Mangialardi: la minoranza rifiuta un serio e costruttivo confronto politico

maurizio mangialardi 2' di lettura Senigallia 11/08/2009 - \"Siamo alle solite. Il coordinamento civico, nel vano tentativo di coprire con l’invettiva il silenzio assordante determinato dalla propria cronica incapacità di avanzare proposte politiche (a parte la singolare idea di ricreare un edificio ispirato alle Torri Gemelle nella ex area Sacelit) non trova di meglio da fare che estrarre dal proprio cilindro un nuovo fantastico filone: quello dell’horror e del catastrofismo cittadino\".

E così, il semplice distacco di una piccola parte di intonaco avvenuto domenica alla Rotonda diventa un rovinoso crollo, una tragedia sfiorata, un danno di enormi proporzioni. Peccato che i solerti consiglieri Marcantoni, Corinaldesi e Paradisi, concentratissimi nelle loro apocalittiche rappresentazioni della realtà, dimentichino alcuni aspetti della vicenda tutt’altro che secondari. Innanzitutto è bene ricordare che distacchi di intonaco di strato sottile come quello che si è verificato domenica mattina (e non sabato come incautamente riportato nella nota sottoscritta da Marcantoni e dagli altri Consiglieri del Coordinamento Civico) sono inconvenienti che non suscitano allarmi particolari e che possono verificarsi in una struttura dalle caratteristiche anomale come la Rotonda di Senigallia edificata sul mare.



Inoltre va anche sottolineato il fatto che gli operai del Comune dopo l’incidente sono immediatamente intervenuti per rimuovere il materiale caduto e per garantire l’immediata e normale apertura della Rotonda che, durante la giornata di domenica, è stata come sempre visitata da migliaia di persone. Insomma si è trattato di un inconveniente tecnico che accade piuttosto frequentemente in strutture simili, prontamente superato grazie al tempestivo intervento dei tecnici e che non ha creato alcuna penalizzazione alla fruizione della Rotonda a Mare. Tanto rumore per nulla verrebbe da dire.



Resta comunque il disagio per una minoranza che sembra conoscere soltanto una politica gridata basata sulla sistematica alterazione dei fatti, non provando nemmeno a ricercare un confronto politico serio e costruttivo, fondato su idee diverse di città e su progetti alternativi. Ed è questa davvero l’unica “imbarazzante realtà” che viviamo a Senigallia.


da Maurizio Mangialardi
assessore alle Infrastrutture e Urbanistica




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-08-2009 alle 16:37 sul giornale del 11 agosto 2009 - 5040 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi





logoEV
logoEV