x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > SPETTACOLI
comunicato stampa

Antonio Rezza alla Fenice con il suo Pitecus

3' di lettura
1004

dal Comune di Senigallia
www.comune.senigallia.an.it


Antonio Rezza

Pitecus, per la regia di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, è l’irriverente spettacolo comico che andrà in scena al teatro “La Fenice” di Senigallia domenica 14 marzo (inizio alle ore 21, biglietto unico a 10 euro), promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Senigallia e dall\'Associazione \"Bubamara\" grazie al curatore Lorenzo Franceschini.

Le contraddizioni della nostra società emergono in maniera spietata e travolgente in questa rappresentazione, che vedrà protagonista sul palco una delle personalità artistiche più originali della scena teatrale italiana e internazionale, Antonio Rezza, che ha curato anche i testi dello spettacolo, mentre Flavia Mastrella è autrice dei quadri di scena. “Pitecus si scaglia contro la cultura dell\'assopimento e della quiescenza creativa”, si trova scritto sul sito degli artisti (http://rezzamastrella.altervista.org). Lo spettacolo racconta le storie di tanti personaggi, un andirivieni di gente che vive in un microcosmo disordinato: stracci di realtà si susseguono senza filo conduttore, sublimi cattiverie rendono comici e aggressivi anche argomenti delicati. Non esistono rappresentazioni positive, ognuno si accontenta, tutti si sentono vittime, lavorano per nascondersi, comprano sentimenti e dignità, non amano, creano piattume e disservizio.


I personaggi sono brutti somaticamente e interiormente, sprigionano qualunquismo a pieni pori, sprofondano nell\'anonimato; ma, grazie al loro narcisismo, sono convinti di essere originali, contemporanei e, nei casi più sfacciati, avanguardisti. Parlano un dialetto misto, sono molto colorati, si muovono nervosi e, attraverso la recitazione, assumono forme mitiche e caricaturali, quasi fumettistiche. Pitecus è dunque uno spettacolo che analizza il rapporto tra l\'uomo e le sue perversioni: laureati, sfaticati, giovani e disperati alla ricerca di un occasione che ne accresca le tasche e la fama, pluridecorati alla moralità che speculano sulle disgrazie altrui, vecchi in cerca di un\'identità che li aiuti ad ammazzare il tempo prima che il tempo ammazzi loro, persone che tirano avanti una vita ormai abitudinaria, individui che vendono il proprio corpo in cambio di un benessere puramente materiale, esseri che viaggiano per arricchire competenze culturali esteriori e superficiali.


Un discorso a parte meritano i quadri di scena, che rappresentano una vera e propria operazione di arte applicata alla drammaturgia, conferendo allo spettacolo un linguaggio figurativo che mischia colori e parole. Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi al teatro \"La Fenice\" di Senigallia (via Cesare Battisti 19 – tel. 071.7930842 – 335.1776042), la cui biglietteria è aperta negli ultimi quattro giorni della settimana, da giovedì a domenica, sempre dalle ore 16,30 alle 20,30. Da segnalare che prima dello spettacolo, nel pomeriggio della stessa domenica 14 marzo, è in programma un incontro con gli autori, Antonio Rezza e Flavia Mastrella, presso il Centro di Aggregazione Giovanile “Bubamara” di Senigallia, situato in via Abbagnano, proprio all’uscita del casello autostradale, tra la multisala cinematografica e il centro commerciale Cityper e il Multisala. Questo appuntamento, a ingresso libero, si svolgerà alle ore 16.30.



Antonio Rezza

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2010 alle 16:11 sul giornale del 06 marzo 2010 - 1004 letture