x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
articolo

Bandiera di via Perilli: Fibbi attacca, \'Il comune non ha nulla da festeggiare\'

1' di lettura
1774
di Riccardo Silvi
vivere.biz/riccardosilvi

giulio fibbi fabrizio marcantoni roberto paradisi

\"Il comune non è certo nella posizione di esultare in merito alla decisione del Tar. La sospensiva riguardo la bandiera dà chiaramente ragione al sottoscritto.\" Non usa mezzi termini Giulio Fibbi, coordinatore del Popolo delle Libertà e protagonista della vicenda della bandiera italiana.

\"Il Tar ha accolto la mia richiesta di sospensiva -spiega Fibbi-. E di conseguenza ha accolto le mie motivazioni e respinto quelle dell\'Amministrazione. Per il momento la bandiera non si tocca.\"

Il comune nei giorni scorsi si era detto soddisfatto della decisione del Tar la quale obbliga Fibbi ad aprire le porte della sua abitazione ai tecnici del comune per visionare la sicurezza della bandiera. Ma Fibbi rilancia e chiama anche la stampa. \"I tecnici del comune si sono presentati a casa mia solo due giorni prima della sentenza per effettuare i rilievi. Hanno avuto ben 3700 giorni, 10 anni, per farlo. Perchè solo ora? Un controllo strumentale alla sentenza a cui mi sono opposto. Quando verranno sarò lieto di accompagnarli, logicamente assieme ai miei tecnici e anche alla stampa.\"

Ma non finisce qui. \"In questi ultimi giorni si è parlato di una nuova richiesta comunale per togliere la bandiera -conclude Fibbi-. Un provvedimento che ancora non è arrivato ma non appena arriverà farò un altro ricorso al Tar.\"


giulio fibbi fabrizio marcantoni roberto paradisi

Questo è un articolo pubblicato il 01-03-2010 alle 15:27 sul giornale del 02 marzo 2010 - 1774 letture