Libertà di stampa, anche l\'IdV di Senigallia in piazza del Popolo

manifestazione libertà di stampa in piazza del popolo 2' di lettura Senigallia 04/10/2009 - \"Piazza del Popolo gremita, ma qualcuno in TV dirà che erano solo 60.000 a riempire piazza e vie adiacenti; un tripudio di colori e bandiere delle forze che credono nella libertà di stampa come pilastro della democrazia, ma forse in qualche TG di regime saranno state mostrate immagini in bianco e nero\".

A noi dell\'IdV di Senigallia poco importa cosa ha detto la TV o i giornali asserviti a chi vuol soffocare la libertà di stampa e imbavagliare le voci critiche in questo paese; perché con noi c\'erano almeno 300.000 persone della società civile e impegnata che hanno detto \"no al bavaglio all\'informazione\" e le foto non censurate fatte da noi sono lì a testimoniarlo come lo sono i nostri occhi. Foto a beneficio di tutti i cittadini che vogliono informarsi comunque a dispetto di chi vuole censurare le critiche e la libertà. Il black out informativo è evidente e forte e siamo consapevoli del danno che esso fa alla coscienza civile dell\'Italia e proprio per questo noi eravamo là a Roma, con Saviano, con Vauro, con Santoro, con Travaglio, con Valerio Onida, con Massimo Donadi e Silvana Mura a farci sentire, ad essere presenti a partecipare soprattutto, come direbbe Gaber, a favore della libertà.



Noi non ci pieghiamo né ci demoralizziamo e continueremo a protesare per avere un paese democratico e libero, non a favore di una parte politica, ma nell\'interesse di tutti i cittadini perché senza informazione non c\'è libertà, non c\'è democrazia, non c\'è giustizia né sicurezza. Come ha detto giustamente Saviano anche \"quello che è accaduto a Messina è il frutto, non della natura, ma del cemento. Se si permette a chi scrive di farlo secondo coscienza e senza pressioni, tragedie come questa potrebbero essere evitate\" e come ha ribadito il presidente onorario della Corte Costituzionale Onida, \"la libertà di informazione è fondamentale per la vita democratica. Una libera informazione è presupposto per una società libera\".



Senigallia ha fatto la sua parte e continuerà a farla con la sua sezione IdV, se ognuno farà la sua allora un paese diverso è possibile, il paese che noi vogliamo.



Fotogallery: http://www.youtube.com/watch?v=k6lkSgNnMOg








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2009 alle 17:44 sul giornale del 05 ottobre 2009 - 9225 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, italia dei valori, idv


Cara Laura<br />
La tua sindaco Angeloni<br />
non e\' daccordo con te <br />
vedi sprint online del cabajo<br />
Querele a iosa<br />
mai invitato sempre estromesso.<br />
\"Senigallia ha fatto la sua parte e continuerà a farla con la sua sezione IdV, se ognuno farà la sua allora un paese diverso è possibile, il paese che noi vogliamo.\"<br />
<br />
allora fammi il piacere di comunicare il tuo pensiero <br />
al sindaco.<br />

I soliti 4 gatti comunisti... Nessuno si è accorto che c\'era una manifestazione...<br />
<br />
Alberto Bartozzi<br />
<br />
P.S. Anche il PD di Senigallia c\'era!

Non ho la pretesa di insegnare niente a nessuno, a mio avviso occorre semplicemente essere buoni esempi e io cerco di esserlo ogni giorno. sono orgogliosa di essere andata a roma e spero che qualcuno leggendo dica: \"però... forse non era una farsa...sarei dovuto andare anche io..\" e magari la rpossima volta verrà. <br />
riguardo al sign. Claudio io ad esempio gli ho detto se voleva venire a vedere di pietro la scorsa settimana, ma lui mi ha risposto: \"Laura meglio di no, se vengo gli sputo\" allora gli ho chiesto cortesemente di rimanere a casa. Ma non è stata censura, piuttosto una convergenza di opinioni sulla non necesssità della sua presenza! :-)

in effetti, uno buffetto (filiale per carità) alla Sindaco in questo rash finale non gli starebbe male, dalla libertà d\'informazione per tutti, penso discenda anche l\'obbligo di veicolare adeguatamente quella istituzionale a tutti i cittadini, non basta dire chessò: \"stava nell\'albo pretorio..\"

consecutio pronominum

Off-topic

<b>CONSECVTIO PRONOMINVM</b><br />
<br />
<i>\"alla Sindaco in questo rash finale non <b>le</b> starebbe male\"</i><br />
<br />
mi costa ma debbo citare un aforisma di Roberto Gervaso: \"la principale minaccia alla libertà di stampa e\' la consecutio\"<br />
in questo caso pronominum.

