L\'Amministrazione agli operatori dei lungomare: confronto serio senza strumentalizzazioni

notte della rotonda 3' di lettura Senigallia 13/08/2009 - \"La singolare protesta di alcuni operatori economici dei lungomari (parliamo di quelli che non si sono subito dissociati dall’iniziativa lamentando di essere stati strumentalizzati dai promotori) chef per richiamare l’attenzione sulla loro situazione annunciano con una finta inserzione la vendita delle proprie attività commerciali, ci lascia francamente molto perplessi\".

Intanto per i motivi addotti a sostegno della protesta. Per carità tutto può essere potenziato e migliorato ma, ci chiediamo, come si fa a sostenere realisticamente che il Comune non faccia nulla per l’accoglienza e promozione del turismo, quando ogni anno viene stanziata nel bilancio comunale per promozione, accoglienza turistica, manifestazioni e sviluppo economico una somma di oltre un milione di euro? Come si può lamentare una carenza di manifestazioni di richiamo, quando proprio le manifestazioni promosse dal Comune (alcune delle quali programmate nel lungomare come la Notte della Rotonda o lo spettacolo pirotecnico) conquistano in misura sempre maggiore la ribalta dei media nazionali?



Come si può lamentare la mancata considerazione delle esigenze dei lungomari nell’organizzazione del sistema di raccolta dei rifiuti, quando fin dallo scorso anno il Comune ha imposto a Cir33 la raccolta dell’organico tutti i giorni nel lungomare, con un esborso ulteriore di oltre 200.000 euro all’anno? E’ vero semmai il contrario, e cioè che l’Amministrazione, puntando sulla bellezza di Senigallia e sulla professionalità e capacità di accoglienza dei suoi operatori economici, ha investito molto sulla promozione e valorizzazione turistica della città, anche attraverso la realizzazione di una rete di piste ciclabili, di un organico piano di parcheggi e di un capillare sistema di trasporto pubblico per collegare la città ai lungomari. E che i risultati raggiunti siano stati ottimi non lo diciamo noi (come sostiene il Consigliere Marcantoni forse un po’ distratto) ma piuttosto lo rivelano i dati e le statistiche degli ultimi anni, che hanno decretato per Senigallia, nonostante la crisi generali delle località balneari in Italia, un costante aumento di arrivi e di presenze turistiche. Tuttavia, ben più che i contenuti, è il metodo utilizzato per la protesta che ci sembra in contrasto con gli interessi generali di Senigallia.



Perchè in un momento della stagione come quello attuale che registra il massimo picco di presenze turistiche, in un contesto che, nonostante la crisi generale, sembra delineare ancora per Senigallia un quadro molto incoraggiante in termini di afflusso di visitatori, pubblicare una pagina come quella utilizzata per la protesta significa offrire ai villeggianti l’immagine distorta di una città in affanno. Quadro che non corrisponde in alcun modo alla realtà delle cose. Cosa ben diversa sarebbe stato affrontare insieme le problematiche evidenziate a fine stagione, in quel confronto aperto con le categorie economiche al quale la Giunta non si è mai sottratta e che ha permesso di conseguire negli ultimi tempi importanti risultati. E’ questo ciò di cui abbiamo bisogno: un confronto serio e costruttivo che, lungi da facili strumentalizzazioni, non perda mai di vista l’obiettivo generale che resta quello della valorizzazione della città di Senigallia nel suo complesso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-08-2009 alle 17:03 sul giornale del 13 agosto 2009 - 5817 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, notte della rotonda