Lettera anonima ad Ettore Coen, insulti antisemiti

2' di lettura Senigallia 26/09/2009 - C\'erano anche degli insulti antisemiti nella lettera anonima che Ettore Coen, il portavoce della comunità Ebraica senigalliese ha ricevuto nei giorni scorsi. I carabinieri ora indagano.

Spedita da Ancona, la lettera anonima riporta il timbro postale di giovedì, lo stesso giorno in cui Ettore Coen si è chiaramente dichiarato contrario alla decisione dell\'amministrazione comunale di demolire le ex Colonie Enel. Una coincidenza? “Non credo -ha spiegato lo stesso Coen-. Da quando ho iniziato questa battaglia in difesa delle ex Colonie Enel, ho assistito ad una vera e propria escalation di insofferenza nei miei confronti. Fino ad oggi (sabato ndr) mi ero “solo” scontrato con delle persone. Ora però questa lettera. Certo non si tratta di minacce ma di ingiurie nei miei confronti. Insulti che comunque toccano sfere personali e delicate.

Un collegamento diretto fra le due questioni ancora è tutto da verificare, a farlo ci penseranno i Carabinieri. “Il fatto è stato immediatamente denunciato ai Carabinieri -ha spiegato Roberto Paradisi, legale di Coen-. Ci sono diversi elementi su cui gli inquirenti possono lavorare. Innanzitutto la provenienza della lettera che, come abbiamo spiegato ai Carabinieri, secondo noi è da ricerca in determinati ambienti. In secondo luogo la calligrafia sulla busta. Abbiamo per questo richiesto un esame calligrafico.” “In tutti questi anni molte volte ho affrontato battaglie -ha continuato Coen-. Soprattutto come commerciante. Per questo spesso sono stato attaccato, ma “solo” come commerciante. Ora è diverso. La questione delle ex Colonie Enel è su una altro piano e l\'attacco ricevuto pure. Paura? No.

Ettore Coen nonostante la lettera continua a difendere le proprie posizioni. \"La documentazione storica parla chiaro, quel edificio nel \'44 è stato teatro di un campo di concentramento. Ora è stato demolito. Mettere una targa in ricordo? Se la nuova struttura diventa un “divertimentificio” non ha senso. La nuova struttura dovrebbe avere uno spessore culturale alto.” E Paradisi rincara la dose. “Oltre a questo attacco criminoso della lettera c\'è da mettere in conto l\'attacco politico che Coen è costretto a subire -spiega l\'avvocato e Consigliere Comunale di opposizione-. Ecco a Senigallia che succede se si fanno battaglie come questa, contro la corrente negazionista.





Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2009 alle 20:02 sul giornale del 28 settembre 2009 - 5871 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, attualità, riccardo silvi, ettore coen, ex colonie enel


Commento modificato il 26 settembre 2009

La solidarietà è più che ovvia. L\'indignazione, pure. Il disprezzo per questa gente che infesta la società, usando metodi mafiosi non conoscendone altri, totale e viscerale. <br />
<br />
Speriamo che il fondo arrivi presto e che si possa risalire, Ettore. Io ci spero.

Il cerchio delle ricerche secondo me è strettissimo.<br />

Ettore

Grazie, Mariangela.

Commento modificato il 27 settembre 2009

Ettore, credo e spero che la lettera sia opera di un singolo idiota.<br />
La tua battaglia è stata una iniziativa culturale e storica, senza speranza ma dignitosa.<br />
Sui campi di concentramento locali ho fatto una minima ricerca su internet, nella seconda fase dl conflitto ne sorsero non pochi nelle Marche, di piccole dimensioni come quella dell\'Unes, collocati in scuole e anche in case private. Questo non sminuisce certo il valore simbolico di quanto hai fatto e di cui ti va reso merito. Personalmente avevo ritenuto già poco rispettoso anche costruire dei condomini nel vecchio cimitero ebraico, ma almeno lì ora ci sono dei giardini che onorano la memoria di Anna Frank, malgrado quegli ebrei siano morti in pace e non per mano nazifascista. Ma è un discorso troppo lungo da fare e tenere le ruspe ferme costa.<br />
<br />
Nel contesto della riqualificazione dell\'area, si sarebbe potuto elaborare un progetto che senza compromettere le esigenze economiche dei costruttori, salvaguardasse la memoria storica non solo di quell\'edificio, ma di un periodo storico che ha segnato la nostra città. Peccato che si sia persa l\'occasione.<br />

In quanto ebreo(non confcessionalmente,non seguo alcuna confessione)),non seguo alcuna confessione,mi sento pure io offeso e ingiuriato,da quattro idioti che non hanno mai sentito nella loro vita la voce della coscienza,elemento che dovrebbe distinguere la razza umana dalla materia inorganica.Non capisco quanto ora si sentono contenti.Piangono,ridono,soffrono,si arrabbiano,hanno gioe queste persone?Cosa penasono quando vanno a letto,la sera in genere è dimostrato che a livello psicologico è il momento degli esami di coscienza.è dimostrato e studiato,ma comunque è tutta la società giovanile che è in decadenza,o meglio ,c\'è una parte di società in decadenza ,anzi,mai alzatasi,che crea turbativa sociale.Negli stadi,al lungomare la sera,ogni volta arrivano ambulanze al lungomare la sera,ogni volta succedono storie perché quello ha guardato quell\'altro,quell\'altro per sbaglio è andato addosso a quell\'altro ancora.Mi trovo personalmente coinvolto,mio malgrado, in queste situazioni.Vi ricordate dei vandalismi in spiaggia?Perché la questura non manda in giro ,pattuglie munite di manganelli la sera?vi assicuro che è un buon deterrente.Purtroppo non abbiamo sufficienti risorse umane nelle forze dell\'ordine.quante ne avremmo nell\'esercito.é ora suonata.In Sicilia,arrivato l\'esercito,la mafia si diede una grossissima calmata.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Off-topic

tommaso senza offesa il tuo commento è delirante, fai di tutta un\'erba un fascio ... e sembra proprio che lo invochi - il fascio - ma essendo ebreo saprai anche che furono loro e questa mentalità da \"legge e ordine\" a fare le leggi raziali.

Anche la mia di solidarietà e di amicizia a Ettore, con cui ho condiviso gli anni delle scuole medie,pur pensando anche io che si tratti di un imbecille isolato o da isolare è bene testimoniare la nostra solidarietà, perchè la politica dovrebbe essere altra cosa dall\'odio e dall\'antisemitismo.

Penso si usi la scusa dell\'antisemitismo per mascherare un fastidio verso chi va contro i prevalenti interessi economici di Senigallia.<br />
Mi unisco a chi ha giustamente aggettivato l\'ideatore di quella lettera: imbecille!

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Tommaso, hai mai pensato di rivolgerti a un esorcista?

Non te la prendere più di tanto Lillo, sono 26 anni che me ne sono andato da Senigallia ed ogni volta che torno assisto ad uno scempio. Senigallia è purtroppo una cittadina destinata a rimanere priva di storia e di ricordi, non mi stupirei se le prossime vittime fossero la rotonda e la rocca roveresca!!!<br />
E\' sempre e soltanto una questione di interessi, potrei stare qui ad elencarti una serie di cazzate che ultimamente sono state fatte, ma è inutile tanto ne sei al corrente come la maggior parte dei Senigalliesi che vive fregandosene altamente degli altri e si sveglia solo quando gli viene calpestato l\'orticello di casa.<br />
Mi spiace per ciò che ti è successo ma vado orgoglioso per avere un amico con le palle!!!




logoEV
logoEV