Ombrelloni e sdraio sulla spiaggia libera: repulisti della Capitaneria di Porto

1' di lettura Senigallia 07/07/2010 -

Blitz degli uomini della Capitaneria di Porto comandata dal luogotenente Antonio Montinaro all'alba di mercoledì contro l'abusivismo in spiaggia e precisamente contro l'abbandono di sdraio, lettini, tavolini e ombrelloni etc... sulla spiaggia libera.



L'operazione, condotta su circa un chilometro di arenile, nel tratto di Cesano, ha portato al sequestro di 100 ombrelloni, 70 sdraio, 51 sedie, 20 basamenti in cemento e 70 in plastica. Materiale per la gran parte vecchio ed arrugginito e in stato di abbandono.

All’operazione ha partecipato il personale dell’Ufficio Locale Marittimo, il personale della polizia municipale e il personale tecnico del comune per un totale di 15 persone. Gli ignoti trasgressori sono stati denunciati alla autorità giudiziaria per occupazione abusiva di suolo demaniale. La legge stabilisce infatti che è vietato lasciare attrezzature da spiaggia sul suolo pubblico dopo il tramonto.








Questo è un articolo pubblicato il 07-07-2010 alle 11:35 sul giornale del 08 luglio 2010 - 5625 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, spiaggia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Wb


gilia fifi

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Giusto per puntualizzare..<br />
non erano abbandonati, e non erano in gran parte vecchi e arruginiti.<br />
Venivano usati quotidianamente da quelle famiglie che si recano al mare in quella zona perchè residenti della frazione. Tratto di spiaggia quasi inaccessibile perchè separata dalla strada da case e palazzi.<br />
Tratto di spiaggia talmente ampio, in cui chiunque anche arrivando in tarda mattinata o solo nel pomeriggio, poteva trovar posto per piantare il proprio ombrellone ed il proprio lettino, nonostate la presenza di questi "fissi" sequestrati.<br />
Tratto di spiaggia libero, in cui famiglie con bambini al seguito, si recano quotidianamente a piedi perchè nella zona non ci sono parcheggi, e sinceramente non è facile recarsi al mare a piedi, accompagnando i propri figli e portandosi dietro borsone per il mare,giochi, ombrellone, porta ombrellone e sdraio.<br />
Comuqnue, la legge c'è e deve essere rispettata.<br />
..anche se in quella zona, non rispettarla non creava danno e disagio nessuno....

La legge è legge e va rispettata ma in 40 anni non ho mai visto turisti "azzuffarsi" per un posto al mare.. la spiaggia è di tutti e fortunatamente da noi c'è spazio gratutito per tutti.. negli stabilimenti invece.. <br />
un_cavaliere<br />

Rossi Fabrizio

Sono un cittadino senigalliese che paga regolarmente ogni tipo di tassa imposta, quando leggo certi articoli mi viene la pelle d'oca. E' possibile che 15 persone pagate dai cittadini debbano servire per portare via 100 ombrelloni???<br />
I veri abusivi che non risultano regolari, non pagano alcuna tassa, occupano suolo demaniale dalle 8.00 della mattina alle 20.00 di sera lasciando spazzatura e quanto altro in terra disturbando anche semplici cittadini che lavorano tutta la settimana ed hanno solo il sabato e la domenica per recarsi in spiaggia a riposarsi, QUANDO VERRANNO RIMOSSI DALLA CAPITANERIA DI PORTO ECC...?????????<br />
Tanti cittadini sono stanchi di tutte queste stupidaggini pubblicate, quando i veri problemi sono altri e molto più gravi.<br />
Le leggi in Italia dovrebbero essere rispettate da tutti, non solo da cittadini onesti e rigorosi.<br />
<br />
Vorrei che questo commento venisse pubblicato su Vivere Senigallia in coda all'articolo succitato.<br />

ciao ciao

Commento sconsigliato, leggilo comunque

concordo con la rimozione. E' vero che alcuni punti di spiaggia sono molto grandi e permette spazio a tutti ma è anche vero che alcuni punti non sono così ampi e spesso ti trovi a non poterti mettere in un punto perchè è OCCUPATO a prescindere...<br />
<br />
Detto questo vorrei vedere in questo paese controlli a tappeto per abusivismo edilizio, di licenze e servizi negli stabilimenti balneari, nei locali e bar del lungomare. Controlli fiscali sulle casse, gli scontrini e i prezzi.<br />
<br />
Altrimenti, in uno Stato dove la legge è dura con i deboli e debole con i forti è diritto e dovere del cittadino non rispettare più le leggi imposte.<br />

cecilia riginelli

La legge stabilisce che è vietato lasciare attrezzature da spiaggia sul suolo pubblico dopo il tramonto. Chiuso il discorso. La spiaggia è gratuita proprio perché è libera e non può essere occupata impunemente con le attrezzature per tenersi il posto i giorni successivi. Chi vuole la comodità dei servizi se la deve pagare. Le altre recriminazioni non possono invalidare questa realtà.

Marco T

Commento sconsigliato, leggilo comunque

alberto diambra

E' vero queste azioni servono solo per oscurare i veri problemi.Sono anni che si richiede lo sgombero della frazione di terreno occupata abusivamente in via Tevere ed usata come deposito di materiale eternit per costruire ripari per allevare animali in condizioni raccapricianti e coltivare ortaggi da soggetti non aventi titolo con la tacita approvazione e l'ommissione degli uffici comunali ,sia in sede di collaudo che in sede di presa in carico .Dopo anni di denunce solo ora è stato sgomberato ma non ancora fatto ripristinare alla fruizione di tutti i cittadini.Non sono le stesse leggi?

Cunegondo Pongetti

Commento sconsigliato, leggilo comunque