negato l’intervento perché l’argomento non era inserito all’O.d.G. Pertanto, ha rilasciato la seguente dichiarazione di voto.



Il Gruppo Consiliare “Insieme per Castelleone” preannuncia che da questa seduta il voto dei nostri consiglieri sarà sempre di astensione ogni qualvolta si presenterà l’“Esame ed Approvazione Verbali sedute precedenti”, in quanto ha visto la netta chiusura della Maggioranza a voler discutere di alcune modifiche che vengono apportate sistematicamente nei documenti dopo l’approvazione.

Quello che andiamo a denunciare non è la prima volta, infatti, basti ricordare le modifiche alla Delibera di C/C n. 58 del 27/11/2009, in cui erano stati modificati alcuni valori nei prospetti allegati, rispetto a quelli consegnati ai Consiglieri Comunali ed ora il comma 6 dell’art. 2 del “Regolamento per l’applicazione della tassa per lo smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani interni ed equiparati”, approvato con Delibera di C/C n. 8 del 09/04/2010, in cui viene a mancare un “NON”, stravolgendone il significato dell’atto deliberativo. Sia ben chiaro, il nostro intervento non vuole colpire il personale comunale, al quale è rivolta la nostra stima, ma questa Maggioranza che approfitta della buona fede facendo d'autorità ritoccare i testi del deliberato. Perseverando questo stato di fatto, il Gruppo Consiliare "Insieme per Castelleone" si vedrà costretto a segnalare questo sistema improprio e truffaldino a S.E. il Prefetto di Ancona per i provvedimenti del caso”.

Il Sindaco ha risposto con un'altra dichiarazione di voto affermando che quanto denunciato dal Gruppo Consiliare “Insieme per Castelleone” non corrisponde al vero e comunque lascia la possibilità ad un refuso di stampa. I Consiglieri di “Insieme per Castelleone” fanno presente di essere in possesso dei documenti allegati alla proposta di deliberazione consigliare e del documento allegato alla deliberazione e si chiedono, se la mancanza dell’avverbio di negazione fosse veramente un refuso, o piuttosto una modifica voluta che, se non fosse stata scoperta, avrebbe avuto lo scopo di modificare il testo del Regolamento Tarsu senza fare uso di una ulteriore delibera di rettifica?






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2010 alle 17:21 sul giornale del 09 agosto 2010 - 757 letture

In questo articolo si parla di castelleone di suasa, insieme per castelleone, opposizione, politica, mario cuicchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/a3a





logoEV
logoEV
logoEV