statistiche accessi

Ultimi ritocchi alla spiaggia, arenile pronto per l'assalto dei bagnanti

lungomare 2' di lettura Senigallia 25/06/2010 -

Ultimi ritocchi sabato mattina e la spiaggia di velluto torna farsi bella a tempo di record. Dopo il nubifragio che domenica scorsa si è abbattuto sulla città e le mareggiate dei giorni successivi, il litorale era praticamente in ginocchio.



Le piogge battenti cadute per due giorni hanno provocato allagamenti, inondazioni e sommerso gli stabilimenti balneari. Le mareggiate invece hanno riproposto l'annoso problema dell'erosione, con pezzi di spiaggia praticamente inghiottiti dal mare soprattutto nel tratto del Ciarnin. E quando il sole è tornato a risplendere, com'era nelle previsioni, lungo la battigia sono comparsi i “resti” delle mareggiate. E' stata a tutti gli effetti una settimana di fuoco e soprattutto una lotta contro il tempo. Il week end che incombeva, le previsioni che annunciavano tempo soleggiato e (quindi un massiccio afflusso di bagnanti) hanno messo operatori turistici e comune con le spalle al muro. In tre giorni la ditta appaltatrice (la ditta Franceschini ndr) per i lavori di ripascimento ha trasportato tonnellate di sabbia che è stata poi livellata mentre i bagnini hanno provveduto al riposizionamento degli ombrelloni.

“Purtroppo i danni e le perdite in termini di lavoro provocati dal maltempo dello scorso fine settimana non sono recuperabili -afferma Enzo Monachesi del Gibas- Confcommercio- anche se per questo week end il tempo promette sole e caldo, non lavoreremo di certo il doppio rispetto ad un normale week end. Sappiamo anche che nell'arco di una stagione le imprese balneari possono sopportare non più di tre week end di maltempo e quest'anno ne abbiamo già subiti due. Detto questo, ci siamo rimboccati le maniche, ciascuno per il suo ruolo, e domani (oggi ndr) la spiaggia sarà di nuovo pronta. Gli ultimi interventi si sistemazione della spiaggia, nella zona del Ciarnin, dovrebbero concludersi entro le 10 del mattino. Io stesso, all'indomani del nubifragio, nutrivo forti dubbi che potessimo farcela. Certo, chi subisce ingenti danni non può mai dirsi completamente soddisfatto ma tutto quello che era materialmente possibile fare è stato fatto. Ringraziamo anche il Comune e la ditta Franceschini perchè si sono subito attivati”.

Negli ultimi due giorni però è arrivato un nuovo allarme: quello dei rifiuti spiaggiati a riva. “Dopo le forti mareggiate dei giorni scorsi si stanno depositando a riva i residui -aggiunge Monachesi- il tratto più critico era tra la Rotonda e il ponte Rosso. Gli addetti ai lavori hanno lavorato fino alle 10 di stamattina (ieri ndr) per ripulire l'arenile”.






Questo è un articolo pubblicato il 25-06-2010 alle 23:41 sul giornale del 26 giugno 2010 - 901 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, lungomare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/y4





logoEV
logoEV
logoEV