Istituito il divieto di transito sulla banchina di levante

porto senigallia 1' di lettura Senigallia 08/08/2009 - Attraverso un’apposita ordinanza, firmata congiuntamente dal Dirigente del Servizio Lavori Pubblici e dal responsabile dell’Ufficio Porto, il Comune di Senigallia ha ritenuto necessario disciplinare ai fini della sicurezza l’accesso degli autoveicoli all’area portuale di levante istituendo un divieto di transito sulla banchina, per la precisione nell’area compresa tra via Bovio, lungomare Marconi e il molo portuale.

Qui si è già intervenuto mediante la posa in opera di dissuasori stradali a scomparsa che, oltre a privilegiare la sicurezza dell’area, favoriscono la pedonalizzazione della banchina di levante e consentono il collegamento della pista ciclabile del lungomare con l’area portuale.


A questo punto si è anche ritenuto importante limitare formalmente l’accesso sulla banchina di levante dell’area portuale: questo è stato fatto attraverso questa ordinanza e contestualmente consegnando ai soli proprietari di veicoli che operano quotidianamente nell’area i telecomandi dei dissuasori posti sui due varchi di accesso, ubicati rispettivamente su via Bovio e su lungomare Marconi.


È importante sottolineare che i mezzi di soccorso e di pubblica sicurezza potranno sempre accedere all’area attraverso il semplice utilizzo della sirena omologata in dotazione ai propri automezzi, che farà scattare i sensori per l’abbassamento dei dissuasori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-08-2009 alle 16:22 sul giornale del 08 agosto 2009 - 2681 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, porto senigallia


E\' importante sottolineare che per i furbi passando dalla parte della pista ciclabile lato Lungomare Marconi, evitano i dissuasori. Mettendo anche in conto che i nostri solerti Vigili in pattuglia con la bicicletta, oltre a non passare mai da quelle parti in particolar modo dalle 7 alle 8 dove sulla ex banchina di ponente si vende il pesce fresco, non si accorgono nemmeno delle tante auto parcheggiate in doppia fila sopra il marciapiede davanti all\'Hotel Eleonora.




logoEV
logoEV