Amati: \'Maurizio Mangialardi è il nostro candidato\'

Silvana Amati 2' di lettura Senigallia 02/11/2009 - Per la prima volta a Senigallia il 22 novembre si svolgono le primarie di coalizione per scegliere il candidato a sindaco per le elezioni amministrative di marzo.

In questi anni la città è molto cresciuta ed è difficile trovare chi possa sostenere il contrario. Chi viene come turista racconta di un tessuto urbano accogliente e ordinato con servizi che funzionano e i senigalliesi per lo più concordano. Citando solo una tra le scelte amministrative importanti di questi anni voglio ricordare che siamo l’unica città delle Marche di oltre 40.000 abitanti con la raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta, cosa che certo ha dato anche qualche disagio ancora da rimuovere, ma che è l’unica soluzione civile per le città in un mondo moderno dove il territorio va preservato e le discariche ridotte. Il voto di marzo potrà essere la cartina di tornasole della condivisione delle scelte di governo della città da parte dei cittadini che credo dovremo ascoltare ancora di più, particolarmente in questi mesi, farcendoci aiutare a completare il programma delineato dalla coalizione per il futuro della città.

Sobrietà, ascolto, maggiore attenzione al particolare, potranno rafforzare il rapporto fiduciario tra rappresentati e rappresentanti, più volte confermatosi positivamente in passato. Credo poi che l’onere e l’onore di questo compito spettino a chi è espressione del PD, partito di maggioranza relativa, perché è normale che le forze che hanno più consensi rispondano di questi.

Maurizio Mangialardi è il nostro candidato e saranno i senigalliesi a confermare questa scelta con il voto del 22 novembre. Dopo la guida sicura di Luana Angeloni, Mangialardi è abbastanza giovane per rappresentare il cambiamento e al tempo stesso di grande competenza, cosa essenziale per ben amministrare, essendo da 10 anni al governo della città e avendo occupato in giunta ruoli delicati e difficili in settori importanti per lo sviluppo di Senigallia. Ha messo da tempo a disposizione della città le sue esperienze, maturate nella società civile come docente. Una dedizione nota a molti che lo conoscono e gli riconoscono questa qualità.

L’impegno amministrativo infatti , se ben condotto, non prevede che si abbia gran tempo per sé, tanto più in una città turistica dove anche le vacanze estive degli altri rappresentano un momento di ulteriore lavoro e impegno per chi ha le massime responsabilità. Mi auguro quindi che il 22 novembre siano in tanti a votarlo, dando alla sua candidatura a sindaco per le elezioni di marzo una grande forza, particolarmente importante nell’attuale momento di crisi economica, quando ritrovarsi insieme in un comune progetto di città potrà essere la carta vincente per la Senigallia del futuro.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2009 alle 10:59 sul giornale del 03 novembre 2009 - 4920 letture

In questo articolo si parla di silvana amati, politica





logoEV
logoEV