Arcevia: Piano Cave, soddisfatto il Pd

cava 1' di lettura 01/12/2009 - “Piano cave, ora le Marche potranno soddisfare il bisogno di materiali inerti senza dover ricorrere ad approvvigionamenti esterni – così Mirco Ricci, capogruppo Pd Regione Marche saluta l’approvazione del piano delle attività estrattive

Si tratta di una legge che si basa su tre principi: non verranno aperti nuovi siti estrattivi; agisce all’interno dei parametri già fissati dalle leggi regionali e mira a soddisfare il fabbisogno di materiali inerti all’interno dei siti regionali. Assistiamo infatti all’arrivo di 250 mila metri cubi l’anno di materiali al porto di Pesaro dalla Croazia, inerti che si possono ritrovare anche nella nostra provincia.

Sappiamo che le cave sono ferite e fori all’interno di monti, ma con questa legge avremo deroghe per riaprire siti già compromessi o cave già esistenti per raggiungere i quantitativi previsti dal Prae. In questo modo le Marche saranno autosufficienti e si potrà arrivare anche a un riequilibrio fra le province grazie a nuovi bandi per attività estrattive. Così si potrà porre fine all’arrivo di navi piene di inerti al porto di Pesaro”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2009 alle 14:09 sul giornale del 02 dicembre 2009 - 2259 letture

In questo articolo si parla di arcevia, partito democratico, cava





logoEV
logoEV