x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Serra de’ Conti: Unione Civica sul servizio della polizia locale

2' di lettura
740
da Lista Unione Civica

unione civica

Nell’ultimo Consiglio, a Serra de’ Conti, fra i diversi argomenti trattati, ha fatto discutere la decisione sulla “nuova convenzione sul servizio della polizia locale”.

La minoranza di “Unione Civica”, tramite il suo capogruppo Emilio Zannotti, ha contestato l’iniziativa intrapresa dall’Amministrazione Comunale sulla gestione associata del servizio di polizia municipale con Arcevia e Barbara. E’ stato evidenziato che già nel territorio di Serra de’ Conti il lavoro svolto, benché qualificato, è insufficiente, per mancanza di mezzi, strumenti e soprattutto di personale. La realtà serrana richiede, anziché un “alleggerimento”, un potenziamento del numero dei Vigili per le mansioni specifiche: occorre altresì eliminare attività di non propria competenza, affidate agli addetti, come la gestione delle attività di commercio, le mansioni di notifica etc. La Legge della Regione Marche n°38/98 pronuncia una direttiva (giustificata sicuramente da studi statistici e da riscontri sull’efficacia di risultati) sulla dotazione organica del servizio di polizia municipale, prevedendo almeno un addetto per ogni 1’000 abitanti e ancor più, per certe realtà comunali, il numero degli operatori non può essere inferiore a due.

Serra de’ Conti risulta, anche con il confronto normativo, “sottodimensionato” con il personale. Nel caso in questione, prosegue Zannotti, anche gli altri Comuni coinvolti nell’accorpamento del servizio hanno un organico al di sotto delle necessità: il territorio ed il numero degli abitanti che andrà ad essere servito è tale che il numero totale degli addetti è inferiore al lavoro da svolgere. E’ saggezza che le iniziative in forma associata fra Enti locali si debbano realizzare solo quando esistono presupposti provati di efficienza ed economicità. Con la scelta fatta dall’Amministrazione, gli 8 vigili urbani presenti nei tre comuni, dovranno controllare un territorio di circa 162 Km quadrati e mettersi al servizio di quasi 11\'000 cittadini, disperdendo con gli spostamenti da compiere enormi energie. L’estensione (con le miriadi di frazioni e località distribuite nel territorio) del comune di Arcevia cinque volte maggiore di quello serrano e quasi dodici volte quello di Barbara.

Enti locali in forma associata che hanno già sperimentato con situazioni e condizioni, come quella che si andrà a costituire, hanno avuto negatività di risultati, disservizi e malcontento della gente. Si dovranno, così, affrontare maggiori spese (per compensi al personale, trasferte, acquisto di autovelox etc.) ed una dispersione di energie umane e di mezzi nel territorio per la loro insufficienza. Con tutta probabilità, non si tratterà neanche un vantaggio per il Comune maggiore ma una penalizzazione del servizio per tutte le comunità coinvolte nel servizio associato. Anziché migliorare ed aumentare la presenza degli agenti di polizia locale si rischia di vanificare quanto attualmente di buono è stato creato.


unione civica

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2010 alle 16:22 sul giornale del 01 marzo 2010 - 740 letture