x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > CULTURA
articolo

Il tavolo contro la violenza sulle donne incontra gli studenti delle scuole medie superiori

6' di lettura
1305

da Federica Mariani


Marzo è il mese della donna, non potevano mancare quindi iniziative organizzate dal Consiglio delle Donne: proiezioni di film, conferenze e dibattiti per far riflettere e informare sul ruolo della donna oggi. Senza dubbio una delle iniziative più forti e coinvolgenti dal punto di vista emotivo e sociale è stata il “Tavolo contro la violenza sulle donne incontra gli studenti della classi V delle scuole medie e superiori di Senigallia”.

Questa progetto è stato proposto venerdì ai ragazzi e ragazze di 18-19 anni, che si sono confrontati direttamente con un tema così crudo che è soltanto sussurrato e poche volte approfondito come si dovrebbe. Una mattinata di incontri con gli esperti del settore che hanno parlato della loro esperienza in prima persona ed hanno spiegato come questo dramma della violenza è subìto in silenzio e scava solchi profondi nell’animo di chi lo subisce. Sono stati presentati anche due video molto toccanti che affrontavano il tema della violenza sessuale tra conoscenti adolescenti. Questi video sono stati opportunamente integrati dall’intervento della Dott.ssa Biagetti che da ben 9 anni è giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Ancona, oltre che Vice Presidente dell’Associazione “La voce dei bambini” di Senigallia, che lavora da anni con i giovani nelle scuole occupandosi di valutazione e trattamento di bambini e ragazzi che hanno subito ogni forma di maltrattamento. “Le parole più ricorrenti quando si parla di violenza sono: umiliazione, impotenza, vergogna”, spiega la dott.ssa Biagetti “per le donne è difficilissimo ammettere che si è vittime di violenza, così come è difficile dare un nome a tutto ciò, perché subentra la negazione dell’accaduto come meccanismo di difesa. Il passaggio terapeutico per una buona guarigione è proprio riuscire ad ammettere che si è subito una violenza e quindi un trauma”, e ancora continua spiegando ai ragazzi “per noi che operiamo in questo settore come per i poliziotti che raccolgono le denuncie è particolarmente importante saper accogliere il soggetto che ha subìto un trauma di questo genere, saperlo mettere a proprio agio perché la confessione, il raccontare è una forma di liberazione e credetemi non è sempre facile conquistare la fiducia del soggetto che si ha di fronte”. Una breve riflessione è stata condotta anche sugli stereotipi molto ben radicati nel nostro paese e che dipingono la donna colpevole per la violenza subita, perché vestita in un certo modo o soltanto per alcuni suoi atteggiamenti: “questi stereotipi stanno lentamente sradicandosi, anche se molte sentenze in Italia li hanno rinforzati per anni. Oggi con l’aiuto di nuove leggi la donna è più tutelata, e viene tenuto ben presente che la vittima non è mai colpevole di ciò che le è accaduto, ma è l’aggressore che commette un reato”.

La violenza contro le donne è una violenza di genere riconosciuta oggi dalla comunità internazionale come violazione dei diritti umani ed è un fenomeno ricorrente nella storia che ha assunto sfaccettature diverse a seconda dei contesti culturali, sociali ed istituzionali. Nonostante la condanna da parte di tutto il mondo la violenza sulla donna è enormemente diffusa ed è un dramma presente ovunque. Per questo va combattuta arginando il numero dei casi e sensibilizzando le coscienze delle generazioni presenti e future.

A Senigallia si sta già facendo molto infatti nel febbraio 2009 è nato in maniera autonoma e su proposta del Consiglio delle Donne del Comune di Senigallia “il tavolo contro la violenza subita dalla donne” e del quale fanno parte l’Assessorato comunale alle Pari Opportunità, le rappresentanti delle principali associazioni di volontariato, le forze dell’ordine e i professionisti sanitari in rappresentanza dell’ASUR Marche, nonché vari cittadini sensibili a questa problematica, tutti assieme impegnati a operare nel territorio cittadino per la tutela della donna. Finalità del tavolo è la programmazione di iniziative concrete contro la violenza sulle donne, che vanno dalla comprensione del fenomeno, alla sensibilizzazione sul tema fino ad arrivare all’aiuto alle donne in difficoltà. Riuscire a comprendere le dinamiche sociali dietro questo tipo di violenza, nonché capire come essa viene percepita dalla società è essenziale per poter arginare questo fenomeno in costante crescita anche all’interno delle mura domestiche. E’ per questo che il tavolo contro la violenza alle donne ha formulato un questionario anonimo inviandolo a tutte le famiglie senigalliesi, per ottenere informazioni più precise. “Oltre 250 questionari sono ritornati compilati, alcuni anche da stranieri e da uomini” commenta soddisfatta la dott.ssa Rossana Berardi Presidente uscente del Consiglio delle Donne del Comune di Senigallia, concludendo “Senigallia è la prima città in Italia che ha fatto un censimento anonimo su questo fenomeno e i dati definitivi verranno resi noti il 18 marzo in una conferenza all’Auditorium di San Rocco”.

Un questionario semplice ma nello stesso tempo dettagliato che va dritto al problema e chiede alla donne cosa intendono per maltrattamento, chi può commettere secondo loro più frequentemente violenza e se ha già subito violenza. Questo strumento aiuterà gli esperti a capire come viene percepita la violenza sulla donna a Senigallia e da questo feedback impostare azioni mirate per sconfiggere o quantomeno arginare il fenomeno.
Invito tutte le donne a compilare questo questionario, io stessa l’ho fatto e sono contenta di aver dato il mio contributo a questo progetto di aiuto. Una copia del questionario è scaricabile anche dal sito web del Comune (www.comune.senigallia.an.it).

Le altre iniziative del Consiglio delle Donne:
Domenica 7 marzo, presso la Sala Consiliare della Sede Municipale, alle ore 10 avrà luogo l’incontro pubblico “Il voto è stato l’inizio…” , organizzato in occasione del 4° anniversario della ricostituzione del Consiglio delle Donne per ricordare il percorso che ha portato all’emancipazione delle donne senigalliesi e più in generale italiane e al conseguente adeguamento della giurisprudenza. Altri due appuntamenti si svolgeranno nella seconda metà del mese: Giovedì 18 marzo presso l’Auditorium San Rocco è in programma alle ore 17 una conferenza aperta alla cittadinanza promossa dal Tavolo contro la Violenza subita dalle donne. L’incontro prevede la presentazione dei risultati dei questionari anonimi sul tema della violenza distribuiti alla cittadinanza in allegato al periodico comunale e l’intervento degli organismi che operano nel territorio cittadino per la tutela della donna. Modererà l’incontro il giornalista Fausto Spegni. Venerdì 26 marzo il Teatro “La Fenice” ospiterà alle ore 21 il Musical “Il Piccolo Principe”, promosso dal Consiglio delle Donne e realizzato ad opera del gruppo di artisti di Destate la Festa che nel gennaio scorso hanno realizzato “Forza Venite Gente” interamente dal vivo con coro e orchestra. Il musical verrà rappresentato grazie alla collaborazione del Liceo Scientifico “E. Medi” di Senigallia. L’ingresso sarà ad offerta e il ricavato verrà devoluto in beneficienza.


Questo è un articolo pubblicato il 06-03-2010 alle 11:09 sul giornale del 08 marzo 2010 - 1305 letture