statistiche accessi

Ambientalisti: subito l'attuazione del piano del Verde e strade alberate

verde urbano 2' di lettura Senigallia 25/06/2010 -

Le associazioni ambientaliste qualche anno fa hanno chiesto all’allora assessore Ceresoni un Piano del Verde, cioè uno strumento per gestire e progettare in modo ordinato e sistematico il verde urbano e i viali alberati.



Il Piano è stato redatto e offre sufficienti indicazioni per programmare e progettare in modo corretto gli interventi sul verde pubblico. Fino ad ora però è stato tenuto scarsamente in considerazione e non vorremmo che anche questo fosse messo nel cassetto, come il precedente. Continua infatti la prassi di intervenire sulle alberature stradali in modo episodico e discrezionale, aprendo qua e là larghi vuoti senza un chiaro progetto di riorganizzazione del verde: interventi di questo tipo sono stati effettuati in via Mercantini, viale Garibaldi, via Trieste e soprattutto in via Marche, dove è stato abbattuto un intero filare di pini, e forse se ne prevedono altri. Questa prassi è stata sempre giustificata con la necessità di eliminare gli esemplari in cattivo stato vegetazionale e tutelare i cittadini dal rischio di crolli e dai conseguenti danni. Ora si è aggiunta la motivazione che è necessario rendere pedonabile almeno un lato delle strade dei quartieri residenziali, in conformità con quanto previsto anche dal Piano del Verde.

Ma lo stesso piano dà molte altre indicazioni su come riprogettare strade e alberature in modo da evitare il depauperamento in quantità e qualità del verde urbano. Siamo d’accordo sul fatto che le strade e le alberature progettate decenni fa spesso non sono più funzionali alle esigenze attuali della viabilità pedonale e automobilistica oltre che alla necessità di garantire adeguati parcheggi, ma la soluzione non può essere semplicisticamente quella di fare spazio eliminando il verde a discrezione. Il Piano del Verde impone che si proceda con sistematicità e per progetti, strada per strada, conciliando gli spazi necessari per i marciapiedi, per il transito dei veicoli e bicicli e per i parcheggi con il mantenimento di un livello standard di verde, in grado di offrire ampia ombreggiatura, difesa dall’inquinamento, risparmio energetico e bellezza.

Perciò chiediamo che gli interventi sulle alberature stradali non avvengano più in modo sporadico e occasionale, ma che facciano parte di progetti organici di riqualificazione complessiva delle strade e che l’assessorato ai Lavori Pubblici proceda di intesa con gli assessorati all’Urbanistica e all’Ambiente attraverso una pianificazione congiunta, prevedendo altresì nella fase preliminare l’informazione e il coinvolgimento dei residenti e delle associazioni ambientaliste, come soggetti portatori di interessi diffusi, perché possano esprimere le loro proposte.

I presidenti Giorgio Sagrati, Gsa
Virginio Villani, Italia Nostra






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-06-2010 alle 10:43 sul giornale del 26 giugno 2010 - 666 letture

In questo articolo si parla di attualità, Italia Nostra - Senigallia, verde urbano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/xR





logoEV
logoEV
logoEV