Dev’essere un regime ridicolo quello che ha un solo giornale, o due al massimo, che non si pubblica come la gazzetta ufficiale e non arriva gratis o d’ufficio agli italiani ma è liberamente comprato ogni mattina da svariati lettori. <br />
Cento contro uno, e i cento accusano l’uno di essere conformista e l’altoparlante del regime. <br />
Né Kafka né Fantozzi arriverebbero mai a tanto. <br />
<br />
Marcello Veneziani

Quotidiani Italiani:<br />
- Il fatto (orientamento centro-sinistra)<br />
- Il nuovo riformista (PD)<br />
- Il foglio (centro-destra)<br />
- Messaggero (centro; pendente e sinistra)<br />
- Il Tirreno (sinistra)<br />
- Avvenire (katto-komunisti; pendente a sinistra)<br />
- Repubblica (sinistra)<br />
- Corriere della Sera (sinistra dichiarato)<br />
- Secolo d\'Italia (destra)<br />
- Italia Oggi (destra)<br />
- Libertà (sinistra)<br />
- Il Giorno (centro; pendente a destra)<br />
- La Nazione (centro; pendente a destra)<br />
- La Stampa (sinistra)<br />
- Il Giornale (destra)<br />
- Il Mattino (centro; pendente a Sinistra)<br />
- Il Manifesto (estrema sinistra)<br />
- Il Resto del Carlino (centro; pendente a destra)<br />
- Il Tempo (destra)<br />
- Il Messaggero (centro; pendente a Sinistra)<br />
- Libero (destra)<br />
<br />
Fate i dovuti calcoli sulle tirature e vi accorgerete che questa pugnetta della libertà di Stampa proprio non regge...<br />

Cinque righe di Veneziani che valgono una manifestazione di 300.000 persone...milione più, milione meno.<br />
PS: grazie melgaco.

I Papi Fan\'s Club si stracciano le vesti se Santoro intervista la D\'Addario: è una sconcezza!! -dicono- dal che si desume che per costoro la signora a Palazzo Grazioli fa la sua porca figura, ad Annozero fa solo la porca. Ok, d\'accordo non sto neanche a discutere. La RAI è un servizio pubblico, non può attaccare il Governo -non è democratico, giustissimo. E quindi per la par condicio il TG1 attacca l\'opposizione. Non fa una piega: la Destra ha scisso il binomio, del servizio pubblico RAI lascia stare il \"pubblico\" termine obsoleto e anche comunisteggiante e conserva \"servizio\" -pro domo sua-.<br />
<br />
Io questa cosa me la penso spesso e mi dispiace, il povero Berlusconi che guarda sconsolato l\'opposizione e non si capacita. Ma perchè fanno così? Che quando va al CdA della Fininvest sono sempre tutti d\'accordo con lui...

A parte che hai citato 2 volte il Messaggero e che sia di sinitra è falso (ci scrive, tra gli altri Gervaso e Costanzo, uno un noto assist di Berlusconi, il secondo un suo dipendente) quindi.<br />
Ma analizziamo le TV (ben più potenti e importanti a controllare, manipolare, fuorviare, distorcere le finormazioni quando non le negano del tutto.<br />
<br />
Maggiori Televisioni Italiane:<b><br />
- Rai1 (filo governativa)<br />
- Rai2 (filo governativa)<br />
- Rai3 (centro-sinistra)<br />
- Rete4 (berlusconiana) *trasmette illegalmente<br />
- canale5 (berlusconiana)<br />
- Italia1 (berlusconiana, superlight)<br />
- la7 (centrista, obiettiva)</b><br />
<br />
anche ponendo a pari share le 7 principali TV nazionali (il che non è perché canale5, rai1 e rai2 hanno il controllo dello share) ma ipotizzando una pariteticità, si vede che oltre il 70% dell\'informazione TV è di parte filogovernativa o filoberlusconiva.<br />
<br />
A riprova di ciò la classificazione da parte della House-of-Freedom dell\'Italia nell\'ultimo posto nella E.U. per la libertà di stampa e di informazione.<br />

RISVEGLIATI ITALIA

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Come si guarda alle firme che arricchiscono le varie testate giornalistiche si dovrebbe (per un briciolo di onestà) guardare le trasmissioni che fanno i palinsesti televisivi delle varie reti e questo, senza tanti sforzi, viene facile a tutti: a parte il Tg4 di Fede e \'Porta a Porta\' (che va in onda in seconda serata e non come companatico ai resti del pranzo) dove la par condicio è quotidiana non mi viene in mente un programma per cui sia valsa la trasferta a Roma di Sabato. Probabilmente si manifestava per un \'Annozero\' 24h sette giorni la settimana. In Tv vanno in onda Ballarò (Floris filogovernativo?) e Santoro con Travaglio che trasmettono da una rete filogovernativa?!.<br />
<br />
PS: la prossima volta che organizzate una gita a Roma chiamatemi che vengo anch\'io a protestare contro il governo di centrodestra! E\' mai possibile che al secondo anno di governo non si sia ancora riusciti a mettere nel palinsesto una trasmissione che sia dichiaratamente di destra!

Mettendo giornali e tv nel calderone non mi pare di vedere nulla di scandaloso, tale da giustificare una manifestazione per la libertà di stampa.<br />
<br />
Era una manifestazione contro berlusconi e si può fare legittimamente senza scomodare la libertà di stampa. Lo trovo offensivo per quei giornalisti che sono morti e che muoiono nei Paesi dove la libertà di stampa non c\'è davvero.

