Serra de\' Conti: al via gli incontri con gli imprenditori e le aziende del territorio

arduino tassi 28/12/2009 - Il Comune di Serra de\' Conti ha inaugurato nei giorni scorsi una serie di incontri con gli imprenditori e le realtà aziendali operanti nel territorio: tali incontri sono stati programmati per rinsaldare il vincolo collaborativo fra l\'amministrazione cittadina, le imprese e la platea dei lavoratori, e si articolano su una visita degli opifici e su un successivo scambio di opinioni attraverso il quale i rappresentanti del comune acquisiscono ulteriori elementi di conoscenza sulle attività d\'impresa ed offrono, contestualmente, ai titolari delle varie attività informazioni utili sul piano amministrativo.

Il primo di tali incontri ha avuto luogo presso lo stabilimento della Lordflex\'s, azienda attiva nella fabbricazione di materassi e accessori per il benessere, ed oggi presente anche sul mercato internazionale con una forte rete distributiva. La delegazione del Comune di Serra de\' Conti, guidata dal sindaco Arduino Tassi e dal vicesindaco Pieramelio Baldelli e composta da assessori, consiglieri comunali e funzionari amministrativi, è stata accolta dai titolari della azienda, che sta per iniziare il suo 44mo anno di attività essendo stata avviata nel 1967.



E\' stato lo stesso fondatore di Lordflex\'s, Guerrino Bini, a guidare la delegazione del Comune in una visita ai vari settori dell\'opificio, e ad illustrare l\'attività della ditta con l\'aiuto di un\'agile serie di \"slade\". Presente con una vasta produzione di materassi a molle, materassi in lattice e in waterform, reti, sommier e altri accessori per il benessere, tutti accuratamente testati e realizzati con materiale di prima qualità, la Lordflex\'s occupa nello stabilimento di Serra de\' Conti 25 dipendenti, e vanta una rete di vendita che, tra concessionari, collaboratori e rappresentanti, fa salire a circa un centinaio i lavoratori occupati direttamente o indirettamente. E\' oggi ramificata in varie parti del mondo: in Italia, oltre che a Serra de\' Conti, ha sedi operative a Mariano Comense e Mariglianella, mentre sul mercato estero è presente con proprie sedi, tra l\'altro, a Mosca, San Pietroburgo, Kiev, Minsk, Novosibirsk.



L\'ampia serie di certificazioni (Uni En Iso 9001:2000, Consorzio Produttori Materassi di Qualità, Catas, Woolmark-Pura Lana Vergine, X-Static, EuroLatex Eco Standard ecc.) documenta la qualità tecnologica dei suoi prodotti, che escono da un ciclo di lavorazione che, come ha spiegato Guerrino Bini al sindaco Tassi ed alla delegazione del Comune, è composto da macchinari in massima parte concepiti e brevettati dalla Lordflex\'s. I rappresentanti del Comune hanno preso atto della attività della Lordflex\'s, assicurando -per quanto nelle competenze dell\'ente locale- ogni attenzione per le aziende del luogo, nell\'ottica di favorire quanto più possibile -pur in momenti non facili come quello che sta attualmente vivendo l\'economia- la realtà imprenditoriale e il mondo del lavoro.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-12-2009 alle 16:14 sul giornale del 29 dicembre 2009 - 1832 letture

In questo articolo si parla di attualità, serra de' conti, Comune di Serra de\' Conti


Al Sig.Sindaco <br />
Alla Giunta<br />
Ai componenti il Consiglio Comunale<br />
<br />
Questi incontri sono utili e vengono bene quando avvengono in attività produttive non coinvolte nella crisi ma non deve divenire un mezzo propagandistico per chi amministra la cosa pubblica visto che il bene primario che deve essere garantito sono i cittadini tutti,imprenditori attivi e non.<br />
Gli amministratori hanno ,essendo dei politici,la loro parte di responsabilità anche in questa fase critica di crisi,così come l\'hanno le forze sindacali e le maestranze di quelle attività che da anni esportavano pezzi di prodotto,macchinari,marchi e quantaltro in altro luogo.Il termine usato è delocalizzazione ma sarebbe più corretto definire questa operazione di insaziabile profitto da parte dei padroni,anche nostrani:furto legalizzato con ampio spettro nei confronti del fisco che viene eluso e nei confronti di quanti per competenze e capacità,rivendicando con dignità il diritto al lavoro,si battono perchè questo (il lavoro)venga mantenuto nel territorio dove è nato ma si sà,i padroni,di fronte al profitto,non hanno nazionalità,nè tantomeno,si riconoscono in una Municipalità.Cari Signori,il marcio che fate finta di non vedere è in questa società del capitale che è regolata da lor Signori,tramite il profitto e poichè,soldo somma soldo,il conto è presto fatto.Piangere sulla situazione attuale è da ipocriti:dove eravate quando le nostre aziende portavano parte della loro produzione all\'estero (L\'India allora era di casa,Ora ce la prendiamo con i cinesi)o funzionavano a pieno regime i terzisti?Siete talmente impregnati dei liquami di questa Società che non trovate di meglio che farvi belli iniziando a visitare un\'Azienda che,come voi dite:è inserita bene nel Mercato?E del Mercato,così com\'è regolato,non avete nulla da dire?La classe lavoratrice,considerata degli esuberi,numeri scomodi da cancellare,si chiede da anni da che parte state e sarebbe opportunità che almeno oggi diate una risposta perchè di fronte a situazione come l\'attuale non si può rimanere imparziali e la finta opposizione all\'attuale governo aggiunge ipocrisia ad ipocrisia visto che questa situazione ha una sua matrice che sarebbe bene cominciare ad analizzare facendo pagare ai responsabili i disastri che hanno creato e dai quali potermmo uscire solo se si costruirà,anche nel nostro Paese,una vera opposizione ai profittatori e si ritornerà a rivendicare il rispetto di quei diritti,in primis il lavoro,sancito nella nostra Carta Costituzionale.Contribuiamo a creare una vera opposizione che partendo dalla garanzia di questi diritti dia senso alla Democrazia,intesa come vera partecipazione di Popolo.Per una Società libera da legami (inciuci più o meno mascherati)con il Capitale,dalla parte del Mondo del Lavoro.Da ciascuno secondo le proprie capacità,a ciascuno secondo le proprie condizioni.Nasciamo liberi,perchè dovremmo morire schiavi?Gradirei una risposta.Giorgio Bendelari

fabio bucci

Sig. Sindaco,tempo fà, durante un Tg regionale,<br />
un imprenditore di Serra de Conti (di cui non ricordo il nome)cercava 60 dipendenti, credo nel settore tessile, che fine a fatto? Cerca ancora personale? Tante persone cercano lavoro e se la proposta e ancora valida ci faccià sapere.<br />
Grazie.




logoEV