statistiche accessi

Vaccino influenzale H1N1, chi ci informa?

vaccino 2' di lettura Senigallia 28/11/2009 - \"Nascono sempre dubbi e perplessità quando ci si deve sottoporre a vaccini o assumere farmaci che non si conoscono quindi se i comportamenti del personale addetto non sono univochi si possono creare ulteriori allarmismi\".

Recandomi con mio figlio, su consiglio e prescrizione del medico di famiglia, presso un Presidio Ospedaliero abilitato ci siamo trovati non di fronte a persone disponibili, ma a gente che consegnandoci 5 fogli scritti, aventi per titolo: \"Foglio Illustrativo: informazioni per l\'utilizzatore\" e nelle righe sottostanti: \"Focetria sospensione iniettabile Vaccino influenzale pandemico (H1N1)(antigene di superfice, inattivato, adiuvato)\"...termini insignificanti per un profano...ed ancora in testa, con tanto di bordo: \"Per informazioni più aggiornate consultare il sito dell\'Agenzia Europea dei Medicinali (EMEA), ecc...\".


Di fronte a questa che secondo il personale addetto doveva essere un\'informativa, prima di effettuare la vaccinazione ho replicato dicendo: guardate che siamo venuti su indicazione del nostro Medico curante, non ci ha consigliati un calzolaio! Mio figlio è qui per sottoporsi alla vaccinazione questo è...terrorismo psicologico! Il Medico del Presido (penso sia il Dirigente visto che non indossava nessun camice e non si è presentato) di rimando ha risposto a mio figlio: Legga bene poi deciderà se sottoporsi alla vaccinazione o meno. Visto e considerato che se noi comuni mortali ci avventurassimo a leggere le controindicazioni sul foglietto allegato ad ogni medicinale che ci viene prescritto, difficilmente ci cureremmo con ciò che ci viene prescritto, ma enormemente allarmati ci rivolgeremmo ad altre forme di cura che non l\'assunzione di farmaci.


Ora mi chiedo e qualcuno della Asl di Senigallia sarà così gentile da volermi rispondere: c\'è una disposizione unica per la somministrazione di detto vaccino o è demandato agli addetti alle vaccinazioni dei vari Presidi Sanitari il modo di comportarsi con i cittadini che rientrano e nella fascia d\'età e soggetti a patologie ai quali il Medico di Base (di famiglia) consiglia l\'assunzione di detto farmaco? Nascono sempre dubbi e perplessità quando ci si deve sottoporre a vaccini o assumere farmaci che non si conoscono quindi se i comportamenti del personale addetto non sono univochi, sull\'intero territorio nazionale, si possono creare ulteriori allarmismi che di certo non contribuiscono ad una corretta informazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-11-2009 alle 16:52 sul giornale del 30 novembre 2009 - 2408 letture

In questo articolo si parla di attualità, Giorgio Bendelari, vaccinazioni





logoEV
logoEV
logoEV