Guardi mettiamola così: se fossimo stati solo 10 in piazza a roma sicuramente avrebbe ragiole lei. Ma se (come è successo) a manifestare ci sono migliaia e migliaia di persone, io non dico di cambiare immediatamente idea, ma pensare che forse forse ci possa essere qualcosina che non va, dovrebbe nascere spontaneo. a meno che la sua posizione sia acritica.<br />

Stampa e Corsera sono di sinistra.<br />
<br />
Come gli Agnelli.<br />
<br />
La sinistra in Italia è sempre stata conservatrice

guardi il fatto che lei ritenga che la manifestazine sia stata contro berlusconi fortifica ogni mia convinzione.

Sì, era una manifestazione contro Berlusconi.<br />
Ma la prossima volta ditelo onestamente.<br />
<br />
Non tirate fuori la libertà di stampa che è una cosa seria

Migliaia e migliaia di persone hanno le loro cose da dire (e raccontare che non abbiano strumenti per farlo, nell\'Italia edicolaia, televisiva e radiofonica di oggi sarebbe da sciocchini) ma non fanno l\'Italia. A meno che non si voglia trasformare una manifestazione di piazza (una piazza) in un referendum con quorum raggiunto e risultato ottenuto. Ho visto le immagini (non in b/n) diffuse da stampa e tv (tutta notoriamente in mano al cavaliere) e considerando le bandiere sventolate, i vip presenti e le sigle autoaccreditatasi al meeting mi aspettavo cifre più disumane.

chi commette sopprusi difficilmente si accorge di commetterli, probabilmente nella germania nazista molti ariani sostenevano che andava tutto bene anzi, la disoccupazione era in calo.<br />
<br />
Ma che in Italia non ci sia libertà di stampa reale è un dato di fatto semplice e evidente a voler leggere i dati (6 TV in mano al capo del governo più vari giornali, una cosa inammissible in USA e in tutti gli stati democratici del mondo!)<br />
<br />
La House of Freedom (non un organo sinistrorso ma una associazione AMERICANA ha messo l\'Italia all\'ultimo posto tra i paesi dell\'area Euro come libertà di stampa. Poi se vogliamo dire che Cristo è morto al freddo, chi lo dice si prende la responsabilità di quel che dice e anche la ridicolezza, perché è ora di finirla di fare a chi la spara più grossa, anche gli italiani per bene si son stufati, e sono tanti.<br />
E Non è quetione di destra o sinistra, è questione di Libertà e Dignità democratiche o sudditanza.<br />
<br />
Noi non siamo sudditi, basta!

come da altri commenti, in Italia la stampa non è libera per motivi economici, in nessun altro paese occidentale il capo del governo ha 6 televisioni e vari giornali e riviste (panorama, sorrisi canzoni, giornale, libero ecc ecc)<br />
<br />
<b>non siamo noi che siamo contro Berlusconi<br />
è Berlusconi che è contro di noi</b>

quoto<br />
<br />
<b>All\'estero si chiedono come faccia ancora qualcuno a votare Berluska dopo tutto quello che si legge su di lui sui giornali (condanne!!!, figuracce, inettitudine ecc) e a noi italiani informati tocca rispondere: \"ma in Italia non si legge mica la verità su Berluska ma quello che Berluska vuole che si scriva, ecco perché qualcuno ancora lo vota...ahinoi e ahilui\"</b>

Io invece penso che votano Berlusconi pur sapendo che non è uno stinco di Santo perchè lo ritengono comunque capace o quantomeno più capace di tutti i suoi avversari messi assieme.<br />
<br />
Gli incapaci fanno molti più danni dei disonesti.<br />

Tante persone fanno una verità Laural?<br />
Se questo è il metro di paragone allora facciamo il giochino dei numeri e vediamo che ci sono forse altrettante persone o qualcuna in più (o molte di più) che la pensano in maniera opposta.<br />
Qui le posizioni acritiche sono le sue signora; manifestare va bene, dire che l\'Italia è il terzo mondo, un paese antidemocratico dove non c\'è libertà è ridicolo.<br />
La stampa non è libera è vero: è controllata dalla politica in generale non solo da Berlusconi: si vedano anche gli articolo scritti su Mangialardi, che viene incensato da qualche giornalista.<br />
Laural, contro questa stampa e contro chi la comanda non protestate? Ah no, vi ci alleate alle elezioni per prendervi una poltrona.

Andrea hai riportato un\'Ansa del senatore Ignazio Marino?

Ero in piazza del Popolo sabato pomeriggio. Ero a Roma ed ho approfittato per andare a vedere l\'esibizione dei paladini della liberta\'<br />
Se quelli presenti erano 300.000 a vedere la \"maggica\" Roma in quanti vanno? in 600.000?<br />
Ma hanno mai partecipato a qualche manifestazione questi signori? Magari di quelle per le lotte salariali? Probabilmente si visto che gli stipendi che prendono per portare delle \"mignotte\" in TV (scusate ma io le chiamo in italiano) vengono pagati 900.000 Euro. Alla faccia degli operai che sventolavano le bandiere rosse.... Un po\' di obiettività per cortesia... a vedere la partita c\'erano molte piu\' persone.<br />
Se erano 50.000 a giocare con le bandierine erano già tanti,...

