Al Musinf mostra omaggio a Emeric Jacab

musinf 1' di lettura Senigallia 13/01/2010 - Il Museo comunale di Senigallia ed i i suoi collaboratori hanno voluto ricordare Emeric Jacab, pittore, incisore e sculture eccellente ad un anno dalla prematura scomparsa.

Di origine ungherese, dal 1978, fino alla morte, era vissuto e aveva lavorato a Corinaldo. Negli anni Ottanta aveva frequentato a Urbino i Corsi internazionali di tecnica dell\'Incisione, avendo grandi maestri come Carlo Ceci e Renato Bruscaglia, perfezionandosi in litografia e calcografia. Della grafica era divenuto uno degli interpreti maggiormente apprezzati sia nelle Marche , sia a Bugapest, dove faceva parte dell’associazione degli incisori.



Nel 1991 aveva esposto anche alla Triennale di Osaka, in Giappone. Dotato di talento e sensibilità aveva affermato la sua personalità anche nel campo della pittura e della scultura. Aveva esposto in Francia, Cecoslavacchia, Ungheria, Emirati arabi, Germania e in varie città italiane, tra l’altro all’Artefiera di Bologna, al Liceo artistico di Brera e alla biennale dell’incisione di Acqui Terme. L’allestimento della mostra è stato realizzato dal Musinf con la collaborazione di Maurizio Cesarini, docente presso l’Accademia di Belle arti di Frosinone e di Tamara Colombaroni, moglie dell’artista.



All’inaugurazione della mostra, fissata per sabato 16 gennaio alle ore 11, è prevista la presenza del prof. Carlo Bugatti, direttore del Musinf, di Stefano Schiavoni e di Alfonso Napolitano, con i quali Emeric Jakab aveva collaborato per la realizzazione delle mostre degli incisori ungheresi in Italia e per alcune mostre realizzate dal Musinf a Budapest. Per l’occasione verrà presentata una ristampa del quaderno progettato dalla Mediateca delle Marche per l’esposizione tenuta da Emeric Jakab nella prestigiosa galleria dell’associazione degli incisori ungheresi a Budapest.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-01-2010 alle 17:25 sul giornale del 14 gennaio 2010 - 922 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di cultura, musinf, senigallia, Emeric Jacab