statistiche accessi

Niccolò Rossi si riappropria dell\'appartamento occupato dal Mezza Canaja

Niccolò Rossi|Corrado Canafoglia| 1' di lettura Senigallia 15/08/2009 - \"Se i ragazzi del Mezza Canaja - dice Corrado Canafoglia, avvocato della famiglia - porteranno la sede delle associazioni nelle loro case non sporgeremo denuncia per violazione di domicilio e danneggiamenti. Hanno tempo fino a fine agosto\".


Non è durata nemmeno 24 ore l\'occupazione da parte del Mezza Canaja dell\'appartamento di via Mamiani di proprietà della famiglia di Niccolò Rossi.
Nella mattinata di venerdì 14 Agosto Niccolò Rossi è rientrato nell\'appartamento, ha rimosso gli striscioni, ha richiuso il portone d\'ingresso ed ha segnalato con un cartello l\'inagibilità dello stabile.
Lo stabile ha infatti ricevuto nel 2003 un\'ordinanza di sgombero per inagibilità statica, con pericolo di crollo.

L\'occupazione è stata effettuata per dare una sede a due associazioni, \"ma questo non ha attinenza con le problematiche abitative sollevate in questi giorni - spiega Corrado Canafoglia a nome dei proprietari - non entriamo nelle polemiche perché non competono ad un privato, ma il cittadino deve comunque essere tutelato.

Ci auguriamo che prevalga in buon senso e che quella di giovedì sia stata un\'azione estemporanea e che le forze dell\'ordine in futuro non scortino, ma impediscano ulteriori atti del genere. Comprendiamo comunque come non sia stato effettuato l\'arresto in flagranza, previsto per questo reato, per problemi di ordine pubblico\".

La famiglia ha fatto una segnalazione alle autorità preposte dell\'esistenza dell\'ordinanza di sgombero per inagibilità dello stabile.








Questo è un articolo pubblicato il 15-08-2009 alle 13:35 sul giornale del 17 agosto 2009 - 6683 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, mezza canaja, niccolò rossi, politica, corrado canafoglia





logoEV
logoEV
logoEV