io penso che siano i disonesti a prendersi gioco degli incapaci. Lo sanno tutti il segreto del successo di \"furbetti\" (e non vado oltre) come berlusconi e\' mantenere il popolo nell\'igoranza! Lo insegnano anche i regimi passati. Perche\' i piu\' grandi intellettuali si sentono limitati nell\'espressione? Sono forse tutti impazziti o c\'e\' un problema di liberta\'? <br />
Io penso che forse allora i veri incapaci sono coloro che votano berlusconi, forti della loro ignoranza e presi in giro 2 volte, poiche\' purtroppo non si rendono nemmeno conto di essere presi in giro e forse si addormentano la sera cantando meno male che Silvio c\'e\'! Che tristezza!<br />

Io credo che in Italia ci sia libertà di stampa.<br />
Ma credo anche che gli spazi di libertà si restringano di giorno in giorno e che il pericolo di un regime sia reale, benché lontano.

il fatto che sia americana la fa diventare automaticamente un\'associazione obiettiva?<br />
<br />
saranno anche tanti gli italiani che si sono stufati, ma a giudicare da quando si va votare, si sono stufati del solito piagnisteo e della solita tiritera

dove ci si deve iscrivere per diventare italiani informati?

All\'Idv freewilly, tra gli intellettuali alla Di Pietro

Off-topic

è chiaro che tu non sei un italiano informato

Off-topic

ma quella non è un\'agenzia immobiliare di roma?

Le dirò, io protesto anche con chi spulcia i commenti degli altri e li distorce completamente. <br />

Commento modificato il 05 ottobre 2009

Il mio punto di vista modestissimo è che in Italia esistono due categorie di cittadini: quella di chi \"tiene famiglia\" (magari abituata alla villa in Sardegna e casupola sulla Quinta Strada) e quella di chi non la tiene (ancora o più) oppure eroicamente ritiene che la famiglia non debba chiedere niente alla politica per poter prosperare. <br />
<br />
Tutto il resto: piaggeria e autocensura dei giornalisti (e dei sociologi, economisti, opinionisti, eccetera) in risposta all\'arroganza della politica, di destra e di sinistra, ormai fatta non di idee ma solo di \"personaggi\" che non tollerano critiche e controlli, viene di conseguenza.

Chi spulcia e distorce che cosa? Trovarsi in disaccordo con altri commentatori di VS significa quello che ha scritto? E la libertà di dire e pensare per cui sabato, a nome di tutti gli italiani mi piace pensare, è arrivata financo a Roma dove è andata a finire? Sta a vedere che le intenzioni non erano così nobili come ci si sforza di dire sulla libera stampa!

ma mr. B è incapace o disonesto? mi pare di capire che tu lo veda come disonesto da quello che scrivi, dico bene?<br />
<br />
Ok, ma vogliamo parlare di LaCinq, telecinco, Standa, e i conti della Fininvest prima del 1994?<br />
<br />
Siamo sicuri che sia così capace?<br />
hai mai spulciato i bilanci delle società gestite dal Tuo Eroe oppure per pigrizia credi ai messaggi pubblicitari che ti vengono propinati diuturnamente?<br />
<br />
Pensa e non ti bere tutto quello che ti vien detto, leggiti un qualunque libro di Travaglio, mica perché sia oro colato, ma se non si sentono tutte le campane non si può pretendere di capire qualcosa, poi ognuno può anche nascondere la testa sotto la sabbia per carità, ma ad essere ignoranti non si fa mai una bella figura e -di solito- si viene anche menati per il naso dal primo furbo del quartierino...<br />

Questo pensano in Francia della libertà di stampa in Italia.<br />
<br />
Italia – Rapporto mondiale sulla libertà di stampa 2009 <br />
Articolo di Società cultura e religione, pubblicato venerdì 1 maggio 2009 in Francia.<br />
[Reporters sans frontières] <br />
<br />
44°posizione su 173 nell’ultima classifica mondiale<br />
<br />
Superficie : 301 340 km2 <br />
Popolazione: 59 500 000 <br />
Lingua: italiano <br />
Capo del governo: Silvio Berlusconi.<br />
<br />
Tra un progetto di riforma liberticida e le minacce della mafia, la situazione della libertà di stampa in Italia preoccupa sempre più i vicini europei. L’influenza delle organizzazioni mafiose sul settore dei media si rinforza e obbliga una gran parte dei giornalisti alla prudenza. Il ritorno al potere di Silvio Berlusconi pone nuovamente la questione dell’accentramento dei media audiovisivi e del loro controllo da parte del potere esecutivo. Le riforme legislative intraprese riguardo alla pubblicazione di certi atti processuali costituiscono inoltre un’evoluzione incompatibile con gli standard democratici dell’Unione europea.<br />
<br />
I giornalisti che indagano sulle attività mafiose e la criminalità organizzata, in particolare nel sud della penisola, lo fanno sempre a loro rischio e pericolo. Una decina di loro (tra cui Roberto Saviano, Lirio Abbate, Rosanna Capacchione, ecc.) vive ancora sotto scorta. Un fenomeno che tocca oggi anche il mondo dello sport, dove numerosi giornalisti calcistici sono vittime di minacce da parte di gruppi di tifosi violenti, che si esprimono sempre più spesso negli stadi con canti e striscioni.<br />
<br />
I mezzi di ritorsione contro la stampa sono diversi: automobili o porte di casa incediate, lettere di minaccia, pressioni sulle famiglie, questi sono i “

