SEL: chi ha ucciso il centrosinistra?

sinistra libertà ecologia 2' di lettura Senigallia 13/02/2010 - \"Quindici anni di esperienza di Governo nelle Marche, di sinistra prima e di centrosinistra poi, si sono conclusi mercoledì scorso\". 

Dopo aver raccontato a tutti i Marchigiani che “Uniti si vince!”(così recitava il manifesto), il Presidente della Regione Spacca e la segreteria regionale del PD hanno messo da parte il programma costruito in questi mesi con il contributo di tutte le forze della coalizione uscente, per sottoscrivere un nuovo programma che accoglie buona parte delle richieste dell’UDC. In un momento di profonda crisi economica, risorse vitali per tutelare i redditi dei disoccupati e dei precari marchigiani verranno destinate a finanziare le scuole private, si apriranno le porte all’ingresso dei privati nella Sanità,minori aiuti avranno le imprese ed i lavoratori marchigiani per prepararsi al futuro, per un modello di sviluppo più adatto alle caratteristiche dei nostri territori, più attento ad ambiente e paesaggio, più solidale e meno vorace di energia e si rimetteranno in moto le vecchie politiche di “sviluppo”,basate su: consumo di territorio, scarsa attenzione alle emissioni di CO2 ed ai consumi energetici,nuovi inceneritori, economia dei consumi più che dei bisogni.



Sinistra Ecologia Libertà si è impegnata in prima linea nella costruzione di una prospettiva nuova, anche aperta all’UDC e per scongiurare la scelta scellerata del patto PD-UDC,voluto da Roma ed eseguito dalle segreterie regionali passando sopra la volontà dei loro stessi iscritti (come dimostrano le prese di posizione del PD Senigalliese, le contestazioni maggioritarie durante l’ultima Assemblea Regionale del PD, i distinguo pubblici ed i ritiri di candidati alle Regionali). Continueremo a lavorare coerentemente per costruire una prospettiva nuova per l’Economia e per il Lavoro, per difendere la Laicità delle Istituzioni e per rafforzare la centralità dell’Etica nell’agire politico. Non abbiamo abbandonato la nostra vocazione di Forza di Governo, ma riteniamo che per governare servano un programma condivisibile ed una colazione in grado di attuarlo: prendiamo atto con amarezza che nessuna delle due condizioni è soddisfatta.



Un altro PD ma anche un’altra Sinistra, a Senigallia, hanno intrapreso un differente percorso. Ci auguriamo che esperienze simili siano sempre più numerose e che la ragionevolezza e i contenuti tornino presto ad avere un ruolo centrale nelle nostra Regione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-02-2010 alle 15:42 sul giornale del 15 febbraio 2010 - 3170 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, Sinistra Ecologia Libertà


I discorsi potrebbero essere lunghi e complessi; certamente avremo modo di confrontarci nelle prossime settimane. <br />
Intanto vedete se attraverso il filtro di questa poesia (che vi propongo come chiave di lettura e senza riferimento ai contesti) potete leggere la relazione tra le recenti esclusioni di Ancona con l\'altra, minore, accaduta a Senigallia due anni fa. <br />
<br />
Cordialmente<br />
<br />
Roberto Mancini<br />
<br />
Prima di tutto vennero a prendere gli zingari <br />
e fui contento, perché rubacchiavano. <br />
<br />
Poi vennero a prendere gli ebrei <br />
e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. <br />
<br />
Poi vennero a prendere gli omosessuali, <br />
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. <br />
<br />
Poi vennero a prendere i comunisti, <br />
ed io non dissi niente, perché non ero comunista. <br />
<br />
Un giorno vennero a prendere me, <br />
e non c\'era rimasto nessuno a protestare.<br />
<br />
Bertold Brecht<br />
<br />
Berlino, 1932<br />

Che io non sia una politica professionista lo si capisce dal tono dei miei commenti: sempre troppo diretti. Però, per favore, non insultate la mia e l\'altrui intelligenza! A Senigallia NON C\'E\'un Pd diverso. C\'è lo stesso PD della Amati, Casagrande, Angeloni che appoggiano le scelte di Ucchielli, e Mangialardi non è che una loro diretta e ubbidiente espressione.<br />
<br />
A Senigallia c\'è una Sel che NON E\' una Sel, ma solo il contenitore di personaggi, forse scontenti, in cerca di una nuova verginità al riparo di Vendola. A Senigallia c\'è un PdCI, una Sel e dei Verdi che hanno spudoratamente soprasseduto al conflitto di interessi di una sindaca. Che non hanno reclamato. Che non si sono dimessi assieme al \"rivoluzionario\" (sulla pelle degli altri) segretario Volpini.<br />
<br />
Per favore, tacete. Sperando che l\'anomalia senigalliese non tolga i nostri voti a Massimo Rossi. Cosa che io ritengo mooolto probabile, almeno dai commenti che sento tra il volgo al vostro incomprensibile e indecente comportamento inciucista: \"Va là, sono tutti uguali...\"

Lini Lodo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ancora si chiedono chi sta distruggendo la Sinistra....<br />
<br />
La \"mano armata\" è la loro ma cercano scuse e cavilli fuori.<br />
<br />
Sembra la storia di un autista che guida senza guardarsi intorno, investe un pedone e dice:<br />
\"Ma io non l\'ho visto!\"<br />
<br />
Bye Bye PD<br />
Au Revoir \"Sinistre\"<br />

Off-topic

Michele è sparito un mio post,non è che fosse granchè, ma ci tenevo a ribadire la mia stima al candidato Mancini.

Off-topic

Ti ho scritto in privato, e ti ho allegato il post, nel caso volessi reinserirlo.