x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > POLITICA
comunicato stampa

Mancini sul Cogesco: \'No alla figura unica di dirigente, direttore e coordinatore\'

2' di lettura
3813
Roberto Mancini
candidato a sindaco per il Centrosinistra
www.mancinisindaco.it

roberto mancini

A fine mandato, mentre si è in attesa del pronunciamento elettorale, una amministrazione democratica sospende qualsiasi nomina in enti o ambiti ad essa collegati, proprio per non umiliare il voto popolare con un atto che fisserebbe in anticipo i futuri assetti, che dovrebbero essere demandati ai nuovi organi usciti dalle urne.

Questo intendo ricordare al Sindaco Angeloni che vuol nominare ora il nuovo coordinatore del nostro Ambito Territoriale Sociale, forse pensando che il suo delfino, dopo le elezioni, non sarà capace di imporlo o non ricoprirà la carica necessaria per poterlo fare. Non entro nel merito delle professionalità coinvolte; è comunque difficile comprendere le ragioni di una scelta che concentra nelle stesse mani le funzioni di dirigente comunale, direttore del COGESCO e coordinatore di ambito.


Siamo di fronte ad un modello adatto alla gestione associata dei servizi sociali o ad una monarchia assoluta? Tra l’altro, se pensiamo che presso l’Ambito Territoriale Sociale sono depositati atti ufficiali in cui i Comuni riconoscono che il precedente coordinatore ha conseguito in pieno gli obiettivi stabiliti (come pure ricordano le segreterie di CGIL, CISL, UIL), quali sono le ragioni che muovono il quasi ex Sindaco di Senigallia? Si potrebbe pensare, in assenza di dichiarazioni convincenti, che si tratti di un regolamento di conti all’interno del PD e che gli incarichi sul territorio vengano distribuiti non sulla base di progettualità trasparenti e condivise, ma per regolare gli assetti di potere interni al partito. Quindi, è necessario che si pronuncino tutti coloro che hanno a cuore un futuro non lottizzato per la nostra città e per l’intero comprensorio, in qualsiasi coalizione essi siano collocati in questa tornata elettorale.


Il nostro impegno è volto a far sì che le decisioni vengano demandate ai nuovi organi (Comune e Regione) eletti il 28 e 29 marzo; la nostra speranza è che Senigallia promuova rapporti di collaborazione e cooperazione in tutti i campi con i Comuni dell’entroterra, riconoscendo, proprio perché è Comune capofila, la dignità e le potenzialità di ciascuno.



roberto mancini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2010 alle 16:01 sul giornale del 08 marzo 2010 - 3813 letture