statistiche accessi

Corinaldo: sorpresi mentre rubavano le offerte, arrestati due ladri

chiesa dell'incancellata 2' di lettura 14/06/2010 -

Assessore e maresciallo dei carabinieri bloccano e arrestano due ladri di elemosine. Una media di 100 euro a chiesa, condannati a 3 anni 4 mesi. In manette Antonio Pichierri, 59 anni di Taranto, e Sandro Cartuccia, 53 anni Chiaravalle, comparsi ieri mattina innanzi al giudice Francesca Giaquinto del tribunale di Senigallia per aver rubato le offerte nelle chiese di Sant’Anna e dell’Incancellata della cittadina gorettiana.



Erano passate da poco le 11.30 di domenica (13 giugno, ndr) quando il comandante della stazione di Corinaldo Francesco Gagliardi fuori dal servizio si trovava a passeggio nel centro storico quando per casualità è entrato nella chiesa di Sant’Anna notando davanti la cassetta delle offerte un personaggio sospetto.

Quest’ultimo accortosi dell’attenzione su di lui con passo veloce è uscito dirigendosi verso la propria auto dove lo attendeva al volante un altro uomo. Il Militare nel vedere che l’auto si dirigeva verso la via dell’Incancellata ha deciso di seguirla chiamando la Polizia Municipale e proprio in quegli istanti sopraggiungeva l’assessore ai Lavori Pubblici Cesare Morganti. Amministratore e maresciallo sono entrati nella chiesa bloccando i due uomini che già stavano armeggiando nella cassetta delle offerte servendosi per “prelevare” il contante di pezzi di metro avvolgibile in metallo e nastro bi-adesivo.

I malfattori non hanno opposto resistenza rimanendo stupefatti per la prontezza dell’ intervento. Pochi istanti dopo sul posto le pattuglie dell’Arma. Trasportati immediatamente nel carcere anconetano di Montacuto. Ieri mattina (lunedì 14, ndr) i due pluripregiudicati sono comparsi innanzi al giudice senigalliese che li ha condannati a 3 anni e 4 mesi che sconteranno in carcere. “A nome della comunità corinaldese - afferma il sindaco Livio Scattolini – voglio ringraziare il comandante Gagliardi e con lui i suoi collaboratori. Il bravo carabiniere è sempre in servizio e a servizio dell’intera comunità.

Corinaldo rimane un paese tranquillo e perché rimanga tale stiamo concordando con il comandante Gagliardi una maggiore presenza sul territorio con collaborazione della nostra polizia locale”. Sulla stessa linea del primo cittadino l’assessore Morganti che ha aggiunto: “è noto il puntuale impegno e passione con il quale il comandante svolge il proprio incarico. Un valido ausilio a garanzia della sicurezza dei corinaldesi è l’impianto di videosorveglianza ma soprattutto i cittadini devono collaborare segnalando alle forze dell’ordine situazioni sospette, attuando ogni accorgimento utile a non “invogliare” furti nelle abitazioni”.






Questo è un articolo pubblicato il 14-06-2010 alle 14:29 sul giornale del 15 giugno 2010 - 2600 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, comune di corinaldo, corinaldo, furto, chiesa dell'incancellata





logoEV
logoEV
logoEV