Il Mezza Canaja su via Marche: quando la lotta paga!

via marche 2' di lettura Senigallia 25/02/2010 - Quello di mercoledì è stato un giorno molto importante per la lotta in difesa degli abitanti di Via Marche. Lo è stato perché si è ottenuta la sospensione degli sfratti che dovevano essere eseguiti il 26 febbraio e perché l’Amministrazione Comunale dopo quasi dieci giorni dall’esplosione del caso, ha finalmente incontrato gli inquilini.

Il Sindaco Angeloni ha fatto proprie alcune delle nostre richieste che avevamo condiviso con gli inquilini nell’assemblea di condominio di venerdì scorso e poi, insieme rese pubbliche il giorno successivo, durante la manifestazione in Via Marche. In primis, il blocco di tutti gli sfratti fin ché non sarà trovata una soluzione abitativa alternativa dignitosa a tutte le famiglie. In secondo luogo, la mediazione del Comune e dei Servizi Sociali per aiutare chi è sottosfratto a trovare una casa economicamente accessibile, in modo da non lasciare le famiglie in balia del mercato immobiliare e dei sui affitti salati.


Infine, l’Amministrazione Comunale si è fatta parte in causa del procedimento giudiziario volto a sospendere tutti gli sfratti in corso. Per noi sono risultati importanti, frutto della cooperazione che quotidianamente abbiamo creato in questi giorni tra noi, gli inquilini, i titolari delle attività commerciali e gli avvocati Carlo e Corrado Canafoglia. Frutto anche della solidarietà e della complicità di molti senigalliesi che si sono schierati dalla parte di chi ancora oggi è formalmente sotto sfratto. Davanti ad una città che in molteplici forme si mobilita in difesa del diritto alla casa e della dignità delle persone, risultano ancora più inaccettabili le poche e vergognose righe che la società di Morpurgo e Rocchetti ha affidato alla stampa. Costoro, mentre si apprestano a diventare proprietari di un altro pezzo di città, speculandoci sopra e ingrassando i propri portafogli, hanno anche la faccia tosta di fare i “turisti per caso” del mercato immobiliare. Di fatto se ne lavano le mani e in più minacciano querele.


Martedì 2 Marzo - h. 13.00 - presso il Tribunale di Senigallia si svolgerà la seconda udienza per sospensione degli sfratti. Noi saremo lì, insieme agli inquilini di Via Marche e a tutti i senigalliesi che vorranno esserci, per ribadire che la casa è un diritto, che la dignità, la serenità, la sicurezza, il lavoro e il reddito vengono prima dei profitti privati dei soliti miliardari e che se gli sfratti non saranno bloccati saremo pronti a fare i picchetti davanti ad ogni casa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-02-2010 alle 15:40 sul giornale del 26 febbraio 2010 - 3075 letture

In questo articolo si parla di attualità, mezza canaja


Scusate la pignoleria, ma definire questa una vostra vittoria mi sembra quantomeno improprio. Ieri è stato approvato dal parlamento in via definitiva il decreto milleproroghe (con i voti della maggioranza compatta), che prevede la sospensione degli sfratti fino al 31/12/2010. Quindi, scusate, ma di che stiamo parlando?

peccato che ieri era giovedì e i fatti riportati sono invece di martedì indi per cui quando è stato sospeo lo sfratto il parlamento ancora nn aveva approvato nulla.<br />
infine gli sfratti sospesi generalmente sono quelli per finita locazione, al massimo per morosità. via marche purtroppo non rientra in nessuno dei due.<br />
<br />
quindi di che stai parlando?

Commento modificato il 26 febbraio 2010

Bravo Mezza canaja! <br />
<br />
P.S. Modifico il commento per chiedere: perché l\'immobile non è stato comprato dal comune? Perché non prova a comprarlo ora?

Oh ragazzi, non vi montate la testa adesso...<br />
Bravi bravi, buona fortuna e tanta solidarietà ai \"cittadini di via Marche\".

mesturini viola

tanto di cappello ai ragazzi del mezza canaja. indipendentemente dal fatto che sia o non sia loro il merito, hanno preso a cuore il disagio di tante famiglie che rischiavano lo sfratto, e sono stati li a soffrire e combattere al fianco dei condomini. a mio avviso un gesto nobile e di grande altruismo.




logoEV
logoEV