Il dialetto Senigalliese torna in auge

poesia 1' di lettura Senigallia 04/01/2010 - Sul web il dialetto senigalliese è sempre più amato. Oltre al gruppo Facebook \"Difendiamo il dialetto Senigalliese\" che ad oggi conta quasi 800 iscritti, alle parole in dialetto presenti nella colonna di sinistra di Vivere Senigallia, sono sempre di più i componimenti in dialetto presenti sul sito Poesie Senigalliesi.

L\'Italia è il paese dei tanti campanili e dei tanti dialetti, frammentati in decine di varietà locali.
Il dialetto sembra ritornato di gran moda, esasperazioni leghiste a parte, e sembra conoscere una nuova giovinezza anche il dialetto senigalliese, senza dimenticare i cultori \"storici \" del vernacolo locale come Vinicio Mandolini.

Così i nostri novelli poeti dialettali raccontano Senigallia (l\'inaugurazione del porto di Andrea Scaloni), le stagioni (l\'inverno a Senigallia di Franco Patonico, il Natale (anche quest\'anno è Natale), la protesta (la contravvenzione).

L\'elenco degli autori non si ferma qui, non mancano Simone Tranquilli, Edda Baioni, Edda Alessandrelli Colini, Maria Pia Silvestrini e si potrebbe continuare.
Oggi poi molti poeti amano registrare le proprie opere e pubblicarle su Youtube. Ecco un esempio di Gigetto del Borg (Leonardo Barucca)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-01-2010 alle 18:45 sul giornale del 05 gennaio 2010 - 16302 letture

In questo articolo si parla di attualità, poesia, francesca morici, andrea scaloni, leonardo barucca, Simone Tranquilli, poesie senigalliesi, franco patonico e piace a michele dragodargento





logoEV
logoEV