Due senigalliesi in consiglio regionale

regione 1' di lettura Senigallia 12/12/2009 -

Cinque anni fa Silvana Amati finiva il suo mandato di consigliere regionale. Nello stesso momento Gabriele Cameruccio e Patrizia Casagrande Esposto sono risultati dalle elezioni regionali il primo dei non eletti rispettivamente dell\'UDC e dell\'Ulivo. Da allora Senigallia e la valle del Misa non hanno rappresentanti in Consiglio Regionale.




A Marzo del 2010, tra poco più di tre mesi, verrà eletto un nuovo consiglio regionale. Senigallia farebbe bene a non lasciarsi sfuggire questa occasione, a non disperdere i voti e ad eleggere due consiglieri regionali, uno per il centrodestra ed uno per il centosinistra.

Vivere Senigallia vuole fare la sua parte in questa operazione. Edizioni Vivere regalerà un banner elettorale a due candidati di schieramenti diversi, scelti dai lettori, sugli altri 4 giornali del gruppo della Provincia. Vivere Ancona, Vivere Jesi, Vivere Fabriano e Vivere Osimo.

I candidati dovranno impegnarsi a mandare settimanalmente un comunicato che descriva la loro attività per Senigallia e per il territorio in Consiglio Regionale.

La scelta dei candidati è affidata ai lettori e sarà effettuata con le seguenti modalità:
1) Ogni lettore potrà esprime una preferenza e dovrà farlo pubblicamente con un commento a questo articolo.
2) Saranno presi in considerazione solo i voti di lettori la cui identità sia nota alla redazione (Utenti vip, utenti che si firmano con nome e cognome, utenti che si loggano con Facebook).
3) Fino alla presentazione ufficiale delle liste i lettori potranno cambiare la loro preferenza.

Al momento non ci sono candidati ufficiali. Si rincorrono voci, più o meno insistenti, sulla candidatura dell\'Assessore Michelangelo Guzzonato (PD), di Massimo Bello (PdL), Enzo Giancarli (PD). In questa fase i lettori possono comunque promuovere, ed incitare, altri candidati.






Questo è un editoriale pubblicato il 12-12-2009 alle 16:04 sul giornale del 14 dicembre 2009 - 7648 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, regione, editoriale e piace a michele





logoEV