Aggressione al giovane fabrianese: la solidarietà del Pd

giovani democratici ancona 1' di lettura Senigallia 28/06/2010 -

Appresa la notizia di quanto accaduto a Fabriano ai danni di Jacopo Giorgetti nei giorni scorsi, malmenato per il fatto che portava raffigurato nella maglietta il volto di Che Guevara, non posso che esprimere tutta la solidarietà al giovane e alla famiglia a nome di tutta la comunità dei Giovani Democratici di Senigallia.



Episodi di tale violenza stanno, ogni giorno di più, mettendo in ginocchio un paese che non riesce a ritrovare i valori fondanti della civile convivenza e della sana dialettica politica. Questi comportamenti ricordano sempre di più le aggressioni di stampo squadrista che caratterizzarono gli anni più bui della storia italiana.

Tali atti non devono essere sottovalutati ed è necessario che, in questo come nei tanti altri casi simili, si chiarisca il movente dell'aggressione ed i responsabili vengano puniti con pene esemplari. Al giovane Jacopo un augurio di pronta guarigione. Alberto Bartozzi – Segretario Comunale Giovani Democratici


da Alberto Bartozzi
Segretario Giovani Democratici




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-06-2010 alle 16:25 sul giornale del 29 giugno 2010 - 3673 letture

In questo articolo si parla di politica, giovani democratici, alberto bartozzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Co


la solidarietà si da anche quando sono i ragazzi di destra ad essere aggrediti da quelli di sinistra

Portare la maglietta di Che Guevara è come portare quella di Heirich Himmler, capo delle SS.<br />
<br />
Il compito assegnato da Castro al Che fu quello di far fuori le resistenze alla rivoluzione cubana.<br />
Furono giustiziati dal Che religiosi, preti, adolescenti e bambini.<br />
Il Che istituì "carceri correzionali", del tutto simili ai campi di concentramento nazisti. <br />
Quello più famoso fu quello di Guahana dove avvenivano esecuzioni sommarie senza processo, molte delle quali eseguite dal Che in persona.<br />
In quelle carceri i prigionieri erano sottoposti ad una serie di pene corporali: salire le scale delle varie prigioni con scarpe zavorrate di piombo, tagliare l’erba con i denti, lavorare nudi, venire immersi nei pozzi neri (di merda)”. Tra i prigionieri anche adolescenti ed omosessuali da "correggere".<br />
Secondo Amnesty International, più di 100mila cubani sono stati nei campi di lavoro; sono state assassinate da parte del regime circa 17.000 mila persone accertate più di quelle assassinate da Pinochet in Cile.<br />
<br />
Più che giovani democratici mi sembrate vecchi comunisti con le mani sporche di sangue.<br />

GD Senigallia

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Difendo il diritto di ognuno di indossare la maglietta col Che, con Himmler, Pol Pot, Stalin, Mussolini, Ceausescu e Minzolini, senza per questo finire al pronto soccorso.

Premetto che sono apolitico, non sto ne a destra ne a sinistra comunque secondo me il problema di fondo è l'ignoranza, dubito che il 99% delle persone che portano la maglietta con la foto di Che Guevara conoscano veramente la sua storia, magari dovrebbero farsi un giretto nei Paesi dove vige il Regime Comunista per rendersi conto di come si vive, magari si renderebbero conto che il Comunismo non è libertà, non è tutela dei lavoratori, non è la salvezza degli oppressi, non è tolleranza ma è il contrario di tutto ciò esattamente come per la controparte, la differenza è solo che il Fascismo e l'estrema destra in genere sono stati banditi per le loro barbarie mentre il Comunismo rimane impunito e viene ancora indottrinato (anche nelle scuole) nascondendo per quanto possibile gli stessi crimini e orrori perpetrati. Detto questo a patto che una persona conosca i fatti dovrebbe comunque poter scegliere ma sapendo cosa significano quei simboli dubito che qualcuno non si vergogni nel portarli.<br />
I ragazzi sia di destra che di sinistra dovrebbero smetterla con queste stupide ideologie vecchie di un secolo e unirsi per fare qualcosa di concreto visto come stanno andando le cose in Italia. Ormai l'unica ideologia è quella del magna magna. <br />

Solidarietà al ragazzo di Fabriano.<br />
ogni ulteriore commento e agli altri commenti è superfluo.<br />
Il Che è vivo in ognuno di noi.<br />
Hasta la victoria siempre!

