Tornano i nudisti al Cesano e vengono multati

1' di lettura Senigallia 30/05/2010 -

A Senigallia primi assaggi d'estate, la spiaggia di velluto, nonostante il tempo incerto, si anima per la prima tintarella di bagnanti e nudisti.



Fra coni gelato, ombrelloni e bagni in mare, quella appena trascorsa può essere tranquillamente battezzata come la prima domenica d'estate del 2010. Ma ieri si è visto anche un altro esordio sul litorale senigalliese: i naturisti.

Il vivace gruppo di persone che ama prendere il sole senza costume, ha fatto la sua comparsa al Cesano, come annunciato da tempo. Tutto ciò nonostante i divieti comunali. E sono arrivate anche le multe. “Essere naturalisti non è facile -ha commentato Alessandro Nagni, portavoce dell'associazione naturalista Emiliano Romagnola e promotore della spiaggia di Cesano-. Il nostro non vuole essere affatto un atteggiamento di sfida. Alla base del nostro modo di vivere c'è il rispetto delle persone. Evidentemente non è così per tutti.

Due poliziotti sono intervenuti nel pomeriggio e hanno multato alcuni dei nudisti. “Non sappiamo da chi siano stati chiamati, probabilmente da qualcuno a cui davamo fastidio. Il naturismo è anche una forma di turismo di nicchia molto particolare, che potrebbe essere sfruttata -ha spiegato Nagni-. Prendiamo per esempio il caso ravennate di Lido di Dante, una struttura pensata per i naturisti. Ha avuto un boom del +24% di presenze. L'Italia sta perdendo milioni di euro a favore di realtà naturiste come la Croazia.








Questo è un articolo pubblicato il 30-05-2010 alle 23:51 sul giornale del 31 maggio 2010 - 11700 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi, spiaggia, cesano, nudisti, naturisti





logoEV