...I mezzi di ritorsione contro la stampa sono diversi: automobili o porte di casa incediate, lettere di minaccia, pressioni sulle famiglie, questi sono i “consigli” dati a coloro che si ostinano a denunciare il cattivo funzionamento della società italiana. Il potere dei gruppi mafiosi sui media è divenuto tale che hanno raggiunto nel 2009 la lista dei predatori della libertà di stampa.<br />
<br />
Situazione atipica all’interno dell’Unione europea, il primo ministro Silvio Berlusconi detiene ancora il controllo, da una parte sulle tre reti televisive pubbliche RAI, e dall’altra, sul principale gruppo radiotelevisivo privato nazionale Mediaset. Una predominanza che amplifica le ingerenze politiche nell’editoria, e che favorisce l’auto-censura di una parte della professione.<br />
<br />
La televisione, che rimane la principale fonte d’informazione per l’80% della popolazione, attira inoltre la maggior parte dei guadagni pubblicitari nazionali. La legge promulgata dal ministro Gasparri ha annullato ogni limite nell’istituzione delle quote di ripartizione delle entrate pubblicitarie, aprendo la porta a un “riafflusso” a volte massiccio dei budget verso le reti televisive nazionali, in particolare verso le reti appartenenti alla famiglia Berlusconi.<br />
<br />
Restano altri problemi ricorrenti, quali l’accesso alla professione, che rimane molto regolamentato. In Italia, per diventare giornalisti, bisogna passare un concorso e iscriversi obbligatoriamente ad un ordine professionale. La diffamazione è ancora reato e l’accesso ai dati pubblici o privati resta, di fatto, non rispettato.<br />
<br />
Il nuovo progetto di legge sulla pubblicazione degli atti giudiziari, ancora sotto esame, minaccia profondamente il giornalismo d’investigazione. La

...Il nuovo progetto di legge sulla pubblicazione degli atti giudiziari, ancora sotto esame, minaccia profondamente il giornalismo d’investigazione. La riforma del codice prevede in effetti il divieto di pubblicare numerosi atti giudiziari, in particolare le intercettazioni telefoniche ordinate dalla procura, fino alla fine delle inchieste in corso. Il divieto di pubblicazione riguarda inoltre il lavoro delle commissioni d’inchiesta.<br />
<br />
Se tale progetto di legge dovesse essere adottato, come conseguenza i giornalisti si troverebbero nell’incapacità d’informare l’opinione pubblica su eventuali arresti, sequestri o perquisizioni ordinati dai magistrati. La pubblicazione di atti, di conversazioni o di comunicazioni – la cui distruzione è stata ordinata dalla procura – rimarrebbe vietata. In caso di violazione di questo segreto, il giornalista, o il mezzo incriminato, rischierebbe pene di detenzione, multe molto pesanti e l’interdizione all’esercizio della professione per tre mesi.<br />
<br />
[Articolo originale \"Italie - Rapport Mondial 2009\" di RSF]<br />

Off-topic

è vero, grazie, sei un buon uomo

è vero gl\'incapaci fanno più danni dei disonesti, ma sono tutti colposi e forse fatti in buona fede e ci rimettono anche loro (di brutto), invece con quell\'unico danno fatto dai disonesti casca tutto il castello con il delinquente che ha già portato il tesoro sull\'isola, per lui, menestrelli e le girls

alla massoneria o ai servizi deviati, ma so troppo esclusivi

Commento modificato il 05 ottobre 2009

Intanto Sarkozy ha fatto licenziare il direttore di Paris Match per certe foto della ex moglie Cecilia...e intanto Sarkozy ha mandato a fanculo in diretta un\'intervistatrice della Cnn...insomma...ognuno guardi a casa propria<br />
<br />
Domanda:<br />
Chi pubblica i libri di Saviano?

Ah, l\'autarchia... che bella cosa melgaco, peccato che siamo in Europa e corre l\'anno 2009...

Commento modificato il 05 ottobre 2009

secondo Reporter SF l\'italia sta al 40° posto<br />
http://www.disinformazione.it/libertadistampa.htm<br />
<br />
<br />
secondo la Freedom House , un\'organizzazione no profit e indipendente fondata nel 1941 da Eleonor Roosvelt, siamo al 71° posto a pari merito con Benin e Israele, unico paese \"parzialmente libero\" in Europa, e questa è americana, a Berlusca gli piace l\'America<br />
<br />
se si vuol fare dell\'amara ironia, diciamo che c\'è una libertà di stampa \"diversamente\" concepita, il perchè lo spiega benissimo sotto la Prof x me

Non è questione di autarchia (che significa un\'altra cosa).<br />
E\' questione di trave e di pagliuzza<br />
<br />
Mi dici chi pubblica Saviano?

esatto, segnalo inoltre a chi volesse allargare le sue vedute con delle informazioni che in Italia vengono sottaciute e non si trovano né sui giornali né sulle TV, l\'ottimo sito che fa una rassegna stampa in italiano di ciò che dice il mondo su di noi.<br />
Attenzione: le informazioni potrebbero provocare choc e turbamenti a chi è abiutato a vedere solo Fede o Vespa o il TGvelinesco di Italia1 o canale5.<br />
<br />
Il sito è: <b><a href=\"http://italiadallestero.info/\">http://italiadallestero.info/</a> </b>

Mi chiedo...sono io che voglio spegnere Santoro o voi che volete spegnere Fede?

