statistiche accessi

Cir33: risultati positivi grazie alla collaborazione di famiglie e operatori economici

simone cecchettini 4' di lettura Senigallia 19/08/2009 - La piena attuazione del piano provinciale per la gestione dei rifiuti nel proprio territorio da parte del Consorzio CIR33, garantisce alle amministrazioni comunali e ai cittadini di godere di un ciclo integrato dei rifiuti sicuro, in linea con le normative vigenti e ambientalmente ed economicamente sostenibile.

Tutt’altro che all’acqua di rose, come preferiscono fare molte amministrazioni comunali che, in barba alla normativa, pur di evitare scontri e polemiche, continuano a garantire un servizio di raccolta quotidiana del cassonetto stradale grigio e mensile delle poche campane per la raccolta differenziata. Così facendo, si va incontro a ben poche difficoltà e critiche, sin quando però ci si trova all’emergenza rifiuti. La città di Senigallia, con coraggio, ha invece intrapreso un percorso alternativo che dovunque, in Italia e all’estero, ha inevitabilmente prodotto polemiche, poiché, in primo luogo, cambia le abitudini delle persone: il rifiuto non è più di nessuno, ma di ciascuna persona che deve porsi il problema di gestirlo in maniera corretta adeguandosi a delle regole precise.



Senigallia dispone, per quanto concerne il servizio di raccolta differenziata, di un porta a porta per tutte le frazioni di rifiuto, un potenziamento estivo del ritiro dell’organico per tutte le utenze ed una raccolta quasi giornaliera di ciascun materiale per gli operatori turistici, un servizio gratuito di ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti e del verde, due stazioni ecologiche. Non molte sono le realtà che godono di un servizio così completo. Certo bisogna adeguarsi alle sue regole e alle sue esigenze. Anche dal punto di vista impiantistico, il bacino gestito dal CIR33 può vantare tutte le carte in regola. Le discariche al servizio del territorio sono due, Corinaldo e Maiolati Spontini; è inoltre operativo l’unico impianto provinciale per il trattamento della frazione organica. Anche gli impianti per la selezione ed il recupero dei rifiuti riciclabili rispondono pienamente alle esigenze emerse dell’elevato incremento dei materiali in seguito all’introduzione dei nuovi servizi di raccolta differenziata.



Il contratto in essere con il gestore del servizio Manutencoop garantisce alle famiglie e agli operatori economici la piena operatività anche nei giorni festivi. Le uniche giornate, durante l’arco dell’anno, nelle quali il passaggio porta a porta è anticipato al giorno prima o posticipato al giorno successivo, sono quelle del 1 gennaio, del 1 maggio e del 25 dicembre. Come dimostrato il 15 agosto, nonostante l’apertura della discarica garantita per una sola ora, il servizio è stato in grado di garantire la raccolta potenziata del lungomare e della ZTL e quella prevista dal calendario per tutto il resto della città. I risultati conseguiti in termini di percentuali di raccolta differenziata, recupero di materiale, gestione efficiente e a norma di legge del ciclo dei rifiuti ha consentito alla città di Senigallia di assurgere alle cronache nazionali in molteplici casi, come in occasione del premio Comuni Ricicloni nazionale e regionale o del riconoscimento della Bandiera Blu o, ancora, delle molteplici visite presso la nostra città di delegazioni di altre realtà nazionali desiderose di replicare la positiva esperienza consortile. Le molteplici attività comunicative e l’Ufficio informazioni del Consorzio consentono un costante contattato con i residenti, gli operatori economici e i turisti, i quali rivolgono in molti casi i loro complimenti alla raccolta differenziata, ma come si sa a far notizia sono solo le polemiche.



Il Consorzio vuole invece ribadire come i positivi risultati conseguiti dimostrino la costante collaborazione delle famiglie e degli operatori economici che, nonostante l’inevitabile piccolo impegno che la raccolta differenziata implica, non hanno mai fatto mancare il proprio sostegno al progetto. Per questo li ringraziamo. A coloro i quali, assai pochi per fortuna, continuano a cercare incivili vie di fuga come l’abbandono o la lamentela strumentale, per evitare di gestire in maniera corretta e legale i propri rifiuti, diciamo che gli Ispettori ambientali del CIR33 hanno iniziato ad operare in collaborazione con la Polizia municipale per monitorare i comportamenti ed, eventualmente, sanzionare i reati commessi.


da Simone Cecchettini
presidente Cir33




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-08-2009 alle 16:46 sul giornale del 19 agosto 2009 - 6097 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, simone cecchettini, cir33





logoEV
logoEV
logoEV