statistiche accessi

Cani in affido e pericolo di contrabbando: alcune precisazioni dell'amministrazione

1' di lettura Senigallia 23/06/2010 -

In merito al presunto contrabbando di cani in affido, vicenda della quale hanno parlato in questi giorni alcuni organi di stampa e informazione, l’Amministrazione Comunale tiene a chiarire quanto segue.



Il canile di Montemarciano (Hotel del cane) dove vengono custoditi gli animali randagi recuperati nel territorio del nostro Comune ha dato in adozione solo due cani trasferiti in Germania. Le relative pratiche per l’affido sono state entrambe espletate lo scorso 12 marzo, dietro richiesta di due persone appartenenti a una nota associazione animalista della nostra zona.

Una di queste volontarie ha anche dichiarato che si sarebbe fatta carico del trasporto degli animali fino alla destinazione, per consegnarli a due privati le cui generalità sono state rilasciate al gestore del canile.

Pochi giorni dopo tale episodio, altre aderenti alla stessa associazione hanno avanzato dubbi sul fatto che queste adozioni internazionali potessero nascondere traffici al limite del lecito. In considerazione di questo, e a seguito dei dovuti approfondimenti e delle opportune valutazioni, il Comune di Senigallia invitò il gestore del canile a non cedere più cani destinati per questo tipo di affidi. E la cosa, in effetti, non si è più ripetuta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2010 alle 15:56 sul giornale del 24 giugno 2010 - 908 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, cane, cani, contrabbando

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/sL





logoEV
logoEV
logoEV