Non so chi sia, comunque chiunque lo pubblica di sicuro è un editore scaltro che pensa prima al profitto e poi al contenuto, visto i milioni di copie vendute da Saviano con Gomorra. Si possono trovare migliaia di libri come Gomorra che nessun editore prende in considerazione.<br />
Con un bun marketing anche io e te potremmo scrivere dei best seller.<br />
Può darsi che i suoi editori siano gli stessi camorristi che Saviano descrive nel suo libro, tanto loro dove c\'è da fare soldi ci si buttano di sicuro.

Non spegnete lecca-fede per carità, io lo uso per spiegare ai bambini cos\'è la dignità. A lecca-fede associano la parola cacca, come quando fanno per raccogliere qualcosa per strada, \"No! Quella è cacca\"...

Mondadori lo pubblica.<br />
<br />
Silvio Berlusconi e famiglia.<br />
<br />
Com\'è che so ste cose anche se non leggo Repubblica?<br />
<br />
E hai centrato il problema. A Berlusconi interessa il profitto. E se uno che gli dà contro gli fa fare soldi, lui lo porta in palmo di mano.<br />
Anche se poi costui sputa nel piatto dove mangia.

Commento modificato il 12 ottobre 2009

Santoro è un giornalista, io capisco che a destra c\'è sempre stata poca cultura e poche personalità, ma se vi siete ridotti a poter contrapporre solo Fede, be\' siete messi davvero male...<br />
<br />
Dà retta, comprati un libro di Travaglio, sforzati e leggilo tutto, poi torna e ne parliamo, adesso non lo capisci, ma è per il tuo bene, e quando lo avrai letto e capito, mi ringrazierai.<br />
<br />
Ce la puoi fare, <b>yes you can!</b>

Allora vedi che lo sapevo anch\'io che non leggo Repubblica, sono proprio i camorristi e famiglia che pubblicano Saviano.

Hai fatto tu il nome di Saviano...anzi l\'ha fatto il tuo amico giornalista francese.<br />
<br />
Fatti cancellare il commento sopra che se lo legge Silvio si rifà tutti i 750 milioni che deve a De Benedetti

Quindi vuoi spegnere Fede?

però è vero, ha ragione il Mega, cioè Venezia, è davvero ridicolo.. tuttavia, ma voi avete bisogno davvero che si vada a regime perchè vi si dica \"hai visto che avevamo ragione noi?\" e siccome tanto è sì, davvero vi piacerebbe star sotto un regime presidenziale berlusconianamente concepito? e soprattutto, perchè?<br />
<br />
convertitemi che anch\'io so stanco!!

Commento modificato il 05 ottobre 2009

nessuno vuole spegnere Fede, basterebbe accendere qualche altre decina di emittente e non fermarsi alle 6 del telecomando, poi vedrai come si spegne da solo il Fede!! o beh, se si potesse spedirlo sul satellite, anche fisicamente, mi accontenterei.. che dirette memorabili che farebbe: \"Silvio, Mussolini aveva il profilo al Furlo, io ti ricosco nella madre Africa e nelle terre Nord-americane: sei la madre ed ilpadre della Terra!! Ti lodo e ti benedico!!\"

Infatti la tv non è solo quelle 6 reti.<br />
<br />
Quando fanno il calcolo 70-30 non tengono conto di Sky e del digitale terrestre.<br />
Avete mai visto Rai News 24?<br />
<br />
Vi assicuro che a confronto Santoro è un dilettante.

Off-topic

mea culpa, sono stata sciocca io a prestarmi a questo \"ciurlare nel manico\". ma sono fiduciosa e imparerò dai miei sbagli

Off-topic

melga tu sei rozzo e ignorante non potrai mai raggiungere il loro livello<br />
meglio lasciar perdere, dai retta

Ahahahahah...<br />
Il corriere della sera di sinistra: buona questa!

Andrea Cesanelli stavo leggendo i suoi commenti con interesse poi mi imbatto nella solita frase scontata, patetica e di chi non ha argomenti migliori: \"io capisco che a destra c\'è sempre stata poca cultura\".<br />
Smettiamola con questa storiella, davvero: questo volersi appropriare di interi settori della vita comune (la cultura, il volontariato, ecc.) ha sempre connotato ed ira è un boomerang per la sinistra italiana; l\'ipocrisia alla fine viene a galla.<br />
Nel suo caso viene subito a galla: lei ha scritto \"capisco che HA destra\"... amico mio hai messo un h di troppo.<br />
Alla faccia della cultura! Oltre ai libri di Travaglio leggi anche qualche libro di grammatica.<br />

Chi guarda Sky sa bene che ci sono dei programmi che fanno veramente impallidire Santoro; ben venga perchè l\'Italia è un paese libero e tale rimarrà: ormai quest\'opposizione non ha mezzo argomento per contrastare il governo e si attacca dove si è sempre attaccata... non capite male, parlavo della Costituzione e dei diritti! Però anche l\'idea più maliziosa non è poi sbagliata :)

