L\'IdV non parteciperà al confronto tra giovani candidati organizzato da Vivere Senigallia

idv senigallia logo 2' di lettura Senigallia 22/03/2010 - Noi dell’Italia dei Valori Senigallia abbiamo appreso dalla stampa che Martedì sera al Teatro Portone si terrà il primo confronto tra i giovani candidati al Consiglio Comunale di Senigallia. Confronto di cui non siamo stati informati in nessun modo né ufficiale né informale.


Alla luce di ciò e non avendo mai dato l’avvallo ad un rappresentante dei giovani della nostra coalizione di centro sinistra precisiamo quanto segue: Alberto Bartozzi in quella serata sarà il rappresentante di sé stesso e del PD, e non della coalizione di cui facciamo parte.
Senza nulla togliere al valore politico del giovane del PD in questione, non possiamo dare una patente di rappresentanza se non prima di aver fatto una apposita e regolare assemblea che -anche con il nostro voto- elegga democraticamente un portavoce o rappresentante.
Questo non ci risulta essere avvenuto e finché non avverrà Bartozzi può essere rappresentante di chiunque ma non il nostro.

Anche perché la lista IdV Senigallia ha ben 6 candidati sotto i 30 anni: rispettivamente: Canti Stefano (1986), Bolletta Luca (1990), Mengarelli Claudio (1987), Montesi Elena (1982), Pierpaoli Lorenzo (1981), Silveri Arianna (1990), tutte persone con preparazione e caratteristiche anagrafiche che le renderebbero come e forse più degne di Bartozzi a rappresentare i giovani del centro-sinistra senigalliese.

I giovani under 30 di IdV Senigallia non finiscono nemmeno qui perché altri ce ne sono che, benché non candidati, orbitano attorno al nostro gruppo e sono tutt’altro che poco attivi; uno tra gli altri è Dean Hajredini che tra le altre cose ha co-organizzato il recente incontro con Samanta Di Persio ed ha guidato la delegazione IdV Senigallia alla manifestazione contro il DL salvaliste di Sabato 13 Marzo.

Per questi motivi, e per il mancato invito come lista autonoma all’incontro, il partito IdV non parteciperà alla serata e non sarà rappresentato ufficialmente da nessuno.

La nostra attenzione al mondo giovanile resta tangibile e concreta nel programma che abbiamo firmato e nella volontà dei nostri candidati giovani e meno giovani, ben sapendo che per fare il bene delle nuove generazioni non basta avere pochi anni all’anagrafe o mettere la parola “giovani” nel nome del partito, occorre invece costruire proposte concrete e realizzabili che vadano oltre le semplici promesse spesso irrealizzabili.
Vogliamo prima di tutto uscire dalla vuota retorica e entrare nella realtà di tutti i giorni per cambiarla e migliorarla con l’esperienza e l’entusiasmo di chi è in età giovanile e di chi ha qualche anno di più. Lo faremo a modo nostro con tanta concretezza e poche chiacchiere.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-03-2010 alle 00:11 sul giornale del 22 marzo 2010 - 5254 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, senigallia, italia dei valori, idv senigallia


Vi devo delle spiegazioni.<br />
<br />
L\'incontro è stato organizzato da Vivere Senigallia, che ha scelto -autonomamente- un solo giovane candidato per ogni coalizione perché invitare un candidato per ogni lista sarebbe stato ingestibile.<br />
<br />
Ho scelto Alberto - e la mia scelta può essere sindacabile, ma ormai non è modificabile - semplicemnte perché è stato lui per primo a lanciare l\'idea del dibattito.<br />
<br />
Dopo le domande, alle quali pretendo risposte molto brevi, max due minuti, rimarrà tempo per lasciare spazio al pubblico, ed in particolare a tutti i giovani candidati che non hanno trovato posto sul palco.<br />
<b>Vi rinnovo l\'invito a partecipare</b>.<br />
<i>Se deciderete di partecipare, come singoli candidati, mi impegno a ridurre il numero delle domande per lasciar posto agli interventi di tutti gli altri giovani candidati</i>.<br />
<br />
Quando ho deciso di organizzare anche questo confrontro mi sono subito reso conto delle difficoltà. Ho deciso di andare avanti comunque perché sono convinto che i giovani candidati sapranno confrontarsi con più libertà e fantasia di quento possano fare tutti gli altri candidati.<br />
Dare loro uno spazio mi è sembrato doveroso.

il tuo errore è continuare a considerare bartozzi rappresentante di coalizione.perchè continui?scrivi PER FAVORE rappresentante PD!!!!

Forse semplificherebbe dire che Bartozzi non rappresenta la coalizione come Cicconi Massi non rappresenta la sua e così via.....ognuno rappresenta se stesso all\'interno della coalizione che viene rappresentata dai candidati sindaco.<br />
Credo che il taglio della serata sia questo e non si pretenda assolutamente di eleggere il sindaco dei giovani come avviene in qualche comune con gli alunni delle scuole elementari e medie.

Alberto non rappresenta ne la coalizione ne il PD. È un giovane candidato della coalizione e come tale è stato invitato al confronto di domani.<br />
<br />
Ho riletto l\'articolo e non mi pare di veder scritto da nessuna parte che Bartozzi rappresenti la coalizione. Se mi indichi la frase in cui lo si afferma la correggo volentieri.

è chiaro che Bartozzi quella sera rappresenterà sè stesso e il PD. Ma che problema c\'è? Va li, pensa di prendere un pò di voti per lui e basta... e ovviamente il PD anche visto che c\'è lo manda. Non c\'è nulla di strano che anche gli altri partiti dicano che Bartozzi non li rappresenta

\"Se deciderete di partecipare, come singoli candidati, mi impegno a ridurre il numero delle domande per lasciar posto agli interventi di tutti gli altri giovani candidati\".<br />
Uno l\'invito se lo deve ricevere, non si deve auto-invitare. Che vuol dire? Bartozzi allora si è autoproclamato rappresentate dei giovani? Ci manca che dica che è l\'eletto dal popolo come Berlusconi!

Ho capito ora chi è questo Bartozzi che alcuni giorni si esprimeva così riguardo alla inaugurazione di una piazzetta (condominiale!) a Pio IX: <br />
<br />
"Io proporrei di farlo santo solo perchè non sbagliava mai, infatti, disse: "Non sono né profeta, né figlio di profeta, ma vi assicuro che voi a Roma non entrerete". <br />
Pochi giorni dopo 50.000 uomini al comando di Raffaele Cadorna entrarono a Roma.<br />
E' vergognoso che un'amministrazione intitoli una piazza a tale personaggio, autore del "non expedit" e personaggio notoriamente anti-italiano, complice del'omicidio di Simoncelli."<br />
<br />
Sono profondamente rammaricato nel saperlo candidato del partito in cui mi riconosco, voglio solo sperare che prenda pochi voti e si vada a studiare un po' la storia (non solo Wikipedia).<br />
Sono profondamete amareggiato.




logoEV
logoEV