statistiche accessi

Corinaldo: Madonna del Piano senza asilo, i genitori firmano una petizione

scuola madonna del piano 3' di lettura 10/06/2010 -

Inizia l'estate, si aprono gli ombrelloni e si chiudono le scuole. Ma a Corinaldo si accende la questione asili. Al centro del dibattito c'è la scuola materna di Madonna del Piano, frazione corinaldese al confine con San Michele.



Da un anno il plesso scolastico “San Giovanni Battista”, conosciuto come l'asilo di Madonna del Piano, è chiuso. Dichiarata inagibile a seguito dei controlli effettuati nel 2009 su tutto il territorio marchigiano, la scuola sembra ora destinata alla cessione e alla conseguente trasformazione in struttura privata. Secondo i piani dell'Amministrazione la frazione di Madonna del Piano dovrebbe comunque essere dotata di una nuova struttura. Al momento nulla si è mosso. Un immobilismo che spaventa le famiglie corinaldesi. Ed è partita una petizione.

Con un documento presentato al sindaco Livio Scattolini, all'assessore ai Servizi Sociali Simona Mancini e ai capigruppo consiliari lo scorso 28 aprile, i genitori hanno chiesto chiarimenti. “La sezione della Scuola Materna di Madonna del Piano ha svolto da anni con regolarità e in piena autonomia l'attività didattica nella propria sede di Via Madonna del Piano -scrivono i genitori-. Nel giungo del 2009, dopo la dichiarazione di non agibilità dell'edificio ospitante, l'Amministrazione Comunale, in via del tutto provvisoria, ha provveduto al trasferimento della sezione al Tiro a Segno. Chiediamo quindi al Sindaco e all'assessore ai Servizi Sociali di assumere tutti i provvedimenti necessari ed utili al superamento delle nostre difficoltà e disagi.

Chiediamo -continuano i firmatari- di assicurare ai bambini e alle famiglie di riportare la sezione entro la sua sede tradizionale o comunque collocata in situazione baricentrica rispetto alla vasta porzione di territorio comunale servita sino a Maggio 2009. Chiediamo ai capigruppo consiliari di farsi parti diligenti presso la Giunto Municipale affinché si possa giungere quanto prima alla soluzione del grave problema.

La situazione di emergenza che si è presentata nel 2009 ha infatti costretto l'amministrazione comunale, in accordo con le famiglie, a trasferire la sezione scolastica in un'altra struttura. I genitori degli alunni, anziché scegliere l'asilo centrale “Andrea Veronica”, hanno optato per l'asilo “Tiro a segno”, struttura situata in zona Nevola, al confine con Ostra Vetere. Una scelta che ha fotografato la volontà delle famiglie di non stravolgere l'esperienza scolastica dei propri figli, rimanendo in una struttura più piccola. Una scelta comunque provvisoria che ha portato con se diversi disagi.

Abbiamo constatato un notevole disagio arrecato ai bambini e alle loro famiglie, dovuto alla notevolissima distanze tra la zona servita e l'ubicazione territoriale del tutto periferica della Scuola Materna Tiro a Segno -continuano i genitori-. Questa struttura, con 38 iscritti dei quali 15 residenti in altri comuni, è costretta a subire adattamenti e restrizioni della propria attività didattica. Il prolungarsi di tale situazione determinerebbe un evidente squilibrio territoriale nell'attuazione e gestione di un servizio essenziale.

Il progetto originale non prevede la messa in sicurezza della vecchia scuola, operazione troppo onerosa, ma la creazione di una nuova struttura, probabilmente un prefabbricato, da posizionare nelle vicinanze della chiesa. Un progetto sulla falsa riga del nuovo asilo nido, aperto in zona Nevola. I fondi per l'operazione dovrebbero essere reperiti dalla cessione della vecchia scuola. La questione è stata affrontata anche in una riunione della Commissione Servizi Sociali, lo scorso 19 maggio. Nell'occasione erano presenti il Sindaco Scattolini, gli assessori Mancini e Morgani, i rappresentanti dell'opposizione, i genitori e gli insegnanti di Madonna del Piano. Dopo di chè più nulla.

Madonna del Piano dunque vuole il suo asilo. I bambini che attendono una nuova scuola materna sono ben 23 e a firmare la petizione sono stati addirittura i “futuri” genitori, coloro che nei prossimi anni si troveranno ad affrontare il problema in prima persona.






Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2010 alle 23:57 sul giornale del 11 giugno 2010 - 1821 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi, corinaldo, scuola madonna del piano e piace a Enea_Bartolini





logoEV
logoEV
logoEV