Off-topic

Amico mio, <b>scrivere una preposizione come fosse un verbo è un evidente refuso</b> non un errore.<br />
<br />
Poi però <b>Lei può attaccarsi ad un refuso se non ha argomenti</b>, per carità, ma i lettori intelligenti lo vedono chiaramente e la figura meschina la fa Lei, non io.<br />
<br />
Potrei contrattaccare chiedendoLe di spiegarci c\'è l\'h in quell\'avere terza persona, così da mettere alla prova la solidità della sua preparazione grammaticale; dubito Lei saprebbe vagamente darmene una motivazione storica-linguistica-grammaticale, e anche se andremmo <i>off topic</i> a me non dispiacerebbe visto che la linguistica è uno dei miei passatempi preferiti.<br />

consecutio pronominum

Off-topic

è contrario alle netiquette far notare i refusi, lasciatelo dire da me che sono un esperto del riprendere gli errori :-)

forse a differenza tua io so leggere un bilancio e almeno di materia economica ne capisco! E soprattutto io non credo per partito preso a Travaglio o Repubblica, io leggo mi informo e poi mi faccio la mia idea LIBERA! Non vado in tv a dire che Berlusconi e\' unto dai voti degli italiani come fanno gli incapaci militanti nel suo partito!

quindi dire di milioni di italiani che sono deficienti rozzi e ignoranti è corretto<br />
mentre far presente a qualcuno che ha fatto un grossolano errore di ortografia è scorretto<br />
<br />
chi sono le netiquette?<br />
parenti delle majorettes?<br />
<br />
PS: l\'ultimo periodo del precedente commento è scritto in codice o anche quello è un refuso?

6 un po\' ingiusto con il Melga, le persone che mi spaventano 1po\' so quelle che lasciano perde o si ostinano, a me piace pure euronews<br />
<br />
anche se ogni tanto capita di lascià perde come dici te, per esempio quando ci so quelli che vorrebbero 1 stato etico ad ogni costo, come avvisava Fini (cito Fini, perchè è la migliore destra credo)

Netiquette? Gli argomenti scarseggiano sempre più; prima di parlare e paventare una superiorità cultura, rifletta due secondi in più; magari si evitano fastidiosi errori (che refusi in quel caso proprio non sono!) decisamente imbarazzanti per un professore di \"itagliano\" alla Di Pietro.

Off-topic

Ti ho insegnato che l\'<b>ha</b> al posto di <b>a</b> era un <b>refuso</b> (termine per te nuovo ed esotico, lo so); qui non si paventa nulla (il termine è improprio, paventare vuol dire temere, tu intendevi millantare casomai).<br />
<br />
Ecco, il mio era un <b>refuso</b> la tua invece ignoranza. Senza offesa per carità, solo semplice consiglio a prender in mano un dizionario tra un Tg4 e uno Studio Aperto.<br />
<br />
Almeno ti sei andato a vedere cosa vuol dire refuso? Mica posso tornare sulle lezioni di ieri.<br />
<br />
Dai su, <b>maybe you can...</b><br />
<br />
<b>PS</b>: <i>confondere paventare con millantare è grave però, scusa se te lo dico... altro che itagliano, questo sì che è ingiustificabile! altro che gli errori di battitura degli altri!</i><br />

Off-topic

io pensavo che ci facessi<br />
<br />
invece.....<br />

Comunque, ignoranza a parte, tenersi berlusconi al governo e difenderlo ad oltranza è puro masochismo.<br />
Famose maleee....

oggi avrebbe dovuto essere il giorno della verità!<br />
<br />
il <b><a href=\"http://www.ilmessaggero.it/articolo_app.php?id=22650&sez=HOME_INITALIA&npl=&desc_sez=\">Doomsday</a></b> (clicca per vedere)<br />
<br />
invece pare che tergiversino... forse paventano... speriamo di no, speriamo vadano giù duri e puri senza paura, <b>quando la Costituzione si scontra con un Berlusconi, non mi pare ci debbano esser dubbi su chi deve cedere il passo!</b><br />
<br />
Chi difende il Lodo Alfano mi fa ricordare il monologo di Bruto nel Giulio Cesare di Shakespeare:<br />
<br />
\"<b>chi c\'è qui tanto vigliacco da voler essere schiavo?</b>\" se posso citare il Bruto Shakespeariano per indicare chi difende il Lodo Alfano, <br />
<b><br />
<a href=\"http://books.google.it/books?id=Gl1dd6fwGPgC&pg=PA125&lpg=PA125&dq=chi+qui+cos%C3%AC+da+voler+essere+schiavo?+giulio+cesare&source=bl&ots=THE4WULf1S&sig=pfAHAv_GSZvS7aGGUkibm1cPk5o&hl=it&ei=VGvLSru6F4mGsAbjocGDAw&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=2#v\">vedi link</a></b><br />
<br />
ecco, appunto!<br />
C\'è chi fa anche l\'avvocato di chi lo prende in giro, assurda italietta!<br />