Commento modificato il 29 giugno 2010

Off-topic

Ho scritto una frase, una parola o una virgola in cui dico che hanno fatto bene a mandarlo al pronto soccorso?<br />
<br />
Ho solo spiegato chi era Ernesto Guevara detto il "Che".<br />
<br />
Contestate quello che scrivo, non quello che pensate che io scriva.

Per fortuna ci sono i polacchi che hanno vietato l'ostentazione della falce e martello e la ricostituzione del partito comunista.<br />
<br />
W la Polonia

Ma che ti aspetti comprensione e libertà di opinione da chi sostiene una delle peggiori dittature della storia? La gente intelligente ha capito, gli altri scrivono fesserie tipo quelle di Sandros.

Premesso che le magliette col volto del Che vengono portate più per spirito di rivoluzione che come omaggio alle sue gesta, vorrei far notare che probabilmente il comunismo non viene visto con lo stesso occhio del fascismo perchè fondamentalmente in Italia non è stato causa degli stessi danni.<br />
Chi oggi porta le sue magliette lo fa per distinguersi dalla massa, per evidenziare il fatto che non vuole stare alle regole del sistema ma che è disposto a combatterlo, che va contro questa società globalizzata e di ideologia consumistica. (poi magari va a mangiare al Mc, ma vabbè...) E' d'altro canto curioso il fatto che un uomo che ha combattuto contro l'ideale consumistico del suo tempo, oggi si ritrova con la faccia stampata nelle magliette in vendita in tutti i negozi del mondo. Lo definirei un fallimento celato.<br />
Le idee non hanno fatto mai male a nessuno, sono gli uomini che applicandole e "personalizzandole" hanno provocato la rovina dei loro simili.<br />
D'altronde anche la Rivoluzione Francese con i suoi ideali di uguaglianza, fratellanza e libertà si è poi rivelata un fallimento col periodo del Terrore di Robespierre. Eppure è stata il catalizzatore di tutte le rivoluzioni europee del periodo successivo, questo perchè ciò che era sbagliato non erano i principi e i valori, ma la loro applicazione.<br />
Vedo che sei juventino, è come se me la prendessi con te e con la Juve in generale perchè Moggi ha sbagliato, non puoi prendertela col comunismo perchè chi aveva il potere lo ha esercitato in modo errato. Il comunismo è un'idea forte e provocatoria, forse nasce proprio da una provocazione e sulla carta risulta per il popolo un'ideologia vincente, ma all'atto pratico io per primo non condividerei che il mio guadagno per un lavoro venga equamente diviso con chi magari si è impegnato pochissimo e ha lasciato a me gran parte della fatica. E' per questo che le grandi nazioni capitalistiche si sono ben guardate dal far entrare nei loro confini questa dottrina. (da "il comunismo per deficienti").<br />
L'articolo era solo un gesto solidale nei confronti di un ragazzo di sinistra e come giovane democratico si ritengo oltremodo offeso dalle tue ultime parole.<br />

E cosa c'entra la "biografia" di Che Guevara con un episodio di violenza ai danni di chi usa il merchandising di Che Guevara?<br>Tu, da bravo tifoso, ti scandalizzi quando la violenza è contro la tua squadra. Io, da non tifoso, vedo anche i fallacci della parte opposta.

Sei tifoso anche tu<br />

Off-topic

Allora non mi conosci.

Off-topic

Ho smesso di leggere quando hai scritto che Moggi ha sbagliato.

non importa...quello che doveva sapere l'hai già letto prima di arrivarci.




logoEV
logoEV