x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > SPETTACOLI
comunicato stampa

Sarà recuperata giovedì 25 marzo la proiezione del film \'Flor da Baixa\'

4' di lettura
897

dal Comune di Senigallia
www.comune.senigallia.an.it


cinema

Sarà recuperata giovedì 25 marzo alla Piccola Fenice di Senigallia  la proiezione di “Flor da Baixa” di Mauro Santini, regista nato a Fano nel 1965, che sarà presente in sala.

L\'appuntamento è inserito nella rassegna “Anteprima cinema”, nell\'ambito della Stagione cinematografica del Comune di Senigallia, a cura del circolo cinematografico Linea d\'Ombra FICC. Inizio proiezione alle 21. L\'ingresso alle proiezioni è gratuito per i soci, tessera 5 euro. Il film “Flor da Baixa” è stato realizzato da Mauro Santini che si è occupato di regia, soggetto, fotografia, montaggio, suono, produzione. L\'interprete è Monica Cecchi. Il film è stato presentato al Torino Film Festival ed è un viaggio tra assenza e distanza, nelle suggestioni di città come Lisbona, Rio de Janeiro, Marsiglia, Taranto. Il lavoro nasce dall\'omonimo cortometraggio di dieci minuti realizzato nel 2004, che doveva il suo nome a una vecchia pensione del centro di Lisbona, nella Baixa appunto. Un frammento dilatato, deformato che diventa il fulcro di un nuovo lavoro, stavolta lungometraggio.


Gli spettacoli della Stagione cinematografica 2009-2010 del Comune di Senigallia sono realizzati con la collaborazione e la cura del circolo cinematografico Linea d\'ombra FICC. La tessera 2010 per l\'ingresso a tutte le proiezioni è di 5 euro. Info www.fenicesenigallia.it


Scrive il regista nelle note di regia: “Realizzato senza sceneggiatura, autoprodotto, girato a basso costo senza messa in scena, camera a mano, rubando nella vita di inconsapevoli ‘attori’, “Flòr da Baixa” si è composto da sé, un viaggio dopo l\'altro, sulla semplice traccia della distanza e dell\'assenza. Nasce dall’omonimo cortometraggio di dieci minuti del 2004, che doveva il titolo al nome di una piccola e vecchia pensione del centro di Lisbona, nella Baixa appunto, ritrovata in una ‘coda’ di una ripresa in hi8, a dieci anni di distanza da un viaggio in Portogallo. Questo frammento, della durata di un secondo, dilatato, deformato e ‘stirato’, secondo un metodo a me molto caro di ricerca delle immagini (una sorta di found-footage autobiografico), divenne così il fulcro di quel video, nel quale era già presente il soggetto di questo lungometraggio: il distacco, l’attesa di un ricongiungimento e il sentimento dell’assenza, intesa come vuoto, mancanza. Nei due anni seguenti ho raccolto altro materiale a Rio de Janeiro, Taranto e Marsiglia. Dal viaggio in Brasile è nato un video, presentato al Torino Film Festival 2005, che, raccontando la città ‘in soggettiva’, rappresentava il controcampo di Flòr da Baixa, narrando, dagli occhi del viaggiatore, il fascino della scoperta di un luogo sconosciuto e coinvolgente, seguito però dal sentirsi soli, come in qualsiasi altro luogo.


Poi c’è stata Marsiglia dove, nelle immagini di una notte e del mattino seguente, lo sguardo diviene spettatore partecipe di un’umanità presente e vicina, malgrado la distanza e il filtro delle persiane della finestra d’hotel dalla quale vengono mostrati gli eventi. E ancora a Taranto, addentrandosi nei vicoli della città vecchia, disposti a perdersi, trovando sui muri, nella pioggia, nelle carrellate notturne dall’auto, solo il vuoto e l’assenza che a Rio e a Marsiglia si erano manifestati in forme diverse. Dopo Taranto e la sua malinconia non poteva esserci che il ritorno a Lisbona e il tentativo di ritrovare il Flòr da Baixa e la donna attesa. Ho ripreso ognuna di queste città senza alcun vincolo dato da una sceneggiatura o da una traccia scritta, scoprendole, lasciando che mi trasportassero.


Le ho riprese avendo sempre presente il sentimento un po’ melanconico della distanza e dell’assenza che appartiene a questo film e allo sguardo protagonista del viaggio. E’ stato un po’ come interpretare un sentimento con gli occhi, come un attore interpreta un ruolo entrando nel personaggio: ogni cosa ripresa e trovata era intesa come una scoperta, qualcosa da conservare, da donare a qualcuno, qualcosa da condividere al ritorno. Lisbona è invece mostrata tramite la presenza costante della figura femminile, che si muove in una città conosciuta e ci porta nei mercati e nelle taverne, sulla piazza e su tranvetti traballanti, fino a condurci nella sua stanza e infine alla Pensao Flòr da Baixa, ritrovata con grande emozione dopo dodici anni da quella prima inquadratura: il luogo in cui riunire i due sguardi, come in un abbraccio tra due persone che si ritrovano dopo lungo tempo, affinchè possano, dalla finestra dell’hotel, vedere finalmente la medesima immagine” (Mauro Santini).



cinema

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2010 alle 16:44 sul giornale del 23 marzo 2010 - 897 letture