statistiche accessi

Vertice per il salvamento a mare: slitta la firma dell'accordo

1' di lettura Senigallia 31/05/2010 -

Slitta ma solo per problemi tecnici la firma dell’accordo per la gestione del salvamento a mare. Ieri pomeriggio si è risolto con un nulla di fatto il vertice tra ConAdria, il consorzio composto da Confcommercio e Confesercenti, e l’Oasi, il sindacato dei bagnini di Confartigianato, che avrebbe dovuto portare alla fatidica firma per l’intesa sul salvamento a mare. Da settimane infatti era nata una querelle tra i due enti.



Da due anni infatti il ConsAdria gestisce il servizio di salvamento a mare ma quest’anno a farsi avanti è stata anche l’Oasi. Per il Comune però a gestire il servizio deve essere un soggetto unitario, pena il taglio dei finanziamenti previsti pari a 85 mila euro. Tra ConsAdria e Oasi è iniziata dunque una “trattativa” per arrivare a un punto di incontro che “salvi” il salvamento a mare.

Intesa che ora sembra essere stata raggiunta con la costituzione di un’Associazione Temporanea di Imprese. Ieri sera era fissato il vertice tra i rappresentanti dei due enti ma la firma sarebbe slittata per la mancanza di un documento, indispensabile per l’accordo. La firma è stata dunque rinviata ma solo di qualche giorno.






Questo è un articolo pubblicato il 31-05-2010 alle 23:36 sul giornale del 01 giugno 2010 - 920 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, bagnino, salvamento a mare





logoEV
logoEV