Il confronto tra candidati a Sindaco di Senigallia, ecco il video integrale

4' di lettura Senigallia 25/03/2010 - Successo di pubblico per il confronto fra i candidati a Sindaco organizzato da Vivere Senigallia. Ecco il video integrale della serata.

I cinque candidati a Sindaco di Senigallia, ovvero Fabrizio Marcantoni, candidato della coalizione composta dal Coordinamento Civico, Pdl, Lega Nord e La Destra, Massimo Marcellini, candidato sindaco della coalizione composta dalle liste civiche Insieme per Senigallia e Progetto Giovani, Maurizio Mangialardi, candidato sindaco per la coalizione composta da Pd, La Città Futura, Vivi Senigallia e IdV, Roberto Mancini, candidato della coalizione di centro sinistra composta da Prc, lista civica Mancini Sindaco Partecipazione e Psi-Alleanza per l'Italia e Primo Gazzetti, sostenuto dalla lista civica Primo Gazzetti e dell'Udc, sono stati protagonisti del confronto moderato dai giornalisti Giulia Mancinelli e Michele Pinto organizzato da Vivere Senigallia al cinema Gabbiano.

Il video dell'intera serata


Il confronto è divenuto vivace quando ai candidati è stato chiesto del rapporto tra la giunta ed il consiglio comunale. “Non è esistito alcun rapporto, le nostre mozioni non sono mai state prese in considerazione – ha detto Marcantoni – un esempio è rappresentato dal piano Cervellati del centro storico, secondo noi inapplicabile”. “Abbiamo applicato sempre il regolamento, - ha affermato Mangialardi – i consiglieri dell'opposizione erano molto spesso assenti o presenti con il megafono. Il consiglio comunale deve rispondere agli impegni presi con i cittadini”. “In questi anni si è notato un certo fastidio per gli organi amministrativi, il consiglio ha un ruolo importante che deve essere rivalutato” - ha sottolineato Mancini. Secondo Marcellini “la partecipazione deve essere più aperta per condividere con tutti le decisioni importanti”. “Una giunta trasversale con tecnici provenienti anche da aree differenti non può che migliorare i rapporti con il consiglio” - ha detto Gazzetti.

I toni si sono accesi quando sono stati toccati i temi della complanare e dell'ex area Sacelit. “La complanare non è risolutiva anzi è un incentivo ad utilizzare l'auto, - ha affermato Mancini – inoltre avevo portato in consiglio i disagi che la sua costruzione sta causando ma il mio appello è rimasto inascoltato e l'amministrazione ha preferito tirare dritto”. “Il progetto della complanare è passato per ben tre volte in consiglio ed è stata votato all'unanimità, - ha risposto Mangialardi – il progetto inoltre è stato modificato ascoltando anche le esigenze dei cittadini”. “La complanare è una strada interquartiere che non risolve i problemi della viabilità ma anzi crea problemi sociali. Quello che servirebbe alla città è una terza corsia dinamica, una vera circonvallazione” - ha detto Marcantoni. “Non abbiamo capito fino in fondo il disagio che avrebbe provocato la complanare, - ha affermato Marcellini – è necessario ridurre i contenziosi”. “Con il Pd locale non è stato possibile dialogare e il progetto della complanare, la cui costruzione sta portando disagi a molte famiglie, ne è un esempio” - ha detto Gazzetti.

Riguardo l'albergo a 5 stelle previsto nell'ex area Sacelit Mangialardi ha sostenuto che “la struttura è degna di una città che si propone come riferimento nel panorama turistico regionale”. Secondo Marcellini “a Senigallia non servono hotel di lusso, meglio un polo scientifico legato al mare”, mentre Mancini preferirebbe “una cittadella della scienza”. “La nuova viabilità connessa al nuovo assetto dell'ex area Sacelit è problematica ed assassina” - ha detto Marcantoni, viabilità che non convince neppure Gazzetti il quale ha aggiunto che “si può investire senza deteriorare”.

L'appello al voto di Primo Gazzetti
L'appello al voto di Fabrizio Marcantoni
L'appello al voto di Maurizio Mangialardi
L'appello al voto di Roberto Mancini
L'appello al voto di Massimo Marcellini







Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2010 alle 20:02 sul giornale del 26 marzo 2010 - 7472 letture

In questo articolo si parla di roberto mancini, maurizio mangialardi, giulia mancinelli, francesca morici, massimo marcellini, politica, fabrizio marcantoni, primo gazzetti





logoEV
logoEV