Paradisi: l\'Amministrazione esprima solidarietà ai militanti de La Destra

roberto paradisi 2' di lettura Senigallia 01/12/2009 - Il consigliere comunale del Coordinamento Civico Roberto Paradisi ha presentato un\'interrogazione a risposta scritta in merito alla solidarietà ai militanti de La Destra.

Io sottoscritto Roberto Paradisi, consigliere comunale

PREMESSO CHE
Sabato scorso si è registrato in città l’ennesimo episodio di violenza e intolleranza da parte di un gruppetto dei soliti facinorosi estremisti i quali hanno assaltato un banchetto dimostrativo di militanti de “La Destra” di Francesco Storace intenti a distribuire volantini; Il manipolo di violenti, ormai operante indisturbato in questa città, ha aggredito fisicamente i militanti de “La Destra” ribaltando il tavolino predisposto dai pacifici militanti cercando di impedire fisicamente la manifestazione politica regolarmente autorizzata; Per garantire il proseguo della manifestazione de “La Destra” sono dovuti intervenire vigili urbani e carabinieri;

CONSIDERATO CHE
Simili episodi si stanno moltiplicando in una escalation inquietante di violenza e intolleranza;
Ad oggi la posizione dell’Amministrazione comunale nei confronti dei violenti che occupano le proprietà private altrui, violano la legge, aggrediscono gli avversari politici, impediscono le manifestazioni non gradite… risulta alquanto ambigua se non compiacente (valgano per tutti le dichiarazioni sconcertanti anche recenti del vice-sindaco e il silenzio dietro il quale si barrica l’Amministrazione Comunale di fronte alle violenze);
Premesso tutto ciò INTERROGO LA S.V.

Per sapere
1.Se è intenzione di questa Amministrazione esprimere solidarietà ai militanti de “La Destra” SELVAGGIAMENTE AGGREDITI dai soliti estremisti di sinistra;
2.Se è intenzione del sindaco Angeloni prendere ufficialmente le distanze dalle dichiarazioni benevole e protettive del vice-sindaco Ceresoni nei confronti del centro sociale Mezza Canaja;
3.Quali misure intende adottare l’Amministrazione comunale per impedire in futuro il ripetersi di aggressioni quale quella di sabato scorso e che misure intende adottare per garantire la sicurezza e la tranquillità delle manifestazioni politiche in questa città.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2009 alle 15:22 sul giornale del 02 dicembre 2009 - 3677 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica


Non si può non essere d\'accordo con ciò che è scritto sopra ed altresì tenere a mente che sempre ,per fatti analoghi,c\'è stata una lacula istituzionale di solidarietà e questo è molto grave;non è istituzionale.

Pinco

Commento sconsigliato, leggilo comunque

A leggere di certi episodi dispiace non esserci più a Senigallia. Verrebbe voglia di organizzare un banchetto ogni sabato sera. Immagino, naturalmente, che per rovesciare un tavolo presidiato da due persone, ce ne siano voluti almeno una ventina di questi \"antagonisti\". Va detto comunque che questa feccia a Senigallia, storicamente, non è mai mancata. Ma va anche detto che la sua effettiva pericolosità è stata sempre relativa. Insomma feccia piccolo borghese. Che dopo qualche anno trovi impiegata alle poste o come bidelli degli enti pubblici. (Gli esempi si riferiscono a persone reali)<br />
<br />
Riccardo Paradisi

Si potrebbe fare un esperimento.<br />
Alla prossima manifestazione elettorale di un qualsiasi movimento di sinistra, mettiamoci d\'accordo nel fare le stesse cose che stanno facendo ora quelli del MC.<br />
<br />
Chissà che succede......

Dato che non ero presente vorrei sentire tutte e due le campane, comunque se ciò che è stato scritto è vero si tratta di un grave episodio, in un certo senso bizzarro, comunisti che usano metodi fascisti? Essendo Democratico come la maggior parte dei cittadini di questa città mi aspetto almeno una presa di posizione da parte dell’Amministrazione Comunale e la difesa della libertà di opinione.

Tutte le forme di esercizio democratico della propria libertà di pensiero devono essere stratutelate dal principio.Quello che non mi va bene di Storace è di aver clientelarizzato la Regione Lazio quando ne era presidente,soprattutto nel setore della sanità e ha agito allo stesso modo da ministro;ha agito come spesso hanno fatto suoi dirimpettai e ora fa l \'algido e puro;comunque quando è venuta fuori la vicenda dello \"spionaggio\" alla Mussolini e ad altri,che non so come si è conclusa e il fatto che non lo sappia indica come siamo messi,dicevo che in quell\'occasione si dimise subito da ministro s,si dimise da innocente,perché è questo il tuo status giuridico se non vieni condannato,per una vicenda giudiziaria e morale che non aveva troppa rilevanza.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Mica gli impiegati delle poste ed i bidelli sono dei Pària.

Sono daccordo!!!!! Organizziamoci!!!! Voglio proprio vedere se le forze dell\'ordine rimarranno a guardare come in Piazza del Duomo!

Naturalmente no. Anzi un impiegato o un bidello che svolgano seriamente e serenamente il loro lavoro sono senz\'alro migliori di tanta gente.<br />
Invece uno che prima gioca a fare il rivoluzionario, poi cerca appoggi per farsi impiegare alle poste tu come lo definisci?

Dico che il senso del commento di Roberto Paradisi è quello di screditare le \"corporazioni\" dei bidelli e degli impiagati delle poste in generale.Sulle raccomandazioni politiche non ho nulla da farmi insegnare.

Freewilly e pasin 72,avete delirato,poi ,dico,ma c\'è qualcuno che si firma con nome e cognome qua?Io no,perché mi sembrerebbe un po\' troppo aulico farlo,ma basta portare la freccia del maus sulla foto di facebook(ahimé,non ne ho altre migliori) e appare anche il mio cognome.




logoEV
logoEV