Off-topic

Andrea, chiunque può commettere un errore, anche un appassionato di linguistica; purtroppo è un errore abbastanza comune quello di mettere qualche h di troppo, capita!<br />
Se poi vuoi farci credere che si è trattato di un refuso va bene, ti credo!<br />
Contento? :)<br />
Ti consiglio comunque di stare attento ai refusi, parola nota anche a me, pensa un po\'!<br />
Oltre a commettere \"refusi\" o errori grammaticali a seconda delle convenienze, commetti un errore da non sottovalutare: giudichi persone che non conosci sulla base di presunzioni dettate da... cosa?<br />
Chi ti dice che io guardi il tg4 o studio aperto?<br />
Spiacente di deluderti ma non guardo nè l\'uno nè l\'altro.<br />
In compenso leggo diversi libri, primi fra tutti i manuali (e non solo manuali) giuridici.<br />
Quando il piccolo professore di itagliano (non è un refuso è voluto!) si sarà rilassato bevendosi una camomilla magari parleremo di argomenti concreti.<br />
Concludo dicendo che se questo è il tuo modo di fare politica, in qualità di esponente dell\'Idv, tendo a nutrire molti dubbi su questo partito a livello cittadino.<br />
Se invece ti rilassi e parliamo di argomenti seri e concreti sappi che in me troverai una persona con la quale poter parlare, sempre.<br />
Ciao<br />

Off-topic

io sono persona tollerante e comunicativa, semmai ci sarà occasione di conoscerci potrai giudicare da solo e -spero- darmi ragione.<br />
<br />
Nondimeno mi dà fastidio che: 1 si prenda un errore di battitura come un errore madornale che non avrei potuto in nessun modo fare, 2 che mi si etichetti come idviano e basta, non sono il tipo che vende la sua testa ad un\'ideologia né sono il portavoce di dipietro. (e queste sono state anche divagazioni fuori topic)<br />
<br />
Premesso questo ribadisco che se sono qui è per comunicare, anche se a volte mi indigno perché la situazione italiana lo richiede.<br />
<br />
Sul Tg4 e studioaperto, era una controprovocazione alle accuse di superficialità e millantaneria, non attacco ma mi difendo, ma questo esula dal piano personale perché sono -forse un po\' ingenuamente- sempre convinto che tutti siano in buona fede e che cerchino come me una migliore visione delle cose attraverso il confronto. Tutti o quasi... chi più chi meno.<br />
<br />
In ogni caso finché discuto vuol dire che stimo, quando non stimo più, non parlo più

Se pensi che gli altri siano in buona fede e che cerchino una migliore visione delle cose (e del mondo, aggiungo) sei in sintonia con me; però certe affermazioni sembravano più un attacco che una difesa.<br />
Contento del chiarimento<br />
Un saluto<br />
Gabriele<br />

veramente \"alla Sindaco le\" è come \"a me mi\": ugualmente sbagliato...

<b><br />
a onor del vero va detto che c\'era anche il Pd:<br />
<a href=\"http://photos-h.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc1/hs231.snc1/7833_1253535899444_1260943111_30747727_4734571_n.jpg\"><br />
eccoli!</a></b></p><br />
<p><br />
<a href=\"http://photos-h.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc1/hs231.snc1/7833_1253535899444_1260943111_30747727_4734571_n.jpg\"><br />
<img border=\"1\" src=\"http://photos-h.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc1/hs231.snc1/7833_1253535899444_1260943111_30747727_4734571_n.jpg\" width=\"300\" ></a>

Non capisco perché si tenda a cancellare i femminili propri italiani, esiste sindachessa perché non usarlo?<br />
<br />
Già ci siamo persi il neutro sulla strada dal latino all\'italiano, vogliamo perderci anche il femminile? <br />
<br />
Idem per il pronome \"le\", c\'è: usiamolo! serve a far chiarezza; persino l\'inglese distingue tra <i>her</i> e <i>him</i>, cos\'è quest\'ipersemplificazione dell\'italiano moderno a usare per tutti solo \"gli\"?

Off-topic

freewilly or freebullshits?<br />
No perché come vacuità di ragioni e contenuti non ti batte nessuno? cos\'è punti al consenso del pubblico del GF?<br />
<br />
un consiglio comunque:<br />
occhio alle querele a dire cose non vere o fare illazioni su fatti smentiti, <i>capisc\'ammè</i>!<br />

Off-topic

Forse non mi sono spiegato: lì non va né le né gli... <br />
Politically (and syntactically) correct: Alla Sindachessa in questo rush finale non starebbe male...<br />
<br />
(rash è termine medico e non ha niente a che vedere con rush)<br />
<br />
Mi stupiva semplicemente che qualcuno si fosse preso la briga di fare una correzione che, dal punto di vista della grammatica \"classica\" italiana, fosse scorretta quanto l\'originale ;-)

Off-topic

la correzione di le/gli è una già correzione, poi in realtà ci sarebbe da considerare anche il pleonasmo del \"a lei le\" che però non è propriamente un errore, se lo fosse i più grandi scrittori sarebbero da bacchettare tutti, Manzoni in testa, prova ad aprire I promessi sposi ad una pagina a caso, quindi io lo chiamerei una bruttura stilistica, un pleonasmo appunto che però può essere inteso come anacoluto a voler simulare l\'immediatezza del linguaggio parlato. <br />
Il le per gli invece no.